La cattiveria quotidiana 1767

dei coniugi Biagini
PD (Piccolo dizionario della democrazia). Razzista. Chi non condivide l’aggressione mondialista di Soros.

La cattiveria quotidiana 1766

dei coniugi Biagini
“Dimmi, Fulgenzio, non volevi andare in vacanza in Belgio a studiare la pittura fiamminga?” “Invece preferisco andare in Ungheria; almeno è un paese con le palle che sfida la Ue autoritaria, corrotta e decadente, Terenzio.”

La cattiveria quotidiana 1765

dei coniugi Biagini
“Dimmi, Fulgenzio, a che servivano i manicomi nell’Unione Sovietica?” “A stroncare il dissenso.” “E nella nuova?” “Esattamente lo stesso, Terenzio.”

La cattiveria quotidiana 1764

dei coniugi Biagini
“Dimmi, Fulgenzio, qual è la capitale della nuova Unione Sovietica?” “Bruxelles, Terenzio.”

Ci vediamo al Congresso delle famiglie!

Noi ci saremo, ti aspettiamo!

Fede & Cultura parteciperà al Congresso mondiale delle famiglie e alla marcia! Partecipiamo tutti!

 

Gentile ,

mancano pochissimi giorni al Congresso Mondiale delle Famiglie (Verona 29-31 marzo 2019). Ci sarà, per tutti, l'appuntamento importantissimo della Marcia per la Famiglia, domenica 31 marzo, alle ore 12.00 in Piazza Bra (piazza dell’Arena).

Noi ci saremo e vi invitiamo a partecipare, numerosi e felici di  mostrare la bellezza della famiglia, del matrimonio, dei bimbi con mamma e papà.

Il Bene della nostra società e dell'Italia è la famiglia unita, fondamento e forza di ogni civiltà. C'è speranza anche per le famiglie “ferite”, cui vogliamo testimoniare la nostra vicinanza.

Nonostante la quantità di notizie false e di vere e proprie menzogne costruite ad arte che stanno circolando in questi giorni per screditare la manifestazione, noi pensiamo che sia importante difendere la libertà di esprimere il proprio pensiero.

Abbiamo il dovere della TESTIMONIANZA e dell’APOSTOLATO: testimoniare con la nostra vita è fondamentale, ma è importante anche dare PUBBLICA MANIFESTAZIONE dei valori in cui crediamo e in cui vogliamo allevare i nostri figli.

 

Fede & Cultura sarà presente al Congresso e alla Marcia, vi aspettiamo per essere insieme testimoni della Bellezza che salva!

 

Per informazioni organizzative contattare marcia@wcfverona.orgsegreteria@difendiamoinostrifigli.it

 

Prof. Giovanni Zenone Ph.D.
Direttore Fede & Cultura

La cattiveria quotidiana 1763

dei coniugi Biagini
“Dimmi, Fulgenzio, ma nell’Urss non avevano introdotto il ‘libero amore’?” “Sì, ma era comunque sempre tra uomo e donna. E poi, visto il calo precipitoso delle nascite, in poco tempo se lo sono rimangiato, Terenzio.”

La cattiveria quotidiana 1762

dei coniugi Biagini
“Dimmi, Fulgenzio. Fra gli usurai mondiali e Stalin chi è il meno peggio?” “Senza dubbio Stalin. Almeno per lui un uomo era un uomo, una donna una donna e una famiglia una famiglia, Terenzio.”

I tesori ritrovati della spiritualità certosina

Clicca per info e acquisti
di Maurizio Schoepflin
Aveva una cinquantina d’anni Bruno, originario della città tedesca di Colonia, quando, attratto dall’ideale di un cristianesimo severamente ascetico, nel 1084 raggiunse la diocesi di Grenoble, ove fondò un romitorio sul massiccio della Chartreuse: da tale fondazione ebbe origine e prese il nome una delle più gloriose famiglie monastiche nate in seno alla Chiesa cattolica, quella dei certosini.
La ricchezza della tradizione inaugurata da san Bruno, che morì nel 1101 a Serra, non lontano da Catanzaro, ove aveva dato vita a un nuovo eremo, è testimoniata anche da numerosi scritti, tra i quali meritano

La cattiveria quotidiana 1761

dei coniugi Biagini
“Dimmi, Fulgenzio. Che beneficio si otterrebbe impiccando i radical-chic politicallicorretti della decrescita felice?” “Un ambiente più pulito, Terenzio.”

La cattiveria quotidiana 1760

dei coniugi Biagini
“Dimmi, Fulgenzio, non ti pare che i tronconi di quel ponte crollato somiglino a due gigantesche forche?” “Sarebbero ideali per appenderci i radical-chic politicallicorretti della ‘decrescita felice’ che hanno sabotato la Gronda, Terenzio.”

Il terzo segreto di Fatima

Clicca per info
Il Terzo Segreto di Fatima è stato tenuto completamente nascosto per più di mezzo secolo, e ciò che è stato rivelato il 26 giugno 2000 ne costituisce solamente la parte più “politicamente corretta”. Nel novembre 1984 venne pubblicata un’intervista al cardinale Joseph Ratzinger, nella quale venne fornita la chiave per accedere ai contenuti essenziali del Segreto. Il Cardinale Ratzinger collegò il contenuto del Terzo Segreto ai “novissimi” (cioè i testi escatologici delle Scritture) e ai messaggi celesti rivelati in varie apparizioni Mariane. il Segreto di Fatima svelerebbe quindi il “Mistero dell’Iniquità” che San Paolo, quasi 2.000 anni fa, disse essere “già in atto” (2 Tess 2,7). Quando avremo cominciato a cogliere la vera na-tura e l’assoluta gravità di questo mistero e delle sue ramificazioni a livello geopolitico, non avremo problemi a capire perché Giovanni XXIII impallidì e quasi svenne, dopo aver aperto la busta contenente il Segreto e averne letto le sue circa 25 righe di testo. 
(P. Paul Kramer, Il mistero dell'iniquità, p. 16)

La cattiveria quotidiana 1759

dei coniugi Biagini
“Dimmi, Fulgenzio, i radical-chic politicallicorretti della decrescita felice dormiranno tranquilli?” “Ma certo, dopotutto ne hanno ammazzati solo quarantatrè, Terenzio.”

La cattiveria quotidiana 1758

dei coniugi Biagini
“Dimmi, Fulgenzio, perché all’università di Fungorifungo scarseggia l’intelligenza?” “È il politicamente corretto ateneo dell’illustre Valerio Ragazzo Troppo Serio, campione mondiale di politicallicorrettume, Terenzio.”

Auguri a Papa Benedetto


Auguri Papa Benedetto Joseph!!!
Dio e san Giuseppe ti conservino a lungo per il bene della Chiesa! Prega per noi che ci sentiamo soli e abbandonati!

Esaudire i desideri di Dio

Clicca per info
di Stefano Biavaschi
Pregare è esaudire i desideri di Dio. Nella preghiera, quando è vera, non ci s’incontra con ciò che vogliamo, ma con ciò che Dio vuole da noi.
La preghiera è dunque figliolanza perfetta.
È un viaggio interiore in cui ci si arrende all’amore.
(da Stefano Biavaschi, Guida alla preghiera)

La cattiveria quotidiana 1757

dei coniugi Biagini
“Dimmi, Fulgenzio, come mai il professor Pigreco si è dimesso dalla cattedra di Analisi infinitesimale all’università di Fungorifungo ed è andato all’estero per sviluppare i suoi studi sull’intelligenza artificiale?” “Perché nella sua università non riusciva a trovare quella naturale, Terenzio.”

La preghiera

Clicca per info
di Stefano Biavaschi
Che cos’è la preghiera? E, in particolare, che cos’è la preghiera cristiana? È atto dell’uomo o è atto di Dio? In verità, nessun uomo può pregare se ciò non è suscitato da Dio; recitare formule è un conto, essere nella preghiera è un altro. E questo perché la preghiera, prima di ogni altra cosa, prima ancora che si esprima nelle sue varie modalità, di lode o di ringraziamento, di supplica o di intercessione, è uno stato d’essere. Pregare è riporre la propria vita in Dio. San Giovanni Damasceno (VII sec.) scriveva: “La preghiera è elevazione dell’anima a Dio”. Pregare è quindi un atteggiamento del cuore, in particolare un atteggiamento di umiltà: una rinuncia al proprio orgoglio, per porre la propria fiducia in Dio.
(da Stefano Biavaschi, Guida alla preghiera)

La neo-religione ecologista

Clicca per info
L’ideologia contemporanea dell’ecologismo trasforma la natura in un culto: non è una natura umanizzata dall’uomo, con la sua conoscenza e il suo lavoro, ma un’entità che esiste prima dell’uomo e che può esistere senza di lui. Il pianeta viene visto come un essere spirituale divino, la famosa divinità madre terra, Gaia, a cui ci rivolgiamo attraverso diversi canali, forze ctonie e forze vitali. La determinazione a diventare un tutt’uno con il cosmo e a perdere qualsiasi distinzione porta a un rifiuto della ragione e del pensiero critico, ritenuti fattori responsabili dei danni procurati al pianeta. In questo modo trionfa il non razionale e, di conseguenza, l’uomo celebra l’istinto, l’emozione, l’intuizione e, infine, l’irrazionalità. 
(Dominique Rey, Cattolicesimo, ecologia e ambiente, p. 23)

La cattiveria quotidiana 1756

dei coniugi Biagini
Dalle cronache del falso pastore. “Se un lupo mangia una pecora, io che c’entro?”

La cattiveria quotidiana 1755

dei coniugi Biagini
Dalle cronache del falso pastore. “Non c’è nessun pregio speciale a far parte del gregge. I lupi hanno lo stesso diritto di farne parte.”

Quando la patologia diventa virale

Clicca per info
Quando la patologia diventa virtù! Una ragazzina con ossessioni compulsive che diventa l’icona delle bugie ambientaliste (incrocio tra patologia mentale e criminalità socioculturale). E ovviamente i gran sacerdoti del politicamente corretto si affrettano a proporla per il Nobel... Fra un po’ daranno il nobel per la purezza alle prostitute è quello per la difesa degli embrioni a Emma Bonino

'Germain Grisez scrive che "molte persone non credenti immaginano che gli esseri umani siano l’unica fonte di significato e di valore nell’universo. Queste persone, presumendo che le realtà sub-personali siano prive di intelligibilità e valore proprio, che gli umani invece sono in

Certezza

Il fatto che la maggioranza delle persone sia (stata) convinta di qualcosa è indice, con una ragionevole certezza, che quella cosa sia falsa. Al contrario, quando una certezza è insita naturalmente, cioè non per via mediatica, di qualcosa, è indice di una quasi certezza di verità.
G.Z.

La cattiveria quotidiana 1754

dei coniugi Biagini
Dalle cronache del falso pastore. “Tanti ponti per meglio accedere al gregge.”

La cattiveria quotidiana 1753

dei coniugi Biagini
Dalle cronache del falso pastore. “Non riesco tanto bene a distinguere i lupi dagli agnelli; chi sono io per giudicare?”

La cattiveria quotidiana 1752

dei coniugi Biagini
Dalle cronache del falso pastore. “I muri sono dannosi per i lupi.”

La cattiveria quotidiana 1751

dei coniugi Biagini
Dalle cronache del falso pastore. “Il riscaldamento globale fa male ai lupi.”

Uovo e gallina

Non tocca all’uovo far lezione alla gallina.
(Israel Joshua Singer, La famiglia Karnowski)

Immortale odium

Clicca per info
di Pietro Licciardi
Siamo nell’Italia da poco unificata da massoni e garibaldini, in cui si sono infine calmati gli eccessi e gli odi anticlericali della prima ora, pur rimanendo inalterata da parte dei circoli unitari che hanno ormai il monopolio del nuovo Stato l’ostilità per i preti e i cattolici. Cattolici i quali, dopo aver subìto le angherie e i soprusi patiti durante il “glorioso” Risorgimento, sembrano ormai aver fatto buon viso a cattiva sorte, rassegnandosi a nuovi destini comuni all’ombra del nuovo e infame tricolore.

Un deputato, noto massone, viene assassinato di ritorno da una conviviale cena in loggia. Non sarà l’unico a morire, altri

La cattiveria quotidiana 1750

dei coniugi Biagini
Dalle cronache del falso pastore. “La sicurezza dei lupi è indispensabile, quella del gregge un po’ meno.” 

La prima ora è di Dio

La prima ora è tutta di Dio! Allora Iddio parla, Iddio ara le anime, Iddio lavora in noi, plasma il nostro spirito: ... Ma per sentire questo, è necessario, fin dal mattino, gettarti umilmente ai piedi di Gesù, nel silenzio e nella solitudine, e disporre almeno di una mezz'ora al giorno: è allora che Iddio, parlandoci, si fa maestro.
(S. Luigi Orione) 

La cattiveria quotidiana 1749

dei coniugi Biagini
Dalle cronache del falso pastore. “Bisogna che i lupi siano ben nutriti.”

La cattiveria quotidiana 1748

dei coniugi Biagini
Dalle cronache del falso pastore. “Io parlo solo con i lupi.”

Da regalare a un sacerdote?

Clicca per info
di di Camillo Langone (il Foglio 1 febbraio 2019)
Sia lodato don Michele De Santi, autore de “La talare sacerdotale. Segno di fedeltà a Cristo e di rinuncia al mondo” (Fede & Cultura), un libro sulla “estrema convenienza di un abito specifico che contraddistingua il sacerdote”. Un libro che non tralascia alcun aspetto, antropologico, sociologico, simbolico, teologico, della delicata faccenda, fitto di riferimenti storici e canonici che spaziano dal concilio di Macon del 581, il primo “concilio a proibire esplicitamente al clero l’uso di indumenti secolari”, fino ai tanto numerosi quanto vani interventi di Giovanni

Amare Gesù

È bello sentir parlare di Gesù; più bello è ascoltare Gesù stesso che parla. È bello riflettere su Gesù; più bello è possedere Lui stesso. È bello ascoltare le parole di Gesù; più bello è fare la sua volontà.
(S. Maria di Gesù Crocifisso) 

La cattiveria quotidiana 1747

dei coniugi Biagini
Dalle cronache del falso pastore. “Il belato delle pecore è un fastidio. Bisogna ascoltare i lupi.”

La cattiveria quotidiana 1746

dei coniugi Biagini
“Dimmi, Fulgenzio, perché la satira a volte è così sboccata?” “Non fa che adeguarsi alla realtà, Terenzio.”

Non praevalebunt

Ogni giorno è una sofferenza per la situazione della Chiesa, per la confusione, l'ambiguità, la corruzione, le nomine di corrotti o eretici in posti di grande responsabilità, per l'insabbiamento di fatti scandalosi, per gli intrallazzi finanziari. Tuttavia ci dobbiamo consolare: le porte degli inferi non prevarranno, a Dio non è sfuggita di mano la situazione, Egli è più saggio e astuto dei suoi nemici interni alla Chiesa. Tutto il male che vediamo - che è meno di quello che c'è - è in vista della vittoria di Dio. Come le persecuzioni contro Gesù Cristo da parte degli scribi, dei farisei e dei sommi sacerdoti del

La cattiveria quotidiana 1745

dei coniugi Biagini
“Dimmi, Fulgenzio, se per non offendere i finocchi non si deve più nominare la vagina, o fica che dir si voglia, come si dovrà dire?” “Buco anteriore, per non confonderlo con quello posteriore, Terenzio.”

Stefano Fontana a € 1,79 solo oggi

Clicca subito
Amazon ha scelto per OGGI e solo per OGGI 12 marzo il best-seller di Stefano Fontana "Filosofia per tutti" come OFFERTA LAMPO KINDLE a solo € 1,79!!!! Non perdere l'occasione di leggere questo libro semplice, chiaro e orientativo di Stefano Fontana in ebook Kindle al prezzo di un cappuccino! L'offerta è valida solo oggi 12 marzo e solo su Amazon alla pagina https://amzn.to/2HrPdfj

La cattiveria quotidiana 1744

dei coniugi Biagini
“Dimmi, Fulgenzio, se i genitori sono Genitore 1 e Genitore 2, il figlio cosa sarà?” “Figlio X. Servirà a compilare la schedina del totocalcio, Terenzio.”

La cattiveria quotidiana 1743

dei coniugi Biagini
“Dimmi, Fulgenzio, i mascalzoni hanno paura?” “Naturale, perché la risata li seppellirà, Terenzio.”

La cattiveria quotidiana 1742

dei coniugi Biagini
“Dimmi, Fulgenzio, cosa aiuta a piangere bene?” “Poter ridere dei mascalzoni, Terenzio.”

Ascolto

Clicca per info e acquisti
“La chiesa si pone in ascolto”. Di chi? Dei giovani,  dei vecchi, delle “famiglie”, dell’ecosistema, dei migranti, degli scafisti, delle ONG, degli atei, dei diversamente credenti e dei diversamente atei, di Scalfari, di Mattarella, dei mercati, dell’Europa, degli omosessuali, dei trans e degli indecisi.
Si pone in ascolto di tutti, tranne che di Cristo.

Infatti, a forza di ascoltare le persone sbagliate, non ha più nulla da insegnare.

Voce "Ascolto" in Marco Manfredini, Piccolo dizionario semiserio del linguaggio Ecclesialmente corretto, Cassandra Books 2018, € 18

La cattiveria quotidiana 1741

dei coniugi Biagini
“Dimmi, Fulgenzio, non ti pare che la terra sia davero una valle di lacrime?” “Sì, Terenzio, ma ci si piange così bene.”

La cattiveria quotidiana 1740

dei coniugi Biagini
“Dimmi, Fulgenzio, tu dici il Rosario?” “Lo dicevo, ma ho smesso?” “E da quando?” “Da quando mi è stato chiesto di dirlo per ispessire la nebbia sui preti pederasti, Terenzio.”

Solidarietà per la famiglia Palmaro

Cinque anni fa, il 9 marzo 2014, moriva Mario Palmaro, una vita spesa in difesa della Vita e per la fede cattolica! Da allora l'Associazione san Giuseppe sostiene con un mensile la famiglia di Mario. Scopri come partecipare. Fatti provvidenza per la famiglia di un eroe della vera fede e della difesa della Vita! www.sangiuseppeassociazione.com

La cattiveria quotidiana 1739

dei coniugi Biagini
“Dimmi, Fulgenzio, qual è il secondo peggior nemico della Chiesa?” “Un prelato che manda in manicomio un suo prete perché ha osato opporsi all’omoeresia, Terenzio.”

Donne

Clicca per info
“Nelle Serate di Pietroburgo, spigolando e lasciando da parte disquisizioni (come ad esempio quella, prolissa, su Locke), il lettore potrà trovare molti altri spunti interessanti. Non resistiamo alla tentazione di riferire ciò che de Maistre dice sulla donna: “La donna non può essere superiore che come donna, ma dal momento in cui vuole emulare l'uomo, non è che una scimmia”.
Pura verità, piaccia o non piaccia ai vari “movimenti femminili” contemporanei”.
J. Evola, Il Conciliatore, novembre 1972

La cattiveria quotidiana 1738

dei coniugi Biagini
“Dimmi, Fulgenzio, qual è il peggior nemico della Chiesa?” “Un sedicente papa che non combatte il dilagare dell’omoeresia, Terenzio.”

La cattiveria quotidiana 1737

dei coniugi Biagini
“Dimmi, Fulgenzio, qual è il peggior nemico della scienza?” “Uno scienziato ateo, Terenzio.”

Artisti moderni

A tal punto gli artisti moderni aspirano a differenziarsi gli uni dagli altri che proprio questa aspirazione li accomuna in un'unica specie.
(Nicolás Gómez Dávila, Tra poche parole, p. 108)

Il senso del mistero di Garrigou-Lagrange

Clicca per info
di Emmanuele Barbieri, Corrispondenza Romana 6 marzo 2019
Il padre domenicano Réginald Garrigou-Lagrange (1877-1964) fu una delle più profonde menti speculative del XX secolo. Va dato merito alla casa editrice Fede & Cultura di averne avviato la riscoperta, grazie all’impegno di un giovane studioso, Marco Bracchi, che con passione ne ha curato la traduzione, o la ristampa, di alcune importanti opere.

Bracchi ha tradotto ex novo, o ha revisionato le traduzioni, verificando le fonti e le citazioni e corredando i testi di accurate note critiche. Sono stati così pubblicati Essenza e attualità del tomismo (2012), Introduzione allo studio di Dio (2013), La sintesi tomistica (2015), Dio accessibile a tutti (2017), La vita eterna e la profondità dell’anima (2018) e, in questi giorni, Il senso del mistero e il chiaroscuro intellettuale (2019).

Ne La vita eterna Garrigou-Lagrange affronta i grandi temi escatologici dei novissimi, considerando la profondità

La cattiveria quotidiana 1736

dei coniugi Biagini
PD. Apostasia. Frenesia vatigatta di leccare il c… al mondo, il quale non per questo smetterà di odiare il Vatigatto.

La cattiveria quotidiana 1735

dei coniugi Biagini
PD. Migranti. Invasori sponsorizzati da Soros e dal Vatigatto apostata.

Lessico

Chi accetta il lessico del nemico si arrende senza saperlo. Prima di diventare espliciti nelle proposizioni, i giudizi sono impliciti nei vocaboli.
(Nicolás Gómez Dávila, Tra poche parole, p. 108)

La cattiveria quotidiana 1734

dei coniugi Biagini
PD. Repubblica. Prosecuzione delle medesime magagne della monarchia sotto la medesima genia di parassiti che ha cambiato bandiera al momento opportuno.

Cinque anni di generosità. Non molliamo!

Sosteniamo la famiglia di Mario Palmaro
Dona anche tu il tuo contributo
in memoria di un eroe
della Fede e della difesa della Vita!

L’Associazione Caritativa San Giuseppe
versa da 5 anni un mensile per far crescere e studiare
i 4 figli di Mario Palmaro.
Un dovere di carità e di gratitudine.

Fai bonifico continuativo sul conto corrente
bancario della BCC Valpolicella Benaco
IBAN IT33V0831511701000010010691 intestato a Associazione  Caritativa San Giuseppe
con causale “Per famiglia Palmaro”

La cattiveria quotidiana 1733

dei coniugi Biagini
PD. Anniversari. Occasioni per rinfocolare gli odi.

La cattiveria quotidiana 1732

dei coniugi Biagini
PD. “Panem”: l’altra metà del binomio “Panem et circenses” che nell’antica Roma veniva offerto alla plebe. La moderna democrazia offre solo i “circenses”.

La cattiveria quotidiana 1731

dei coniugi Biagini
PD. Televisione. “Circenses” (giochi del circo) per tener buona la plebe.

Santa Messa in suffragio

Una nuova giovinezza per la Chiesa

Clicca per info
Per chi credeva che la Chiesa sia morta: una smentita operata da Dio stesso! Quello che si credeva morto e da seppellire, considerato vecchio e da dimenticare, è diventato uno strumento di evangelizzazione, mostrando la bellezza del sacro e dell'incontro con Dio. Scopri anche tu un grande tesoro della Chiesa che si è voluto occultare per oltre 50 anni! Con interventi del Card Robert Sarah e Raymond Leo Burke!

La cattiveria quotidiana 1730

dei coniugi Biagini
PD. Stampa. Carta per giochi di prestigio.

La cattiveria quotidiana 1729

dei coniugi Biagini
PD. Mozzarella: materia prima di presidente malleabile per giochi di prestigio.

Cristo ha abbandonato la Chiesa?

Clicca per info
A te capita spesso di ascoltare quello che dicono certi sacerdoti, di vedere come si comportano, di leggere quello che combinano e ti viene la voglia di mandare tutto a quel paese... Non sei il solo!!!! La stragrande maggioranza dei buoni cristiani sta vivendo questa crisi. Ti do una buona notizia: questo che stai soffrendo, la crisi di coscienza che hai è una cosa buona, anzi ottima!!! Gesù stesso ha detto che è necessario che avvengano gli scandali. Ma tutto quello che ci fa soffrire ci fa capire che stiamo soffrendo per la Chiesa, per amore del corpo mistico di Cristo che è ancora misteriosamente ma realmente presente nel corpo sociale della Chiesa. Il grande scrittore e sacerdote, un vero profeta, Robert Hugh Benson, un convertito di calibro grossissimo, ha scritto questo piccolo libro che ti farà vivere e sperimentare la presenza di Cristo nella Chiesa nonostante tutto quello che vediamo... Una grande esperienza di fede di cui hai bisogno come tutti noi, per poter continuare a essere una luce sul lucerniere, un evangelizzatore!
Robert Hugh Benson, Cristo nella Chiesa

La cattiveria quotidiana 1728

dei coniugi Biagini
PD. Democrazia. Gioco di prestigio per far credere che la volontà degli elettori sia rispettata.

Mercoledì delle Ceneri

Nel Vangelo del primo giorno di Quaresima ci viene indicato come ravvivare, nel cammino verso il Triduo Pasquale, la rettitudine interiore e la purezza di intenzioni: l'intimità del Signore con il Padre suo e fin dal Battesimo Padre nostro nella fraternità ecclesiale
di Mons. Gino Oliosi
Nei quaranta giorni di Quaresima siamo chiamati a convertirci all'orientamento stesso del Signore Gesù, che non faceva niente per essere ammirato dagli uomini, ma viveva davanti al Padre ponendo a fondamento la sua onnipotenza

La cattiveria quotidiana 1727

dei coniugi Biagini
PD (Piccolo dizionario della democrazia). Elezioni. Gioco di prestigio col quale si fa sparire la volontà degli elettori.

La cattiveria quotidiana 1726

dei coniugi Biagini
“Dimmi, Fulgenzio, a che serve disprezzare i poteri forti? Se ne fregano.” “Ma serve a mantenere sano il nostro fegato, Terenzio. E poi un giorno la pagheranno.”

VII Domenica

La nostra vita cristiana vissuta in modo sapienziale per il dono dell'amore gratuito di Dio in noi
di Mons. Gino Oliosi
Nel Vangelo di oggi Gesù propone alcune riflessioni sapienziali sull'amore gratuito di Dio in noi attraverso l'ascolto della Sua Parola e l'incontro sacramentale con Lui,  risorto, vivo nel suo corpo che è la Chiesa, noi che conveniamo per la Messa.
Nella conversione al Vangelo che richiameremo mercoledì prossimo, primo giorno di quaresima, è ravvivare la disponibilità nella consapevolezza che il primo amore è Lui,

La cattiveria quotidiana 1725

dei coniugi Biagini
“Dimmi, Fulgenzio, visto che i poteri forti se ne fregano dei risultati elettorali, a che serve votare?” “Almeno serve a mostrargli quanto li disprezziamo, Terenzio.”

La cattiveria quotidiana 1724

dei coniugi Biagini
“Dimmi, Fulgenzio, cos’è la democrazia?” “È quando ti ricattano con le speculazioni finanziarie se non voti come ordinano lorsignori, Terenzio.”

La cattiveria quotidiana 1723

dei coniugi Biagini
“Dimmi, Fulgenzio, tuttavia dev’essere una grande soddisfazione essere membro di tante illuminate società scientifiche, come la Società Reale di Gran Bertugna e l’Accademia delle Scienze di Nova Yocca.” “Certo, Terenzio, e il piacere maggiore è mandarli aff… cioè… mandare una bella lettera di dimissioni a loro e a tutte le simili congreghe.”

La cattiveria quotidiana 1722

dei coniugi Biagini
“Dimmi, Fulgenzio, adesso che i signori crucchi e franciosi hanno rovinato la Grecia, faranno di tutto per rovinare anche l’Italia?” “Certo, Terenzio solo che l’Italia è un boccone troppo grosso e gli resterà in gola.”

La cattiveria quotidiana 1721

dei coniugi Biagini
“Dimmi, Fulgenzio, visto che i signori crucchi e franciosi ci tenevano tanto all’Europa unita, perché, insieme alla moneta non hanno messo in comune anche il bilancio e i relativi debiti?” “Perché con un bilancio comune i paesi più forti avrebbero dovuto aiutare i più deboli, mentre così possono sfruttarli e rovinarli, Terenzio. È sempre stata quella l’ambizione crucca e franciosa: rovinare i vicini.”

5 anni dalla morte di Mario Palmaro


Da 5 anni quanto ci manca l'amico Mario Palmaro, un vero eroe della fede e della difesa della vita! Alla sua morte, il 9 marzo 2014, ci siamo presi l'impegno morale di sostenere per 20 anni la sua famiglia, in modo che la moglie Annamaria potesse far crescere i suoi quattro figli. Finora abbiamo mantenuto l'impegno con un mensile sostitutivo dello stipendio mancante di Mario. Oggi ti chiediamo di aiutarci ancora, magari con un piccolo impegno mensile continuativo, in modo che dall'unione di molte gocce possiamo continuare quest'opera buona.
Se già non fa una donazione mensile può impostarla - per la cifra mensile che desidera  - con bonifico bancario sul conto corrente bancario della BCC Valpolicella Benaco IBAN IT58C0831511701000000230691 Bic-Swift BIC: ICRAITRR8R0 intestato a Associazione  San Giuseppe con causale “Per famiglia Palmaro”.
Per donazioni una tantum può usare preferibilmente l'Iban bancario sopra indicato, oppure Paypal alla pagina paypal.me/AssosanGiuseppe
Il sito dell'Associazione san Giuseppe a sostegno della famiglia di Mario Palmaro è www.sangiuseppeassociazione.com
(il video è stato realizzato e © don Andrea Brugnoli - Le Sentinelle del mattino che ringraziamo per avercene concesso l'uso)
https://www.andreabrugnoli.it/
http://www.sentinelledelmattino.org/it/

La cattiveria quotidiana 1720

dei coniugi Biagini
“Dimmi, Fulgenzio, chi sono i furbastri?” “Sono quelli che si servono dei  loro malguadagnati miliardi per schiavizzare le nazioni, come fanno oggi i signori crucchi e franciosi nella cosiddetta Unione europea, Terenzio.”

Lavoro


Lavorate, lavorate perché in Paradiso bisogna arrivare stanchi... là si vive di rendita.
(S. Vincenzo Grossi) 

La cattiveria quotidiana 1719

dei coniugi Biagini
“Dimmi, Fulgenzio, ma allora cos’è l’economia?” “È un abracadabra per giustificare i trucchi dei furbastri, Terenzio.”

Morire

È difficilissimo morire per un amico, ma morire per dei nemici è ancora più difficile. Cristo però è morto per noi quando noi eravamo ancora suoi nemici. Dio ci rimane sempre accanto, è la costanza dell'amore fino all'estremo limite, anzi senza limiti. Ecco il motivo della nostra gioia. (B. Pino Puglisi) 

Intrighi di Corte - di Robert Hugh Benson

Clicca per info
di Gianandrea de Antonellis (Radici Cristiane, agosto-settembre 2018)
La casa editrice Fede & Cultura di Verona prosegue la sua encomiabile opera di riscoperta dei romanzi di Benson, affidati alla cura di Luca Fumagalli [a dire il vero sono curati da Paolo Nardi, anche se è vero che Luca Fumagalli è un amico che recensisce spesso e volentieri con grande competenza i nostri libri, N.d.E.], che per lo stesso editore ha pubblicato qualche anno fa la monografia Robert Hugh Benson. Sacerdote, scrittore, apologeta (2014, p.396, E 17). L'ultimo parto dei tipi veronesi è il romanzo storico Intrighi di Corte (Oddsfish!, 1914), l'ultimo scritto prima della sua scomparsa durante la prima guerra mondiale. La vicenda, tradotta in italiano per la prima volta, viene narrata in prima persona dal protagonista: siamo nella

La cattiveria quotidiana 1718

dei coniugi Biagini
“Dimmi, Fulgenzio, ma la scienza economica non ci aiuta a risolvere i problemi e a vivere meglio?” “Che cacchio dici, Terenzio? Se l’economia è una scienza, io sono il Gran Khan dei tartari.”

Il giudizio di Dio

Clicca per info
Oggi da parte di tanti si crede e si insegna che non vi è giudizio di Dio alla fine della vita e tutti si salvano. Questi sono insegnamenti e comportamenti contrari alla Rivelazione e al magistero della Chiesa, che è chiarissimo in questi punti. Ogni anima personalmente si presenterà dinanzi a Dio e sarà giudicata da Lui. Questo giudizio spetta solo a Dio che è l’unica Verità e l’Amore infinito, vero, puro e perfetto. L’anima, dinanzi a Dio che è l’unica Verità, comprende in un istante tutti i peccati della sua vita, le vere intenzioni del suo cuore e il grado di Amore verso Dio, verso il prossimo e verso se stessa con cui ha vissuto, pensa-to, scelto e operato. Ma è sempre Dio che conosce tutti i cuori e che decide, nella sua infinita e infallibile Misericordia e Giustizia, la sorte eterna di ogni persona.
(da P. Daniele Maria Nicosia, Due anni con l'eremita)

Accogliere

Clicca per info
"Accogliamo senza criterio tutti, orde di popoli che portano con sé culture e religioni incompatibili con le nostre, alimentando false illusioni e perseverando nell’utopia boldriniana del multiculturalismo autoinflitto, così come accogliamo le diversità LGBT al nostro interno, spacciandole per normalità o al limite per gaie eccentricità. Entrambe queste accoglienze stanno facendo esplodere la nostra società, la prima letteralmente, la seconda dalle retrovie.
Non occorre essere profeti, ma dopo anni di invasioni c’è ancora qualcuno che non se n’è accorto. La maggioranza degli italiani per fortuna sì, e ha pensato bene di mandare a casa chi era al governo fino a pochi anni fa.
Il sinonimo onesto di questo termine può essere “Farsi invadere, conquistare o travolgere” se si parla di immigrazioni; “Fingere che la perversione e l’inversione siano cose naturali” se parliamo di

La cattiveria quotidiana 1717

dei coniugi Biagini
“Dimmi, Fulgenzio, la scienza non è una grande e poderosa impresa a gloria dell’umanità?” “Certo, Terenzio, solo che il novanta per cento delle scoperte scientifiche fa danno. Vedi la bomba atomica e le manipolazioni degli embrioni.”

La storia del pensiero anti-cattolico raccontata da Hilaire Belloc

Clicca per info
di Luca Fumagalli (Radio Spada, 24/2/2019)
La casa editrice Fede & Cultura di Verona è da tempo impegnata nella pubblicazione dei testi più interessanti di molti dei grandi apologeti anglosassoni del Novecento. Negli ultimi anni si è distinta soprattutto per la ristampa di varie opere di mons. Robert Hugh Benson e di alcuni dei saggi storici di Hilaire Belloc (1870-1953).

Se Benson e il suo capolavoro, il romanzo distopico Il padrone del mondo, sono ormai noti al pubblico italiano, non così Belloc. Questi, oltre a essere stato giornalista e polemista, fu uno scrittore di pregio, straordinariamente prolifico, che si cimentò nei generi più disparati. Con l’inseparabile amico G. K. Chesterton condivise un certo gusto per l’anticonformismo

La cattiveria quotidiana 1716

dei coniugi Biagini
Dalle cronache del falso pastore. “Io sono il pastore e non devo rendere conto a nessuno.”

La cattiveria quotidiana 1715

dei coniugi Biagini
Dalle cronache del falso pastore. “Il gregge è mio e ne faccio quello che voglio.”

La cattiveria quotidiana 1714

dei coniugi Biagini
Dalle cronache del falso pastore. “Chi parla degli abusi agli agnelli è nemico del gregge.”

La cattiveria quotidiana 1713

dei coniugi Biagini
Dalle cronache del falso pastore. “Sugli abusi la parola è d’argento, il silenzio è d’oro.”

È lecito pagare le tasse?


Scarica l'evento con Stefano Fontana e don Samuele Cecotti. Un incontro per chiarire sulla visione cristiano-cattolica sulla questione tasse, fisco, uso dei beni comuni, limiti dello stato, libertà dei cittadini. Un grande momento di formazione cristiana perché la nostra fede non rimanga inoperosa ma attiva e luminosa! Insieme a questa video lezione puoi anche ricevere scontato il volume curato da Stefano Fontana e don Samuele Cecotti "Le chiavi della questione sociale". https://www.fedecultura.com/È-lecito-pagare-le-tasse-p131984901

Dono della fortezza

Ciò che impedisce a molti d'essere forti è la presunzione d'essere forti. Nessuno riceverà da Dio il dono della fortezza, se non è persuaso della propria debolezza. (S. Agostino) 

Domenica VII

"Amate i vostri nemici, fate del bene a coloro che vi odiano". Cristo ci chiede non soltanto di avere un sentimento di affetto nei confronti dei nemici, bensì una disposizione concreta di far loro del bene.


Il Vangelo di questa domenica contiene una delle parole più tipiche e forti della predicazione di Gesù: "Amate i vostri nemici" (Lc 6,27). E' tratta dal Vangelo di Luca, ma questo amore agapico si trova anche in quello di Matteo (5,44), nel discorso programmatico che si apre con le famose

La cattiveria quotidiana 1712

dei coniugi Biagini
Dalle cronache del falso pastore. “Sugli abusi agli agnelli non dirò una sola parola.”

La cattiveria quotidiana 1711

dei coniugi Biagini
Dalle cronache del falso pastore. “I lupi sono gli unici simpatici e intelligenti.”

Fango e cielo

L'uomo non è soltanto terra e fango, ma cielo e luce; non solo carne e pesantezza, ma coscienza segnata dalla vocazione di un'incomparabile ascesa. «Ospitiamo in noi delle bestie selvagge; ma ogni creatura ragionevole, uomo o donna che sia, possiede la capacità di amare Dio e gli esseri». (S. Antonio abate) 

La cattiveria quotidiana 1710

dei coniugi Biagini
Dalle cronache del falso pastore. “Il gregge mi fa schifo.”

I fratelli Karamazov

Clicca per info
A volte si viene risucchiati in un buco nero e non si riesce più a uscirne, anche quando parliamo di libri: a me è successo con I fratelli Karamazov di Dostoevskij, uno dei romanzi più importanti e sviscerati di ogni tempo, capace di risultare appassionante e allo stesso tempo letale, grandioso nella sua architettura e nella caratterizzazione psicologica dei personaggi ma troppo lontano dai nostri gusti e dalle nostre consuetudini di lettori contemporanei. Ci ho litigato a lungo, imponendomi di portarlo a termine, e lo sforzo è stato ampiamente ripagato. E se pensate che sia un libro lungo, vi basti sapere che doveva avere un seguito (e infatti termina con quello che oggi si chiamerebbe cliffhanger), ma il progetto naufragò per la morte di Dostoevskij. Racconta la storia di Fëdor Pavlovič Karamazov, vecchio malvagio e dissoluto, e dei suoi tre figli avuti da due mogli, più un quarto nato da una relazione extraconiugale (gira la leggenda che, per scherzo, abbia messo incinta una pazza semibarbona del (continua a leggere)

La cattiveria quotidiana 1709

dei coniugi Biagini
Dalle cronache del falso pastore. “Nostra preoccupazione preminente è il riscaldamento globale che potrebbe far male ai cari lupi.”

La cattiveria quotidiana 1708

dei coniugi Biagini
Dalle cronache del falso pastore. “Misericordia, misericordia sui cari lupi che sbranano le pecore!”

Se anche Maria Stuarda diventa un'eroina liberal


di Paolo Nardi

Un tempo ci si accapigliava sulle differenze di religione tra cattolici e protestanti, ma è interessante vedere come l’epoca nella quale viviamo abbia cancellato tutto sull’altare del politicamente corretto, del #metoo e dell’identità di genere. Il film Maria regina di Scozia con Soairse Ronan nei panni di Maria Stuarda e Margot Robbie in quelli di Elisabetta d’Inghilterra è un ottimo esempio dello stato in cui versa il cinema di oggi: a un comparto visivo affascinante (ottimi interpreti, costumi meravigliosi, scenografie cupe ed evocative, belle immagini dell’aspra natura scozzese) corrisponde un’impostazione multietnica e politicamente corretta che deforma il passato a uso e consumo del presente, in sprezzo a qualsiasi realtà storica.

La cattiveria quotidiana 1707

dei coniugi Biagini
Dalle cronache del falso pastore. “Il mondo ha bisogno di lupi. Lo dice anche l’ecologia.”

La cattiveria quotidiana 1706

dei coniugi Biagini
Superstizioni. Un tempo si credeva che da una camicia sporca nascessero vermi. Oggi qualcuno crede ancora che passare all’euro sia stato un buon affare.

La cattiveria quotidiana 1705

dei coniugi Biagini
Superstizioni. Un tempo si credeva nei vampiri. Oggi si crede nel diritto all’aborto.

La cattiveria quotidiana 1705

dei coniugi Biagini
Superstizioni. Un tempo si credeva nella pietra filosofale. Oggi si crede in quello che trasmette la televisione.

Oggi a Verona con Stefano Fontana e don Cecotti

Partecipa all'evento con Stefano Fontana "È lecito pagare le tasse?" con don Samuele Cecotti, prete triestino. Oggi Lunedì 18 febbraio 2019 alle ore 18,30 a Verona nella sede di Fede & Cultura presso la libreria L'isola del Tesoro in via Marconi 60A.

La cattiveria quotidiana 1704

dei coniugi Biagini
Superstizioni. Un tempo si credeva nel moto perpetuo. Oggi si crede che la democrazia funzioni.

Le grandi eresie - Hilaire Belloc

Clicca per info e acquisti
Come l’arianesimo, islam, catarismo, Riforma protestante e modernismo hanno frammentato l’unità religiosa europea e portato allo smarrimento del presente. L’Europa è nata dal cristianesimo ma la sua storia è stata caratterizzata dall’affermazione di diverse eresie che si sono susseguite e ne hanno frammentato l’originaria unità: l’arianesimo, l’islam, il catarismo, la Riforma protestante e il modernismo (di cui un risultato è il comunismo). Il tramonto della teologia, il trionfo dell’opinione personale, la mania dell’innovazione, la messa in discussione di tutto, il rifiuto del dogma e del principio di autorità hanno portato a un regime di eresia generalizzato che ha conseguenze pratiche.
Hilaire Belloc, La grandi eresie, Pagine 192, € 19

La cattiveria quotidiana 1703

dei coniugi Biagini
Superstizioni. Un tempo si credeva che l’amianto fosse innocuo per la salute. Oggi si crede che la massoneria non si occupi di politica.

La cattiveria quotidiana 1702

dei coniugi Biagini
Superstizioni. Un tempo si credeva che la salamandra vivesse nel fuoco. Oggi si crede che l’ambiente sia l’unico problema dell’umanità.

La cattiveria quotidiana 1701

dei coniugi Biagini
Superstizioni. Un tempo si credeva che il Sole girasse intorno alla Terra. Oggi si crede che i paesi anglosassoni siano fari di libertà.

La cattiveria quotidiana 1702

dei coniugi Biagini
Superstizioni. Un tempo si credeva che l’araba fenice rinascesse dalle sue ceneri. Oggi si crede che l’uomo sia nato da una scimmia.

La cattiveria quotidiana 1700

dei coniugi Biagini
Superstizioni. Un tempo si credeva che la Terra fosse immobile al centro dell’universo. Oggi si crede che il “risorgimento” abbia liberato l’Italia.