Post

Visualizzazione dei post da Aprile, 2021

Joseph de Maistre, duecento anni dalla morte (ma non li dimostra)

Immagine
di Gennaro Malgieri Due secoli non sono bastati per cancellarne la memoria. Gennaro Malgieri, a 200 anni dalla sua morte, ricorda il conte Joseph de Maistre. La sua imponenza filosofica, politica, giuridica è tale che se dovesse sparire dalla memoria culturale europea sarebbe come amputare il pensiero critico controrivoluzionario Il 26 febbraio 1821 si spegneva a Torino il conte Joseph de Maistre. Aveva settantotto anni (era nato a Chambéry in Savoia il primo aprile 1753). Due secoli non sono bastati per cancellarne la memoria. E probabilmente non ne basteranno altri due. La sua imponenza filosofica, politica, giuridica è tale che se dovesse sparire dalla memoria culturale europea sarebbe come amputare il pensiero critico controrivoluzionario e dichiarare la vittoria della modernità privata del suo più lucido e lungimirante nemico nel momento in cui essa sembra decisamente in affanno. La testimonianza maestriana è paradossalmente utile perfino a coloro che lo avversano dal momento che

NUOVA USCITA - Oltre la meraviglia

Immagine
  Nonostante siano passati decenni, la Giustizia bussa inesorabile alla porta di un avvocato che, in una vicenda tra l’onirico e il fantastico, si trova faccia a faccia con la propria storia, le proprie colpe e la possibilità del riscatto. Un’apparizione della Giustizia nell’aggrovigliata selva della realtà del mondo sensibile, prima narrata e poi spiegata in un saggio filosofico dell’Autore, che apre a più ampi e sorprendenti scenari.

NUOVA USCITA - Alfa e Omega

Immagine
Alfa e Omega è un breve manuale sulla protologia e l’escatologia cristiana, alla luce del cristocentrismo trinitario e del principio sintetico cattolico. La luce di Cristo risorto si espande verso gli inizi della storia e anche verso la fine di essa. Le diverse dimensioni del disegno trinitario creatore e salvifico confluiscono nel mistero di Cristo, in modo tale che né la creazione è solo la questione dell’origine né l’escatologia è solo il problema del destino, ma creazione ed eschaton si collegano in Colui che dà ragione della loro identità presente. Essendo Cristo il Logos, la sua luce non contrasta con la ragione umana, ma la porta al suo vero compimento. In questa prospettiva, ci si avvale in queste pagine in modo particolare della compagnia di due grandi maestri, Tommaso d’Aquino e Joseph Ratzinger, nell’intento di mostrare, nello sviluppo dei diversi temi che compongono la protologia e l’escatologia, non solo la compatibilità della congiunzione dell’approccio metafisico con que

NUOVA USCITA - Non è andato tutto bene

Immagine
Il Covid-19 nella sua prima ondata ha colpito più che in ogni altra parte del mondo il territorio bergamasco e simbolo di questa tragedia sono state le colonne di mezzi militari che portavano fuori provincia le salme dei defunti. Proprio a Bergamo opera l’Autore di questo libro, medico di famiglia attivo tra la gente di paese. Non si tratta di una denuncia degli errori commessi, della sottovalutazione e della cattiva gestione della pandemia, ma del racconto di una dura prova affrontata operando in condizioni critiche, senza direttive precise, senza protezione e senza la formazione necessaria di fronte a un virus nuovo e sconosciuto. Ma sono proprio gli avvenimenti più duri e dolorosi a rivelare chi siamo, di cosa siamo capaci e, soprattutto, chi amiamo.

Si possono benedire le coppie omosessuali?

Immagine
La Santa sede di è espressa riguardo alle benedizioni alle coppie omosessuali con grande chiarezza suscitando le reazioni avverse anche di certo mondo cattolico che spingeva per un cambio di rotta. Quali sono le argomentazioni di questa dottrina tradizionale e perché non viene cambiata nonostante quelle che sembravano aperture?

La cattedrale di Maria Valtorta

Immagine
Ho il piacere di annunciare che è appena uscito il libro di don Ernesto Zucchini La cattedrale di Maria Valtorta, presidente della Fondazione Maria Valtorta, che analizza in modo scientifico, spirituale e teologico tutta l'Opera della mistica Maria Valtorta e risponde alle domande che vanno poste sulla mistica stessa e sui suoi scritti. Tutto è analizzato alla luce della scienza galileiana e della coerenza con i fatti storici dimostrabili e con la coerenza con le fede cristiana. Ne esce un quadro prodigioso di coerenza e fedeltà che hanno del miracoloso.

La fede dipende dai preti?

Immagine
La fede che abbiamo ricevuto da bambini deve crescere - anche se non dobbiamo diventare "cristiani adulti". Importante è che diventi un incontro con Gesù Cristo e che non dipenda più dall'uomo, nemmeno fosse il più importante della Chiesa e il più santo. Altrimenti...

NUOVA USCITA - La persona di Cristo secondo San Tommaso d'Aquino

Immagine
  La cristologia è la conoscenza della persona di Cristo operata dalla scienza della fede: questo volume presenta in maniera semplice e alla portata di tutti un riassunto delle questioni dalla 1 alla 26 della Terza Parte della Summa Theologiae di San Tommaso d’Aquino, che per secoli ha costituito l’impianto fondamentale nello studio della teologia cattolica. Di simile conoscenza c’è grande bisogno, specialmente oggi che in molti seminari e facoltà teologiche lo studio dell’Aquinate è stato accantonato o relegato a un ruolo secondario in favore dell’insegnamento quasi esclusivo di teologie più recenti.

Saruman il politico multicolore

Immagine
Lo stregone Saruman è il simbolo del politico opportunista che pensa di poter governare la storia e dirigere l'onda grazie alla sua sapienza, mantenendo sempre saldi i suoi scopi che sono giusti: per lui il fine giustifica i mezzi, tanto che non esiterebbe a usare l'Anello per realizzarli, ma in questo modo tradisce la sua missione e spezza se stesso. Il suo potere risiede nella voce, in grado di farlo sembrare il migliore e il più comprensivo dei consiglieri, dicendo a ciascuno che cosa vuol sentirsi dire. https://www.fedecultura.com/50-saruman-il-politico-multicolore Per ricevere tutte le nostre novità senza censura iscriviti al nostro canale Telegram ➜ https://t.me/fedecultura

Ricevere la comunione sulla lingua è un diritto inalienabile dei fedeli.

Immagine
Quando un prete si permetterà ancora di importi di ricevere la Comunione in mano col pretesto che la CEI ha dato questa raccomandazione o altre banalità di questa portata, digli che è un diritto inalienabile dei fedeli riceverla in ginocchio e sulla lingua e che sia obbediente alla Chiesa! Lo ha confermato "Notitiae", la "Gazzetta Ufficiale" delle leggi ecclesiastiche! Responsum de Communione super linguam recipienda (Sul diritto di ricevere la Comunione sulla lingua) (pubblicata su Notitiae, 392-393 1999) Responso - Se nelle diocesi in cui è permesso distribuire la comunione nella mano dei fedeli sia lecito al sacerdote ovvero ai ministri straordinari della comunione obbligare i comunicandi a ricevere l’ostia esclusivamente in mano, e non sulla lingua. Risulta per certo dagli stessi documenti della Santa sede che nelle diocesi ove il pane eucaristico è posto nella mano dei fedeli, resta intatto il loro diritto di riceverlo sulla lingua. Pertanto agiscono in violaz

NUOVA USCITA - La Cattedrale di Maria Valtorta

Immagine
13.193 pagine di quaderno a cui si devono aggiungere un epistolario cospicuo e appunti di vario genere, fogli e foglietti slegati e raccolte di paginette cucite fra loro con ago e filo. Tutta questa produzione forma l’Opera omnia di Maria Valtorta. Non un super-Vangelo ma uno strumento soprannaturale che viene a supportare nel nostro tempo impregnato di razionalismo i valori della storia e della ragione. Questo libro spiega i contenuti, la varietà e le differenze degli scritti valtortiani, presentandoli come una vera e propria “cattedrale” piena di vetrate, guglie e statue, che custodisce il Popolo di Dio che celebra l’Eucarestia e la mantiene sempre presente per chi voglia adorare.  

Bisogna fare la comunione sotto le due specie?

Immagine
In risposta a chi critica la Chiesa perché non dà comunione sotto la specie del pane e del vino: ma è proprio vero? Forse che ricevere solo l'ostia santa dimezza la presenza di Cristo?

Essere cristiani non integrati

Immagine
Hai perso la fiducia nel lato umano della Chiesa, nell'istituzione, nel tuo gruppo ecclesiale? Sei stufo di "timbrare il cartellino" in una realtà che ormai senti estranea? Forse che questo significa aver perso la fede? O forse piuttosto averla conservata pura? Qualche idea in proposito del prof. Zenone.

Anche Youtube ci censura!

Immagine
Se qualcuno ha ancora dubbi sul fatto che il vaccinismo sia parte integrante della dittatura mondiale... oggi YouTube ha rimosso il nostro video sulla liceità morale del vaccino perché ha “contenuti inappropriati”. Abbiamo subito creato un canale Fede & Cultura su Rumble per conservare un minimo di libertà - finché sarà possibile. Aiutateci a diffondere il nostro canale Telegram https://t.me/fedecultura   che - per il momento - ci lascia ancora ampi spazi di libertà. Se andate a leggere su youtube quali sono i motivi per essere cancellati c'è un elenco delle affermazioni che sono soggette alla nuova "Empia Inquisizione" del pensiero unico mondiale: "YouTube non tollera contenuti che diffondano disinformazione in ambito medico, in contraddizione con le informazioni fornite sul COVID-19 dalle autorità sanitarie locali o dall'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS). Queste misure si limitano ai contenuti in contraddizione con le linee guida fornite dall'

NUOVA USCITA - La liturgia è ancora sacra?

Immagine
  La recente pandemia ha chiuso le chiese e fermato le celebrazioni, ma il Covid-19 non è che l’ultimo gradino di una discesa inarrestabile. Negli ultimi sessant’anni, da quando è stata cambiata la messa, si è assistito a una progressiva degenerazione della liturgia in nome di un maggior “coinvolgimento”: innovazioni creative, sciatteria, improvvisazione, musiche discutibili, laici che si improvvisano preti, preti che si comportano come laici... Il sacro ha ceduto il posto al sociale, ma il risultato è stato che le vocazioni sono crollate e le chiese si sono svuotate. Occorre più che mai restituire fascino e sacralità alla liturgia, perché torni a essere centrale nella vita della Chiesa e ad attirare fedeli ormai disamorati.