Post

Visualizzazione dei post da Novembre, 2019

Ultimi momenti per iscriverti al Festival 2019

Immagine
Ricordi l'anno scorso? Momenti del Festival Fede & Cultura 2018. Sei ancora in tempo - al pelo! - a iscriverti al prossimo festival di Fede e Cultura 2019 che si terrà a Verona il 17 novembre 2019. Iscriviti qui: https://link.fedecultura.com/festival2019

Testimone dell'amore - NUOVA USCITA!

Immagine
La Vergine Maria riveste un ruolo fondamentale nella Rivelazione: infatti senza di lei Gesù Cristo non si sarebbe incarnato. Questo libro ci fa conoscere quanto insegna la Chiesa sulle rivelazioni (pubbliche e private) della Madonna: ogni apparizione, da Fatima a Medjugorje, ha il compito di richiamare tutti gli uomini a riscoprire quell’amore divino che ha riempito completamente Maria e con il quale Dio vuole riempire anche noi. Come a Cana di Galilea, lei è una madre sollecita: si preoccupa che non venga mai a mancare il buon vino della fede e della speranza in un mondo che è continuamente bersagliato dagli attacchi del nemico; è lei che ci spinge a obbedire alla volontà del Figlio che dalla croce ci ha affidati a lei.

La cattiveria quotidiana 2070

dei coniugi Biagini Disse lo stolto: “Ciò che conta è il potere.”

Chi ha paura del monsignore? Ecco perché i romanzi di Robert Hugh Benson sono finiti nel dimenticatoio

Immagine
di Luca Fumagalli Robert Hugh Benson (1871-1914) è una delle figure più rappresentative della letteratura cattolica inglese di inizio Novecento. Difatti furono pochi gli autori che, al pari del monsignore – figlio dell’anglicano arcivescovo di Canterbury e perciò uno dei convertiti illustri del suo tempo – seppero efficacemente piegare la narrativa alle esigenze evangelizzatrici. Sia nei romanzi storici che nelle opere di ambientazione contemporanea Benson si rivelò un prosatore d’eccezione, divenendo grazie a capolavori quali Il padrone del mondo (1907) uno dei primi autori “papisti” a ottenere nel Regno Unito un vasto consenso di pubblico e critica.
Quando il monsignore morì, il mondo del cattolicesimo britannico era consapevole di aver perso una delle sue figure più rappresentative, un prete infaticabile – sovente ripeteva: «Se veramente vuoi fare una cosa, la puoi fare!» – e una punta di diamante della cultura cristiana contemporanea. Come ha notato giustamente Joseph Pearce in Cath…

Luce dal sepolcro

Immagine
La Sindone è davvero il lenzuolo funebre di Gesù oppure si tratta di un falso medievale? I Vangeli narrano fatti realmente accaduti oppure sono semplici leggende? La risposta a queste domande non è secondaria, perché coinvolge profondamente la nostra vita. Di certo la Sindone è il reperto archeologico più studiato al mondo e i Vangeli ne costituiscono l’unica chiave interpretativa.


Marinelli e Fasol, Luce dal sepolcro, Fede & Cultura, Verona, 2019

La cattiveria quotidiana 2069

dei coniugi Biagini
Disse lo stolto: “Le vittime hanno paura e non parleranno.”

Ultimi momenti per il Festival...

Immagine
Ultimi momenti per iscriversi all'8° Festival di Fede & Cultura. Il tempo massimo è passato, ma noi siamo misericordiosi, accoglienti, ecumenici, aperti, non giudichiamo... Insomma, iscriviti adesso per non restare senza buffet! 😜 https://link.fedecultura.com/festival2019

Il cardo e la croce

Immagine
Nel 1300 gli scozzesi cercavano (e ottenevano) l’indipendenza dall’Inghilterra con la spada in sanguinose ed eroiche battaglie iscritte nell’epopea nazionale, come si vede nel kolossal cinematografico Braveheart. Nel 1707, attraverso l'Atto di Unione approvato dai Parlamenti inglese e scozzese, la Scozia cessava di essere una nazione libera ed indipendente, ricadendo sotto il governo di Londra. Non è però stato possibile mettere da parte le spinte indipendentiste della regione, basate su una forte e persistente identità culturale e religiosa.
Paolo Gulisano, Il cardo e la croce, Fede & Cultura, Verona, 2019

La cattiveria quotidiana 2068

dei coniugi Biagini Disse lo stolto: “Ho amici potenti che aggiusteranno tutto.”

Mussolini ateo militante

Immagine
di Francesco Agnoli Dio non esiste è un testo filosofico di Benito Mussolini, del 1904, piuttosto raro, quasi introvabile, nonostante all’epoca gli sia valso la stima e la considerazione di molti rivoluzionari. Eppure rileggere oggi l’opuscolo mussoliniano è assai utile per comprendere una componente fondamentale del pensiero politico dominante nella prima metà del Novecento. Infatti, come tanti storici hanno messo in luce, l’assolutizzazione della politica, la trasformazione del Partito in una chiesa, dell’ideologia politica in una dottrina di Salvezza, di alcuni uomini in Profeti (o, hegelianamente parlando, in “uomini cosmico-storici”), ha il suo fondamento proprio nella “morte di Dio”, o, per meglio dire, nella profonda marginalizzazione della visione cristiana del mondo che aveva dominato l’Europa per secoli. L’epoca in cui Mussolini scrive è segnata dalla sostituzione delle fede in un Dio trascendente, nella Salvezza come prospettiva ultraterrena, con nuove fedi secolari, immanenti,…

Sconti fino al 70%!

Immagine
Sconti fino al 70% per libri volumi resi, con difetti, strappi, pieghe, macchie o altri danni che non pregiudicano la lettura. Ogni giorno ne arrivano di nuovi, tieni d'occhio il nostro OUTLET! https://fedecultura.com/Outlet%20-70-c35774548

La cattiveria quotidiana 2067

dei coniugi Biagini Disse lo stolto: “La notte era oscura e nessuno mi ha visto.”

Il diritto e i diritti - NUOVA USCITA!

Immagine
È ancora possibile pensare la legge e il diritto secondo categorie cattoliche? C’è contrasto tra la Legge Antica e quella Nuova? E qual è, per il mondo contemporaneo, il concetto di legge giusta? Su queste domande si interrogano gli autori di questo volume. In un mondo che ha smarrito il senso della legittimità del diritto, per fare leggi solamente in risposta ai desideri degli uomini è necessario recuperare la migliore tradizione del pensiero cattolico, da San Tommaso a Cornelio Fabro. Serve un diritto che ritrovi la propria legittimazione dall’alto, nella regalità di Cristo e in Dio primo legislatore.

La cattiveria quotidiana 2066

dei coniugi Biagini Disse lo stolto: “Se il vizio è nascosto è come se non ci fosse.”

La legge naturale negli impedimenti matrimoniali - NUOVA USCITA!

Immagine
Partendo dal presupposto che il matrimonio è un sacramento e che costituisce una parte integrante del disegno di Dio per avvicinare l’uomo a Lui, quest’opera riporta la legge naturale dentro una realtà che si esplicita nel dettaglio dei fatti, anche di quelli che compongono gli impedimenti matrimoniali che sciolgono il vincolo nuziale per ragioni terrene. L’Autore prende in esame il tessuto connettivo delle regole che governano il mondo sensibile, cioè l’insieme di principi retrostanti che determinano l’agire dentro l’Essere, dove ogni ente per necessità materiale opera nel movimento, nel rapporto tra legge naturale e contingenza, tra spirito e corpo. Questo senza mai dimenticare i fondamenti del matrimonio: la donazione e il consenso.

La cattiveria quotidiana 2065

dei coniugi Biagini
Disse lo stolto: “Tutt’al più le anime peccatrici si dissolvono.”

Festival 2019: il programma

Immagine
Il Prof. Giovanni Zenone, direttore di Fede & Cultura, presenta il programma del prossimo festival di Fede e Cultura 2019 che si terrà a Verona il 17 novembre 2019. Iscriviti qui

Chi sono i cattolici perseguitati oggi?

Immagine
Il Prof. Giovanni Zenone, direttore di Fede & Cultura, presenta il prossimo festival di Fede e Cultura 2019 che si terrà a Verona il 17 novembre 2019. Iscriviti qui

Amatevi gli uni gli altri - NUOVA USCITA!

Immagine
L’uomo è stato veramente creato a immagine e somiglianza di Dio? È possibile perdonare chi ci ha fatto soffrire? Cosa vuol dire amare i propri nemici? In questo libro, il grande arcivescovo e predicatore Fulton Sheen spiega cos’è l’amore umano in rapporto a quello divino: tutti gli uomini sono chiamati ad amare, cioè a donarsi, e quindi a partecipare della vita della Santa Trinità. Punti fondamentali di questa esperienza sono il valore del sacrificio, il senso della sofferenza, le conseguenze del peccato, l’importanza del dominio di sé, l’aiuto offerto dai sacramenti. “L’amore di Dio è la sorgente del nostro amore”: solo restando innestati nella vita divina sarà possibile sperimentare l’amore fraterno e rapportarsi agli altri, anche se questi ultimi non sono né cattolici né cristiani.

La cattiveria quotidiana 2064

dei coniugi Biagini Disse lo stolto: “L’inferno non esiste.”

Romano Amerio è la risposta a Enzo Bianchi

Immagine
di Francesco Agnoli Sono reduce dalla lettura dell’ultimo libro di Enzo Bianchi, Per un’etica condivisa (Einaudi), e non posso non riflettere sulla spaventosa distanza che esiste tra il pensiero di questo famoso monaco mediatico e l’ortodossia cattolica. L’errore di fondo, che inficia tutto il ragionamento di Bianchi, è quell’ottimismo mondano che si è insinuato profondamente nel pensiero ecclesiastico e cattolico nell’epoca del post Concilio. Mondano, intendo, perché ignora o sminuisce del tutto l’esistenza del peccato. “Quando la Chiesa, scriveva parecchi anni fa il Cardinal Journet al cardinal Siri, prenderà coscienza sino a che punto lo spirito del mondo è penetrato dentro essa, si spaventerà”. Ma come è penetrato questa mentalità, di cui Bianchi è oggi uno dei massimi alfieri? A mio modo di vedere all’epoca del Concilio, allorché in molti si diffuse l’idea che col mondo, inteso in senso evangelico, occorresse trovare un

La cattiveria quotidiana 2063

dei coniugi Biagini Disse lo stolto: “Nella Scrittura non c’è nessuna condanna della sodomia.”

Dio non esiste - NUOVA USCITA!

Immagine
La sera del 26 marzo 1904, alla Maison du Peuple di Losanna, il socialista Mussolini tiene un contradditorio con il pastore evangelico Alfredo Taglialatela davanti a 500 persone: la sua posizione, volta a negare l’esistenza di Dio in nome della ragione, si innesta nella concezione illuminista e positivista che si fa promotrice della pace, della tolleranza, di Marx e di Darwin, della scienza e del progresso contro un oscuro Medioevo della religione e della superstizione. Francesco Agnoli analizza criticamente il testo mussoliniano e ne mette in luce la totale ascientificità, dimostrando come alla base del fascismo ci sia un pensiero materialista che, annullando la distinzione tra bene e male e il libero arbitrio, nega l’unicità e la dignità dell’uomo in nome di uno Stato hegeliano che rivendica per sé attributi divini. Idee che accomunano Mussolini con Lenin, Stalin, Trotskij e Hitler, e che hanno fatto sì che il XX secolo sia stato il più violento e sanguinoso della storia dell’umanit…

Imprevedibili sprazzi di paternità

Immagine
di Giovanni Zenone
Cominciato e finito tutto d'un fiato. Non perché sia un capolavoro dal quale non si riesce a staccarsi, ma perché è breve e si lascia leggere con facilità. Il libro mi è stato dato da leggere forse come una medicina, e forse lo sarà, chissà mai. Otto brevi racconti della vita e dell'esperienza del narratore americano, ebreo, progressista. Comincia con l'esortazione che gli fece un altro scrittore a non fare figli, per non perdere capacità e tempo per fare libri. La sua vita è andata in un'altra direzione, e di figli ne ha messi al mondo quattro. Ciascuno con le sue peculiarità da far inorridire, annoiare, schifare... da amare. Ma lui non esprime se non in modo molto soft giudizi morali, è molto "aperto". Anche alla possibilità che la sua prospettiva non sia l'unica possibile e cogente per i suoi figli, anche alla possibilità di

Distinguersi

Tutti vogliono distinguersi dai più, ma pochissimi di noi hanno la stoffa, e ancora meno il fegato, di reggere il peso schiacciante del conformismo. (Michael Chabon, Imprevedibili sprazzi di paternità, p. 28)

La sapienza dei medievali

Immagine

La cattiveria quotidiana 2062

dei coniugi Biagini “A Pasquì, ma perché ce tocca sempre parlà de schifezze?” “Perché è quello che passa er convento, Romolé.”

Non voi avete scelto me

Immagine
Perché un albero porti frutto, bisogna che le sue radici siano ben piantate a terra, che l'acqua fresca lo alimenti e che il sole lo riscaldi: lo stesso è per la vita sacerdotale, che deve essere radicata nella sana dottrina della Chiesa, nutrita dalla preghiera e ristorata dalla contemplazione.
G. Pozzo, Non voi avete scelto me, Fede & Cultura, Verona, 2018

La cattiveria quotidiana 2061

dei coniugi Biagini “A Pasquì, me pare che er male è come ‘n serpente che se mozzica a-a coda.” “E ci hai proprio ragione, Romolé.”

Domenica XXXII

"Giornata del ringraziamento": ogni Eucaristia domenicale è azione di grazie ma questa seconda domenica di novembre è azione di grazie a Dio al termine della stagione dei raccolti agricoli e industriali
di Mons. Gino Oliosi
Nella seconda Lettura della Liturgia odierna, l'apostolo Paolo sottolinea l'importanza anche del lavoro unito alla preghiera per la vita veramente vita cioè da risorti, come richiama il Vangelo. Tale speranza è richiamata anche dalla "Giornata del ringraziamento", che si celebra in Italia in questa seconda domenica di novembre come azione di

Il discernimento cristiano

Immagine
Gli scritti qui raccolti sono una serie di articoli che l’Autore, il saggista Fabrizio Cannone, ha pubblicato su vari blog cattolici, sul quotidiano La Verità, diretto da Maurizio Belpietro, oltre a taluni pezzi inediti. Gli articoli in questione però sono stati interamente riveduti, corretti, aggiornati e ampliati in modo da formare un saggio ben compaginato ed acuminato quanto basta per svegliare le coscienze, non raramente assopite, dei contemporanei. Il titolo scelto, Il discernimento cristiano. Notizie e commenti sulla dittatura del relativismo nel mondo contemporaneo, ben sintetizza il fine di questo lavoro: denunciare, nelle democrazie moderne e nella cultura egemone, la presenza di una forma diversa e inedita, e per

Iscriviti su Telegram!

Immagine
Vuoi ricevere notizie, offerte, informazioni, alert in tempo reale da Fede & Cultura? Iscriviti gratis con tuo cellulare a Telegram e poi iscriviti al canale Telegram di Fede & Cultura qui https://t.me/fedecultura

La cattiveria quotidiana 2060

dei coniugi Biagini “A Pasquì, ma perché ce so’ tanti monsignori che nun credeno più?” “Perché fanno schifezze, Romolé.”

San Filippo in riva all'Adige - NUOVA USCITA!

Immagine
È certo che san Filippo Neri non si mosse mai da Roma, città che aveva raggiunto intorno al 1534 dalla nativa Firenze. Eppure la sua fama, ma più ancora la sua proposta di vita comunitaria e di apostolato, furono tali da uscire ben presto dai confini della Città Eterna, suscitando la costituzione di Oratori sul modello di quello della Vallicella, nel quale il santo viveva e operava. Anche Verona fu investita dal fascino del santo e nel 1713 vide la nascita della prima comunità dell’Oratorio in riva all’Adige. In queste pagine, sulla scorta dell’accurata analisi della documentazione originale, rivive la storia di quel primo nucleo e il profilo biografico delle personalità, dalle più umili alle più luminose, che lo animarono nei primi due secoli di vita, fino agli albori del Novecento.

La cattiveria quotidiana 2059

dei coniugi Biagini “A Pasquì, ma perché ce so’ tanti monsignori che fanno schifezze?” “Perché nun credeno più, Romolé.”

Un romanzo indimenticabile

Immagine
di Giovanni Zenone
Il romanzo della vita di un uomo cui la vita scorre addosso senza che lui se ne dia troppa pena, nemmeno nei momenti di gioia, di dolore o di tragedia. Una scrittura piana, semplice e profonda nello stesso tempo. Un gioiello tenero, malinconico e malinconico. L’interpretazione di Sergio Rubini - per chi ne ascolta l'audiolibro - è magistrale: la sua voce si adatta alla stupita rassegnazione di Stoner. Capolavoro che non dimenticherò. Lettura adatta agli adulti. Stoner, di John Edward Williams

Scarica la locandina del Festival F&C 2019

Immagine
Scarica e diffondi la locandina dell'8° Festival nazionale di Fede & Cultura! Clicca sull'immagine per scaricarla. Partecipa anche tu al grande evento della Fede cattolica che evangelizza nel mondo della cultura!

Per un monachesimo alla portata di tutti

Immagine
L'esperienza dell'amore di Dio nel monachesimo attraverso l'intervista ad un monaco dell'abbazia Grande Chartreuse, situata sulle Alpi francesi (tratta dal film Il Grande Silenzio del 2005). L'uomo di oggi pare aver dimenticato che la realizzazione della propria felicità e della propria esistenza la può trovare solo ed unicamente in Dio. Perché l'uomo moderno ha paura della morte? Il mondo ha perduto il senso di Dio? Il mondo ha paura di fermarsi in silenzio dinanzi alla presenza di Dio? Il Cardinale Robert Sarah facendo riferimento alle fonti dei più grandi maestri della spiritualità cristiana e all'esperienza della santità del suo ministero, nei suoi libri Dio o niente e La forza del silenzio ti nutrirà con le sue parole il cuore, l'anima e lo spirito indicandoti la via da percorrere per trovare le risposte più profonde e vere ai grandi interrogativi che hanno sempre inquietato il cuore dell'uomo. L'Europa troverà la salvezza tornando alle s…

I figli di Nagasaki - NUOVA USCITA!

Immagine
Una toccante testimonianza di un sopravvissuto allo scoppio della bomba atomica su Nagasaki, il dottor Takashi Nagai, battezzato con il nome di Paolo dopo la sua conversione al cristianesimo. Nonostante la perdita della moglie, uccisa dall'esplosione della bomba e la scoperta di avere pochi anni di vita a causa di una leucemia, Nagai non smise di assistere i suoi pazienti. Questo è il suo testamento spirituale indirizzato ai figli Makoto e Kayano perché si sentissero meno soli e potessero avere una guida e un riferimento morale dopo la sua scomparsa. Con un linguaggio colmo di affetto e tenerezza, il dottor Nagai testimonia la sua fede in Dio, mai venuta meno di fronte ai tragici fatti che hanno sopraffatto la sua vita, e trasmette valori come l'umanità, la solidarietà e il rispetto verso il prossimo.

La cattiveria quotidiana 2058

dei coniugi Biagini “A Pasquì, ma perché ce so’ tanti monsignori eretici?” “Perché fanno schifezze, Romolé.”

Sacerdozio e monachesimo - NUOVA USCITA!

Immagine
Nell’attuale sbandamento e disorientamento dottrinale, la spiritualità monastica benedettina è un esempio che può tornare a dare sostanza al ministero sacerdotale, specie nel caso del prete diocesano che vive immerso nel mondo, in un contesto difficile. L’autore di questo libro, in una lettera a un immaginario sacerdote novello, spiega come tornare a vivere l’essenziale con lo sguardo rivolto al cielo e a Dio pur nella complessa quotidianità di questo secolo.

La cattiveria quotidiana 2057

dei coniugi Biagini “A Pasquì, hai sentito che cor novo Sinodo e-e schifezze nun so’ più schifezze?” “Allora quer Sinodo jè tutto na schifezza, Romolé.”