Post

Visualizzazione dei post da Aprile, 2019

La cattiveria quotidiana 1831

dei coniugi Biagini “Preti e prelati amici miei, Sforzatevi di far carriera, altrimenti i posti chiave toccheranno a qualche sgranarosari che intralcerà i nostri piani. Con ardente affetto, vostro affezionatissimo Calcabrina.”

La cattiveria quotidiana 1830

dei coniugi Biagini “Preti e prelati amici miei, evitate ad ogni costo di convertire qualcuno, perché il proselitismo è veleno e provoca contrasti che potrebbero farvi male al fegato. Con bruciante affetto, vostro Tricornuto.”

La cattiveria quotidiana 1829

dei coniugi Biagini “Preti e prelati amici miei, vivete tranquilli senza procurarvi nemici cercando di cambiare il mondo, tanto chi siete voi per giudicare? Ricordandovi sempre, vostro affezionatissimo Malacoda.”

Andiamo incontro al martirio?

Sri Lanka, Pakistan, Paesi islamici, Indonesia, Europa, Italia... La persecuzione e il martirio dei cristiani è un fenomeno macrosociale di dimensioni globali. Cosa dobbiamo fare? La risposta a questa domanda che da sempre è una possibilità per il vero seguace di Gesù Cristo ci viene da parte di Mons. Nicola Bux nel libro "Perchè i cristiani non temono il martirio" con prefazione di Franco Cardini. https://www.fedecultura.com/Perché-i-cristiani-non-temono-il-martirio-p99766368

Guida alla preghiera

Immagine
Cos'è la preghiera? E come si prega? Come pregavano gli ebrei? E come pregava Gesù? Quali sono i principale errori nella preghiera? Quanti tipi di preghiera esistono? Come si rende efficace la preghiera personale? E come si organizza una preghiera di gruppo? Ecco le principali domande cui questa piccola “guida” intende rispondere. Spesso infatti si ricorre al “fai da te” e all'improvvisazione. Ma l'assenza di una corretta impostazione provoca una preghiera sterile o espone perfino a pericoli. Ecco perché la spontaneità non basta, ma occorre fondarla su una robusta conoscenza della vita spirituale generata dall'orazione. È una questione vitale, perché senza preghiera non c'è Dio.
Stefano Biavaschi, Guida alla preghiera, Fede & Cultura

La cattiveria quotidiana 1828

dei coniugi Biagini “Preti e prelati amici miei, coraggio: ancora una piccola spinta e la vecchia baracca sprofonderà, così che saremo indissolubilmente insieme. Ansiosamente, vostro Farfarello.”

Festa della Divina Misericordia

Immagine
Oggi è la Festa della Divina Misericordia istituita da san Giovanni Paolo II cui Dio ha fatto la grazia di morire proprio in questa festa. Noi abbiamo pregato la coroncina alla Divina Misericordia nell'ora santa alle 3 del pomeriggio. Invitiamo tutti gli amici di Fede & Cultura a fare lo stesso anche se è passata l'ora. Con la Comunione e la Confessione si lucra l'indulgenza plenaria per sè o si può offrire per le anime più bisognose o dimenticate.

La cattiveria quotidiana 1827

dei coniugi Biagini “Mama, a chi i dava rogna i canti beli in Xesa?” “I dava rogna a Belzebù, el novo santo della nova Xesa, Alvise.”

Non voi avete scelto me

Immagine
di Mons. Guido Pozzo Qual è il fondamento, il dato primario che fa da presupposto agli esercizi spirituali? Il fondamento è che Dio mi cerca da sempre. Dio mi conosce, mi ama, mi cerca da sempre. E nella misura in cui io mi metto in un atteggiamento di disponibilità nei riguardi di Dio, cioè se io cerco realmente Dio, sicuramente avverrà l’incontro. Questo è il dato primario che ci deve accompagnare durante l’intero cammino degli esercizi: Dio mi cerca da sempre.  E quali sono le vie, gli strumenti, perché l’incontro si realizzi? Ne indichiamo principalmente quattro:
1)La via dell’orazione liturgica, che include la celebrazione della Santa Messa e la recita del breviario. 2)L’orazione personale prolungata e la meditazione (Santa Teresa d’Avila diceva: la preghiera è una frequentazione con Dio; frequentiamo Colui che ci ha creato e ci ha redento). 3)L’ascesi come dimensione penitenziale degli esercizi. 4)La pazienza, come virtù che ci aiuta a controllare noi stessi e a lasciare spazio all’az…

La cattiveria quotidiana 1826

dei coniugi Biagini “Mama, perché i canti in Xesa ze così bruti?” “Perché quei de prima z’eran tropo beli, Alvise.”

La cattiveria quotidiana 1825

dei coniugi Biagini “Mama, ze vero che tuti quei che comanda in Fransa ze framasson e nemighi de la Xesa?” “Sì, Alvise.” “E alora come ze che Mikron ze andà a far sfrégole a Bergojo?” “Perché Bergojo ze più framasson de lu, Alvise.”

Chiamalo sonno

Immagine
di Giovanni Zenone
Pensavo di leggere un bel romanzo in stile Chaim Potok sul mondo ebraico del ghetto di New York. Ho letto con noia "Chiamalo sonno" di Henry Roth, una broda scritta con metodo sperimentale (illeggibile), con flusso di pensiero, onirismi, fantasie di un bambino spaventato, lerciume dei bassifondi, violenza. Una trama esile e insignificante, troppe parole e troppe pagine per raccontare poco e male. Il mondo ebraico, colmo di odio e maledizioni fantasiose e continue all'indirizzo di nemici e familiari, è visto di striscio da un uomo che non lo vive più da decenni. Per fortuna che si è fermato a un romanzo e poi non ha scritto niente più per 30 anni! Purtroppo le solite operazioni commerciali che devono rivalutare i "tesori" trovati nelle discariche hanno fatto riemergere questo romanzo/aborto gridando al capolavoro. Non perdete tempo con questa lettura, leggete Chaim Potok!

II domenica di Pasqua

La luce della Divina Misericordia, che il Signore ha voluto quasi riconsegnare al mondo attraverso il carisma di Suor Faustina ci illumina di Mons. Gino Oliosi
L'odierna domenica conclude l'Ottava di Pasqua, come un unico giorno "fatto Dal Signore", contrassegnato con il distintivo della Risurrezione e della gioia dei discepoli nel vedere Gesù non come era prima ma con una "mutazione" mai accaduta, nel "salto" decisivo verso una dimensione di vita profondamente nuova e con l'annuncio che avrebbe

Apocalisse

Immagine
Michael D. O'Brien "Questo libro pone le domande che dovrebbero essere poste in ogni generazione a chi si sforza sinceramente di seguire Nostro Signore Gesù. Sto leggendo correttamente i segni dei tempi? Il nostro mondo attuale presenta caratteristiche senza precedenti e distintamente apocalittiche? Sarei spiritualmente pronto, se questa generazione si rivelasse quella predetta dai profeti, dagli apostoli, e dal Signore stesso? Sono sveglio, come Lui ci ha esortato a essere?" (dalla prefazione del libro di imminente uscita Apocalisse, di Michael D. O'Brien)

La cattiveria quotidiana 1824

dei coniugi Biagini “Mama, ze vero che la Xesa no gh’ha più nemighi de fora?” “Sì, Alvise, i li gh’ha tuti drento.”

La cattiveria quotidiana 1822

dei coniugi Biagini “Mama, cossa ze un eretico?” “Ze un che denega la verità, Alvise. Par esempio, un che dise che non ghe ze l’inferno e che le anime se desfantan.”

La cattiveria quotidiana 1823

dei coniugi Biagini “Mama, ze vero che Bergojo gh’ha dito che non ghe ze l’inferno e che le anime se desfantan?” “Ze vero, Alvise.” “Ma alora ze eretico.” “Par de sì, Alvise.” “E cossa fa un eretico in Vatican?” “Sta lì a destrusar, Alvise.”

Cosa bolle in pentola?

Cosa bolle in pentola? Tra breve sarà disponibile la nuova edizione ampliata del mega-bestseller La gnosi al potere di Angela Pellicciari. Wow!!!

La cattiveria quotidiana 1821

dei coniugi Biagini “Mama, ze difitile andar all’inferno?” “No, Alvise. Basta kréder che no existe.”

Avere una fede chiara è fondamentalismo?

Avere una fede chiara, secondo il credo della Chiesa, viene spesso etichettato come fondamentalismo... (Card. Ratzinger, nella messa per l'elezione del pontefice a seguito della quale fu fatto Papa). Oggi puoi avere tutto il pensiero della Chiesa attraverso le parole di Papa Benedetto con lo sconto di 22 euro! Dizionario antologico Dottrinale di Benedetto XVI, in due tomi. https://www.fedecultura.com/Collezione-Magistero-Benedetto-XVI-p97954122

La cattiveria quotidiana 1820

dei coniugi Biagini “Mama, cossa gh’ha dito Bergojo sui migranti?” “Gh’ha dito che ocore resever tuti a brasa averte, Alvise.” “E lu dà el bon esempio de acogliensa?” “Macché, lu no ze miga cojon, Alvise.”

La cattiveria quotidiana 1819

dei coniugi Biagini “Mama, chi ze i nemighi dei populisti?” “Ze quei che gh’han stremìda de perder el cadreghin, Alvise.”

Le claustrali condannate a uscire dalla clausura?

Immagine
Entro maggio, stando al diktat vaticano, le congregazioni contemplative di clausura dovranno "aprirsi" al mondo. L'operazione fu già provata al tempo della Rivoluzione Francese, con la violenta esclautrazione degli ordini contemplativi. Ma a quel tempo era chiaro che si trattava del Nemico. Oggi il tentativo viene dall'interno della stessa Chiesa Cattolica nelle sue più alte gerarchie. Il tempo è brevissimo per salvare il polmone della Chiesa dall'"aggiornamento" e dall'"apertura", dalla pastorale dei ponti invece di quella dei muri. La clausura ha bisogno di muri, non di ponti!!! Leggi La città sopra il monte, grido di dolore e di battaglia del monaco americano Francis Templar sul rischio della contemplazione nella Chiesa oggi. Bisogna agire subito!

La cattiveria quotidiana 1818

dei coniugi Biagini “Mama, cossa ze un populista?” “Ze un che gh’ha perso la pasiensa, Alvise.”

Perseveranza e ostinazione nella condotta umana

di P. Giovanni CavalcoliIl mistero delle nostre scelteUna cosa che stupisce nella condotta umana è la forza della volontà: capita quasi sempre che una volta che un uomo, generalmente nella fanciullezza o nella gioventù, ha deciso che direzione da dare alla sua vita, generalmente rimane fermo e inamovibile in questa decisione per tutto il corso seguente della sua vita, anche se, dato il suo libero arbitrio, compirà scelte diverse e anche opposte, ma sempre

Fede & Cultura per la Vita!

Immagine
Ieri, Lunedì dell'Angelo, dalle 9 alle 11 del mattino abbiamo fatto due ore di preghiera davanti alla storica porta dell'Ospedale di Borgo Trento di Verona con la preghiera di due corone del santo Rosario come riparazione per gli aborti che si compiono. Abbiamo il sanguinoso primato di cinquemila aborti circa all'anno. Quasi 14 esecuzioni di innocenti e indifesi al giorno compiuti nel nome della legge. Il sangue di questi innocenti grida vendetta al cospetto di Dio e noi abbiamo pregato per compiere un atto di riparazione agli occhi di Dio per questo orrendo crimine. Abbiamo chiesto che il sangue di questi piccoli Cristi immolati al demone della lussuria, dell'egosimo, del femminismo, del consumismo, del satanismo, delle creme di bellezza fatte con carne di feti umani, scendesse su Verona per purificarla, perdonarla, redimerla.  Eravamo in nove, ma sappiamo che quando siamo almeno in due o tre riuniti nel nome di Cristo lì c'è Dio con noi.

Apocalisse di Michael D. O'Brien

Immagine
Tra pochi giorni sarà disponibile l'ultimo libro di Michael D. O'Brien, autore di bestseller mondiali come Il Nemico, Il Libraio, L'inviato, L'isola del mondo, Halcyon! Di tutte le dimensioni della fede, l'escatologia è oggi forse la più trascurata, soprattutto dai credenti. C’è chi la nega e chi invece ne fa un’ossessione, in un crescente dilagare di opere sulla fine del mondo che pongono l’accento sulla paura e la distruzione. Partendo dall’Apocalisse biblica e riportando le parole di Gesù, delle Scritture, del Catechismo della Chiesa Cattolica, di John Henry Newman, Giovanni Paolo II, Benedetto XVI, Madre Teresa di Calcutta e di scrittori moderni come C.S. Lewis, G.K. Chesterton e J.R.R. Tolkien, questo libro ci invita a prestare attenzione ai “segni dei tempi” e a interrogarci sul nostro modo di vivere la dimensione escatologica: la missione dei cristiani è infatti guardare avanti con speranza, accettando la propria croce e rispondendo ogni giorno alla chiamata …

La cattiveria quotidiana 1817

dei coniugi Biagini “A Pasquì, cos’è er buonismo?” “Veleno coperto de zucchero, Romolé.”

La cattiveria quotidiana 1816

dei coniugi Biagini “A Pasquì, come se giustifica er mondialismo?” “Co tanta melassa de buonismo, Romolé.”

La cattiveria quotidiana 1815

dei coniugi Biagini “A Pasquì, ma che vor dì mondialismo?” “Che nun semo più padroni a casa nostra, Romolé.”

La cattiveria quotidiana 1814

dei coniugi Biagini “A Pasquì, noi semo populisti?” “Qualunque cosa, Romolé, basta no esse mondialisti.”

La cattiveria quotidiana 1813

dei coniugi Biagini “A Pasquì, ma cos’è un populista?” “È quarcuno che fa incazzà er sor Giorgio Sorosse, e quindi è bo-no.”

La cattiveria quotidiana 1812

dei coniugi Biagini “A Pasquì, hai sentito che er sor Giorgio Sorosse è preoccupato pa-a svorta populista?” “Finalmente na bona notizia, Romolé.”

Un salto in un ordine completamente nuovo - Benedetto XVI

"La risurrezione di Cristo è un fatto avvenuto nella storia, di cui gli Apostoli sono stati testimoni e non certo creatori. Non è un semplice ritorno alla nostra vita terrena; è invece la più grande "mutazione" mai accaduta, il "salto" decisivo verso una dimensione di vita profondamente nuova, l'ingresso in un ordine decisamente diverso, che riguarda Gesù di Nazareth, ma con Lui anche noi, tutta la famiglia umana, la storia e l'intero universo". Omelia di Benedetto XVI nella Veglia di Pasqua del 15 aprile 2006 "Voi cercate Gesù Nazareno, il crocifisso. È risorto, non è qui" (Mc 16, 6). Così il messaggero di Dio, vestito di luce, parla alle donne che cercano il corpo di Gesù nella tomba. Ma la stessa cosa dice l'evangelista in questa notte santa

2 ore a pregare per la Vita

Immagine
Fede & Cultura ha organizzato il momento veronese della manifestazione nazionale "40 giorni per la Vita" di Ora et labora in difesa della vita" in vista della Marcia nazionale per la Vita. Ci troveremo lunedì dell'Angelo dalle 9 alle 11 davanti all'ingresso principale e storico dell'ospedale di Borgo Trento in piazzale Stefani a pregare il Rosario per due ore in riparazione del crimine che si compie con l'aborto. Nel tradizionale momento per fare una scampagnata noi cominceremo la giornata con un grande atto di riparazione. Se anche lei vuole partecipare le chiedo una mail di conferma all'indirizzo lavocedidoncamillo @gmail.com
Prof. Giovanni Zenone Ph.D. direttore di Fede & Cultura La Tradizione non passa di moda

La cattiveria quotidiana 1811

dei coniugi Biagini “A Pasquì, hai sentito ch’ar Mondiale li tedeschi l’hanno prese da-a Corea e mo’ se ne vanno a casa? “Spero che je sarà rimasto ner gozzo insieme allo spread, Romolé.”

Domenica di Pasqua Messa del giorno

Oggi celebriamo la risurrezione del Signore che ha inaugurato una nuova dimensione della vita e della realtà, dalla quale emerge un mondo nuovo, che penetra continuamente nel nostro mondo, lo trasforma e lo attira a sé di Mons. Gino Oliosi
Il Vangelo ci riferisce gli eventi del mattino della domenica di Pasqua. Il giorno dopo il sabato, Maria di Magdala si reca al sepolcro di buon mattino, quando è ancora buio. Di sabato non ci si può muovere, secondo un precetto molto rigido della legge. Il giorno però finisce con la sera; pertanto, quando è ancora buio, Maria si muove per andare al sepolcro. Maria è piena di amore, ma anche piena di dolore. Quando

Domenica di Pasqua Veglia pasquale

In questa santa notte di Pasqua la Chiesa ci fa rivivere la gioia battesimale di figli nel Figlio offrendoci un cibo abbondante dalla Sacra Scrittura e soprattutto dall'Eucaristia pasquale di Mons. Gino Oliosi
Tutta una  serie di letture – a partire dal racconto della creazione fino a una splendida profezia di Ezechiele – scandisce il tempo di questa veglia pasquale. Come epistola ci viene proposto un brano della Lettera ai Romani sul battesimo, che è partecipazione al mistero pasquale di Cristo

La cattiveria quotidiana 1810

dei coniugi Biagini “A Pasquì, ma perché poi sti franciosi ce l’hanno co noi? “A Romolé, amo cercato du’ vorte de civilizzal-li, prima colle legioni, poi co li missionari, ma c’è annata buca.”

La cattiveria quotidiana 1809

dei coniugi Biagini “A Pasquì, hai sentito ch’ha detto er sor Mikròn, capo da-a provincia nostra de Gallia?” “No, ch’ha det-to?” “Ha detto che noi italiani semo lebbrosi.” “E vor dì che ci ha attaccato lui er mal francese, Romolé.”

Venerdì Santo Celebrazione della Passione del Signore

Gesù audacemente chiede di essere glorificato. Ma sa bene che questa glorificazione passa attraverso le sofferenze della passione. Anche noi con Lui chiediamo la vita veramente vita sapendo di dover passare (Pasqua) attraverso le sofferenze e la morte di Mons. Gino Oliosi
Siamo nel venerdì santo, un giorno tenebroso e luminoso. Tutta la Chiesa ricorda la passione, la morte e la sepoltura di Gesù. La liturgia ci offre testi splendidi, che possono nutrire molte ore di meditazione nel silenzio del Venerdì Santo. Li presentiamo attingendo da Albert Vanhoye Letture bibliche delle Domeniche Anno C (pp.104-109). La prima lettura, tratta dal libro del profeta Isaia, è il canto del Servo sofferente, una profezia stupenda. La seconda

Giovedì Santo Messa in Cena Domini

La nostra vocazione è una vocazione a divenire perfetti come il Padre cioè amare fino al perdono e servire rimodellati dal Signore Gesù nella Nuova Alleanza, nella Nuova Storia di amore ricevendolo nella Comunione eucaristica di questo giovedì santo di Mons. Gino Oliosi
In questo giorno tutta la Chiesa rievoca l'Ultima Cena di Gesù, che viene resa presente nell'Eucaristia che attualizza con Lui risorto nel dono del Suo Spirito in anticipo il sacrificio della Croce, la Nuova Alleanza, la Nuova Storia di amore fino al perdono, come ci ama perfettamente il Padre. Secondo i Sinottici, l'Ultima Cena è avvenuta nella ricorrenza della Pasqua ebraica il 14 di Nisan. Perciò la

La Chiesa in "rivoluzione permanente"

La "teologia" di Karl Rahner con una contorsione intellettuale elimina Do Creatore per sostituirlo con il continuo cambiamento e l'ansia di novità di matrice marxista-hegeliana. La Chiesa entra in uno stato di rivoluzione permanente che profana e distrugge volutamente tutta la tradizione cattolica e si trasforma in una scimmia delle mondanità ideologiche del momento. Il penultimo capitolo della lettura commentata dal prof. Giovanni Zenone del libro di Stefano Fontana "La nuova Chiesa di Karl Rahner" https://www.fedecultura.com/La-nuova-Chiesa-di-Karl-Rahner-p81906827 le cui conseguenze sono poi una Chiesa gnostica e secolarizzata https://www.fedecultura.com/Chiesa-gnostica-e-secolarizzazione-p108675443 21esima lezione sul libro di Stefano Fontana.

La cattiveria quotidiana 1808

dei coniugi Biagini “A Pasquì, che è sto gruppo Bilderbergo?” “So e-e sanguisughe der monno, Romolé.” “E a-a Sacra Corona nun s’oppone co li furmini?” “Ma che stai a scherzà? Li furmini so pe li sgranarosari, Romolé.”

La cattiveria quotidiana 1807

dei coniugi Biagini “A Pasquì, chi comanna a sto monno?” “Quarche decina de satanassi der gruppo Bilderbergo che ci han-no li miliardi come noccioline, Romolé.”

La cattiveria quotidiana 1806

dei coniugi Biagini “Dimmi, Fulgenzio, com’è nato questo liquame di fogna?” “Vedi, Terenzio, bisogna risalire a un certo convento agostiniano tedesco, dove un monaco stitico  di nome Martino passava moltissimo tempo nel cesso, e lì nel cesso ebbe “l’illuminazione” che gli permise di scaricarsi. Da allora il liquame non ha fatto altro che salire.”

Auguri Papa Benedetto!!!

Immagine
Oggi Papa Benedetto compie 92 anni! Auguri Santo Padre!!! Leggiamo e ascoltiamo sempre con immenso piacere e utilità culturale e spirituale i tuoi insegnamenti! Dio ti conservi a lungo! In offerta il Dizionario antologico dottrinale di Benedettto XVI con 22 euro di sconto!!! https://www.fedecultura.com/Collezione-Magistero-Benedetto-XVI-p97954122

La nostra chiesa è in fiamme

La nostra chiesa è in fiamme. A furia di dar credito al catastrofismo ambientalista sembra che Qualcuno si sia stancato e abbia davvero lasciato che il riscaldamento globale facesse incendiare la nostra casa... cioè la chiesa. Una lettura dei fatti recenti di Parigi e Greta Thunberg fatta dal nostro direttore prof. Giovanni Zenone. Un libro di Roberto De Mattei per capire Il mistero del male e i castighi divini. https://www.fedecultura.com/Il-mistero-del-Male-e-i-castighi-di-Dio-p78957509

La cattiveria quotidiana 1805

dei coniugi Biagini “Dimmi, Fulgenzio, cos’è la ‘resistenza’?” “È il naturale coronamento del ‘risorgimento’, Terenzio. “E il ‘risorgimento’?” “È l’inevitabile compimento della rivoluzione francese, Terenzio.” “E la rivoluzione francese?” “È il rigurgito che ha fatto venire a galla il liquame di fogna, Terenzio.”

La nostra casa è in fiamme

La nostra recensione del caso editoriale e best-seller del momento, l'attesissimo libro "La nostra casa è in fiamme" della giovane ambientalista Greta Thunberg edito da Mondadori. Cosa ci sta dietro tutta questa operazione realizzata in contemporanea a livello globale? La recensione di Paolo Nardi caporedattore di Fede & Cultura. https://amzn.to/2KCLOxz #gretathunberg #ambientalismo #ecologismo #ecologia #fridaysforfuture #biodiversità #climatechange #cambiamentoclimatico #co2 #emissioni #sciechimiche #asperger #autismo #inquinamento #metoo #femminismo #pollution #vegan #books #libri

Vogliono far tacere Benedetto XVI perché dice la verità

L'intervento di Benedetto XVI è molto importante in questa ora della Chiesa, perché costringe ad affrontare le radici di questa crisi profonda Intervista al Card. Müller di Riccardo Cascioli 15-04-2019 Il cardinale Müller sugli "appunti" del papa emerito sul tema degli abusi sessuali: «Intervento importante perché costringe ad andare alle radici della crisi attuale». «Di pari passo con la rivoluzione sessuale la teologia morale ha iniziato a negare l'esistenza di atti intrinsecamente malvagi, indebolendo la coscienza di ciò che è bene e ciò che è male. Le conseguenze sono state devastanti». «Il pastoralismo è figlio dell'etica "caso per caso", ma una pastorale che non poggia sui fondamenti della moralità umana è falsa». «Chi dice che il papa emerito non dovrebbe parlare è l'esempio più evidente della mondanizzazione della Chiesa. Costoro non sanno nulla della missione dei vescovi. Il papa emerito non ha solo il diritto ma anche il dovere di parlare pe…

La cattiveria quotidiana 1804

dei coniugi Biagini “Dimmi, Fulgenzio, cos’è il mondialismo?” “È la scimmiottatura dell’universalità cristiana, Terenzio. “E perché è una scimmiottatura?” “Perché più che scimmiottare il diavolo non sa fare, Terenzio.”

La cattiveria quotidiana 1803

dei coniugi Biagini “Dimmi, Fulgenzio, cos’è la libertà?” “È il bene offerto dalla democrazia.” “E la democrazia?” “È lo spettacolo dei burattini manovrati dagli usurai mondialisti, Terenzio.”

La cattiveria quotidiana 1802

dei coniugi Biagini “Dimmi, Fulgenzio, che differenza c’è tra il comunismo e il mondialismo?” “Che almeno, per i comunisti, un uomo è un uomo e una donna una donna, Terenzio.”

La cattiveria quotidiana 1801

dei coniugi Biagini “Dimmi, Fulgenzio, ma che se ne fa il minculpop sinistroide della cosiddetta ‘Kul-tura’?” “Gli serve per succhiare il sangue dei contribuenti e sabotare chi non è allineato con le direttive mondialiste, Terenzio.”

La cattiveria quotidiana 1800

dei coniugi Biagini “Dimmi, Fulgenzio, perché tanta censura del minculpop su Facciabbucco?” “Ma Terenzio, sai bene che il minculpop sinistroide mondialista si è impadronito della cosiddetta ‘Kul-tura’, ha okkupato case editrici, teatro, giornali, radio, TV. E internet poteva forse mancare dalla collezione?”

Mosè secondo i Saggi - di Edmond Fleg

Immagine
di don Francesco Giosuè Voltaggio
(Dottore in Scienze Bibliche e Archeologia, Professore stabile presso lo Studium Theologicum Galilaeae) Sono onorato di presentare questa bella riedizione dell’opera dello scrittore, poeta e commediografo ebreo, svizzero naturalizzato francese, Edmond Flegenheimer (detto Fleg), pubblicata per la prima volta nel 1928 e intitolata Mosè secondo i saggi. Per tale edizione mi congratulo vivamente con l’editore, che ha avuto il coraggio di riproporla. In tale opera, l’autore ha voluto raccogliere numerosi midrashim sorti lungo i secoli nella tradizione ebraica in-torno alla figura di Mosè, rielaborandoli in modo originale e creativo da scrittore di grande calibro qual era. Il libro si presenta, per-tanto, come un vero e proprio midrash moderno su Mosè e sui racconti biblici a lui relativi. Come prefazione al presente libro, mi pare essenziale evidenziare l’importanza del midrash, sia per gli ebrei che per i cristiani, dato che l’editore di quest’opera di un e…

La cattiveria quotidiana 1799

dei coniugi Biagini Censura di regime. Una numerosa famiglia di zingari occupa una fattoria abbandonata per il decesso del proprietario e impedisce con la violenza al legittimo erede di prenderne possesso. Le cosiddette “autorità” della cosiddetta “repubblica”, richieste di far qualcosa, se la fanno addosso. Immensa la puzza, sia delle “autorità”, sia della fattoria prontamente ridotta ad un letamaio dai gentili ospiti. Facciabbucco ammonisce che non sono permessi commenti “razzisti” indicanti che i sudditi italiani abbiano il diritto di esser lasciati in pace a casa propria.

La cattiveria quotidiana 1798

dei coniugi Biagini Censura di regime. Alcuni graditi ospiti dal continente nero violentano, strangolano, squartano, smembrano e solo parzialmente (per non fare indigestione) divorano una ragazza italiana. Facciabbucco ammonisce che non sono tollerati commenti “razzisti” indicanti che i graditi ospiti dovrebbero comportarsi come persone civili e non secondo le loro usanze di cannibali.

La cattiveria quotidiana 1797

dei coniugi Biagini Censura di regime. Cinque graditi ospiti dal continente nero corrono senza biglietto per il treno minacciando i passeggeri con lamette sporche di sangue, a scopo di rapina. Il minculpop di Facciabbucco ammonisce che non sono ammessi commenti “razzisti” indicanti che i sudditi italiani delle “repubblica” abbiano il diritto di difendersi.

Domenica delle palme e della Passione del Signore

In questa domenica la Chiesa c'invita a meditare sulla passione del Signore con raccoglimento, con amore e con gratitudine. Quest'anno siamo guidati dall'evangelista Luca, che racconta la passione con molta venerazione e ammirazione per il suo Signore. di Mons. Gino Oliosi
La venerazione si nota sul fatto che l'evangelista evita di raccontare i dettagli crudeli e umilianti della passione, memorizzati dagli altri evangelisti. Egli non parla della flagellazione, che è avvenuta o, meglio, non usa il termine "Flagellare", ma mette  sulle labbra di Pilato una  formula

La cattiveria quotidiana 1796

dei coniugi Biagini Ultime notizie. Le prestigiose associazioni UAAR e PIRLA hanno comunicato che saranno esenti dalla cacciata solo gli italiani che presenteranno un certificato di buona condotta antiomofoba rilasciato dall’Archighei.

La crisi della Chiesa nella testimonianza inedita di Benedetto XVI

Immagine
Dal 21 al 24 febbraio 2019, su invito di Papa Francesco, si sono riuniti in Vaticano i presidenti di tutte le conferenze episcopali del mondo per riflettere insieme sulla crisi della fede e della Chiesa avvertita in tutto il mondo a seguito della diffusione delle sconvolgenti notizie di abusi commessi da chierici su minori. La mole e la gravità delle informazioni su tali episodi hanno profondamente scosso sacerdoti e laici e non pochi di loro hanno determinato la messa in discussione della fede della Chiesa come tale. Si doveva dare un segnale

La cattiveria quotidiana 1795

dei coniugi Biagini Ultime notizie. Le prestigiose associazioni UAAR e PIRLA hanno presentato all’Onu un piano per cacciare gli italiani dall’Italia.

La cattiveria quotidiana 1794

dei coniugi Biagini Ultime notizie. Le prestigiose associazioni UAAR e PIRLA hanno concordato con l’Agenzia delle Entrate un piano per il sequestro dei beni dei parenti che si oppongono al suicidio assistito di un congiunto. “Sarà un’occasione molto meglissima per sanare il bilancio, rientrare nei parametri Ue e diminuire lo spread”, ha dichiarato una eminente politicante.

La cattiveria quotidiana 1793

dei coniugi Biagini Ultime notizie. Le prestigiose associazioni UAAR e PIRLA hanno suggerito alle Asl l’acquisto di un congruo numero di martelli da sostituire alle siringhe ipodermiche. “Saranno più rapidi, efficaci ed economici, specie se il paziente recalcitra”, ha commentato un fautore della proposta.

Senza il Giorno del Signore non possiamo vivere

Abbiamo bisogno della relazione eucaristica almeno domenicale che ci sorregga e dia orientamento Omelia di Benedetto XVI a Vienna il 9 settembre 2007
Cari fratelli e sorelle! "Sine dominico non possumus!" Senza il dono del Signore, senza il Giorno del Signore non possiamo vivere: così risposero nell'anno 304 alcuni cristiani di Abitene nell'attuale Tunisia quando, sorpresi nella Celebrazione eucaristica domenicale, che era proibita, furono portati davanti al giudice

Cromwell

Immagine
«Quanto alla caccia alle streghe, non vi fu mai una festa simile come sotto gli sforzi di tolleranza di Cromwell. Sessantuno streghe sono mandate a morte in una contea nello spazio di un anno, e precisamente nell’Inghilterra dell’est. Non abbiamo le cifre esatte, ma in quei brevi anni di potere puritano furono forse uccise più streghe che in tutto il resto del secolo» (cfr. Hilaire Belloc, “Cromwell il dittatore”, Fede & Cultura, p. 63). Citazione di Rino Cammilleri, Antidoti, 9 marzo 2019

La cattiveria quotidiana 1792

dei coniugi Biagini Ultime notizie. Le prestigiose associazioni UAAR e PIRLA hanno auspicato la promulgazione di una legge per il suicidio assistito obbligatorio.

La cattiveria quotidiana 1791

dei coniugi Biagini Ultime notizie. Le prestigiose associazioni UAAR e PIRLA hanno annunciato che è allo studio una legge per l’affogamento di tutti i bambini malati; l’iniziativa ha ricevuto l’entusiastico sostegno del governo di Londra, dell’Ordine dei medici d’Inghilterra e della conferenza episcopale inglese.

5 euro di omaggio per armare la tua libertà

Immagine
Ci sono tre modi per affrontare i tempi difficili che viviamo: 1) Va tutto bene, evviva il progresso! 2) Va tutto male, è finito tutto, non c'è più speranza. 3) Va tutto male, e perciò c'è speranza. Ma il male va conosciuto e riconosciuto per quello che è! Ettore Gotti Tedeschi fa parte di quelli dell'opzione n. 3: è uno che il male lo ha conosciuto, e per davvero, anche là dove c'è il grande bene, cioè nella Chiesa. E che non fa finta che tutto sia bellissimo. Da banchiere di Dio e da grande uomo di una cultura quasi inesauribile ci offre un piccolo capolavoro che già è in testa alle vendite: Colloqui minimi - L'arte maieutica della polemica. Un libro nel quale pone domande a grandi personaggi della storia, da san Michele ad Aristotele, da Seneca a san Tommaso, da Cartesio a Rousseau, per

La cattiveria quotidiana 1790

dei coniugi Biagini Ultime notizie. Le prestigiose associazioni UAAR e PIRLA hanno sponsorizzato un progetto di legge per facilitare il matrimonio tra finocchi e teste di cavolo.

Dio vuole il bene e permette il male

Immagine
di P. Giovanni Cavalcoli
All’Udienza Generale del 3 aprile scorso il Papa ha pronunciato alcune parole per chiarire in che senso Dio ha voluto una pluralità di religioni. Ecco quanto ha detto Papa Francesco: «Qualcuno può domandarsi: ma perché il Papa va dai musulmani e non solamente dai cattolici? Perché ci sono tante religioni, e come mai ci sono tante religioni? Con i musulmani siamo discendenti dello stesso Padre, Abramo: perché Dio permette che ci siano tante religioni? Dio ha voluto permettere questo: i teologi della Scolastica facevano riferimento alla voluntas permissiva di Dio. Egli ha voluto permettere questa realtà: ci sono tante religioni; alcune nascono

La cattiveria quotidiana 1789

dei coniugi Biagini Pensierino della sera. Visto che sono uno sgranarosari, vecchia comare, untuoso e idolatra, adoratore del dio Narciso, vanitoso e farfallone, banderuola, marcio nel cuore, debole fino alla putredine, mummia da museo, dal cuore nero, truffatore, a che serve che dica il Rosario secondo le pie intenzioni di Bergoglio?

Dio in sé e Dio per me

Prima che nascessero i monti e la terra e il mondo fossero generati,  da sempre e per sempre Tu Sei, Dio. Sal 90, 2
Qual è il vero assoluto?
di P. Giovanni Cavalcoli Riguardo al concetto di Dio gioca il binomio relativo-assoluto. Il relativo è per essenza relativo a un assoluto. Invece l’assoluto non è relativo a nulla; può stare o esistere anche da sé senza un altro, ossia un relativo che gli sia relativo. Con Hegel, invece, nasce la relatività reciproca: il mondo è relativo a Dio; ma anche Dio è relativo al mondo. Per Hegel l’assoluto è relativo all’altro da sè, che è a sua volta assoluto per lui. E viceversa.  Quindi, per Hegel il mondo non può stare senza Dio; ma anche Dio non può stare senza il mondo. Il mondo è orientato a Dio e Dio è orientato al mondo. Dio è per essenza

La cattiveria quotidiana 1788

dei coniugi Biagini Pensierino della sera. Chissà perché Bergoglio ha improvvisamente chiesto che si dica il Rosario per le sue pie intenzioni? Si vede che stanno per scoprirsi degli altarini particolarmente scomodi.

La cattiveria quotidiana 1787

dei coniugi Biagini Pensierino della sera. Quando, grazie all’immigrazione incontrollata degli usurai mondiali e dei loro lacché nostrani, avremo la sharia, voglio proprio vedere che succederà ai “ghei” e alle femministe.

La cattiveria quotidiana 1786

dei coniugi Biagini Pensierino della sera. Se un ponte crolla sotto un governo di destra è colpa dell’incuria. Sotto uno di sinistra è una fatalità.

La cattiveria quotidiana 1785

dei coniugi Biagini Pensierino della sera. Se la sinistra vince le elezioni è giusto che riempia tutti i posti chiave di suoi scagnozzi. Se vince la destra non bisogna toccare niente per non disturbare la continuità amministrativa. La chiamano democrazia.

La cattiveria quotidiana 1784

dei coniugi Biagini Pensierino della sera. Perché lo chiamano Parlamento, se tutti non fanno che leggere? Dovrebbe chiamarsi Leggimento.

Una guida sicura sulla via del mistero

Immagine
"Il senso del mistero si trova in modo manifesto negli artisti di genio, nei grandi sapienti, nei filosofi degni di questo nome, nei veri teologi e ancor più nei grandi contemplativi. Noi lo consideriamo qui quale deve essere nel filosofo e nel teologo. Perciò è inizialmente importante farsi una giusta idea della sapienza metafisica, comparata a quella sapienza superiore che è la teologia e al dono della sapienza che è, insieme a quello dell’intelletto, il principio della contemplazione infusa. Prenderemo come guida san Tommaso". Réginald Garrigou-Lagrange, ll senso del mistero

La cattiveria quotidiana 1783

dei coniugi Biagini Pensierino della sera. Tra le rovine di Francoforte un giorno qualcuno troverà le matrici rotte che erano servite per stampare gli euro.

Oscurità

Immagine
Più grande l’oscurità, più completa dovrebbe essere la nostra fiducia.  (Santa Faustina Kowalska, Diario, La divina misericordia nella mia anima, n. 357). https://www.fedecultura.com/Diario_eBook-p75773346

La cattiveria quotidiana 1782

dei coniugi Biagini Pensierino della sera. Tra le rovine di Bruxelles un giorno qualcuno troverà le ceneri del decreto delle sanzioni contro l’Ungheria.

La cattiveria quotidiana 1781

dei coniugi Biagini Pensierino della sera. Evoluzione della sinistra: da lacchè di Stalin a lacchè degli usurai mondiali

Amare Dio e fare money?

Immagine
Il nostro best-seller scritto da Ettore Gotti Tedeschi "Amare Dio e fare soldi" è stato pubblicato in USA da Gondolin Press col titolo "Love God, make money!". Un altro passo nella direzione dell'apostolato globale della Buona Stampa! Aiutaci a diffondere la conoscenza del bene, sostieni l'apostolato dell'intelligenza, della Bellezza e della Verità! Perché il denaro e l'economia, come insegna Ettore Gotti Tedeschi, non sono il male, ma sono solo uno strumento: che siano bene o male dipende da come e perché vengono usati. E il benessere non si può generare se si smette di generare figli (vedi il testo del ministro della famiglia Lorenzo Fontana con Ettore Gotti Tedeschi "La culla vuota della civiltà" e non si produce il profitto necessario per diffondere il bene e il benessere.

La cattiveria quotidiana 1780

dei coniugi Biagini Pensierino della sera. Dicono che l’uomo viene dalla scimmia, ma se fossi una scimmia mi offenderei.

La cattiveria quotidiana 1779

dei coniugi Biagini Ultime notizie. Le prestigiose associazioni UAAR e PIRLA hanno auspicato agevolazioni finanziarie per la conversione di chiese in moschee.

La cattiveria quotidiana 1778

dei coniugi Biagini Ultime notizie. Le prestigiose associazioni UAAR e PIRLA hanno concordato un piano per l’aspersione a tappeto sul territorio italiano di droghe atte a rincoglionire la gente per facilitare l’accettazione dei migranti.