La cattiveria quotidiana 1399


dei coniugi Biagini 
“A Pasquì, hai sentito che all’università nun se po’ dì l’Ave Maria, che te trovi li mentecatti che t’accuseno d’avè ‘limitato a-a libertà personale’ e er poco magnifico rettore se sputtana blaterando de ‘atteggiamento improprio’ e de ‘inaccettabile gesto divisivo’?” “Ho sentito, Romolé, e vor dì che se pe mannà in tilte li lacché de li satanassi basta n’Ave Maria, io je dico subito tre rosari, così vann’a pijarla indove dico io, li satanassi e tutti li lacché loro infeudati inte-e patrie università”.

Nessun commento: