Post

Metropolis, il romanzo all'origine del film

Immagine
  Fede & Cultura ripubblica "Metropolis", un classico della fantascienza distopica che ragiona su conflitto fra classi sociali e crisi della società industriale, aprendosi a tutta una serie di simbologie e tematiche religiose.

Noi, nuova edizione della distopia di Zemjatin

Immagine
Clicca per info Tra i grandi classici della distopia, al livello di   1984   per intendersi, c'è questa opera dell'autore russo  Evgenij Ivanovič Zamjatin,   Noi   (Мы), scritto tra il 1919 e il 1921, e pubblicato per la prima volta nel 1924.  Scritto un paio d'anni dopo la Rivoluzione d'Ottobre è probabilmente la prima opera letteraria importante a criticare il nuovo regime. E fu infatti il primo libro a essere messo al bando dall'ente sovietico preposto alla censura. Dopo alcuni anni difficili a Zemjatin fu concesso di espatriare rifugiandosi a Parigi. Il libro racconta, in chiave ironica, una società in cui efficienza e industrializzazione hanno ridotto gli esseri umani a numeri. Il romanzo viene ora riproposto dalla casa editrice cattolica Fede & Cultura, della quale   abbiamo già segnalato giorni fa la pubblicazione di   Metropolis . Il libro Alla fine del terzo millennio, l'umanità vive in un ordine ideale di assoluta razionalità e privo di conflitti.

NUOVA USCITA! - Noi

Immagine
  Clicca per info Alla fine del terzo millennio, l'umanità vive in un ordine ideale di assoluta razionalità e privo di conflitti. Le persone hanno un codice numerico e non un nome. Chi si oppone viene eliminato. Quest'armonia forzata viene avvertita da tutti come perfezione e bene, anche dal protagonista D-503, un matematico addetto alla fabbricazione di un’astronave che dovrà esportare su altri pianeti questo modello sociale su base. D-503, che racconta la storia sotto forma di diario, si innamora di una donna che però lo sconcerta per la sua ironia, qualità assente nelle altre donne da lui conosciute. Grazie a lei, potrà conoscere il mondo oltre il Muro Verde abitato dai refrattari all'ordine stabilito ridotti allo stadio di selvaggi. Scritto negli anni caldi della rivoluzione bolscevica e prontamente censurato, Noi di Evgenij Zamjatin riflette i sogni del comunismo sovietico (i piani quinquennali, l'ideologia dello sviluppo, il pensiero unico, la priorità dello Stato

Nuova edizione per Metropolis di Thea Von Harbou

Immagine
Clicca per info Nuova edizione, edita da Fede & Cultura, di  Metropolis ,  romanzo di   Thea von Harbou , ispiratore dell'omonimo film di Fritz Lang del 1927 (sceneggiato dalla stessa von Harbou) capolavoro del cinema espressionista tedesco. Una storia che, in entrambe le versioni, precorre le distopie del XX secolo, una cupa riflessione sulla condizione umana in un futuro industriale. La prefazione è di Paolo Nardi.  Sinossi All'origine del capolavoro cinematografico di Fritz Lang del 1927 e alla base di molti capolavori della fantascienza, da   Blade Runner   a   Star Wars ,   Metropolis   di Thea von Harbou è un romanzo futuristico ambientato in una ciclopica città multilivello: i ricchi industriali la governano dai loro grattacieli, mentre gli operai lavorano relegati nel sottosuolo. La trama è il risultato dell'intreccio di tre storie dalla diversa ispirazione: una “romantica” riguardante l'idillio tra il generoso Freder e la dolce Maria, una “sociale” che ha p

NUOVA USCITA! - Metropolis

Immagine
Clicca per info All'origine del capolavoro cinematografico di Fritz Lang del 1927 e alla base di molti capolavori della fantascienza, da Blade Runner a Star Wars, Metropolis di Thea von Harbou è un romanzo futuristico ambientato in una ciclopica città multilivello: i ricchi industriali la governano dai loro grattacieli, mentre gli operai lavorano relegati nel sottosuolo. La trama è il risultato dell'intreccio di tre storie dalla diversa ispirazione: una “romantica” riguardante l'idillio tra il generoso Freder e la dolce Maria, una “sociale” che ha per oggetto la lotta di classe tra industriali e operai, e una “orrorifica” che vede un diabolico scienziato impegnato a dare la vita a un robot che ha le stesse fattezze di Maria e incita gli operai alla rivolta e alla distruzione delle macchine. Sarà Freder, figlio del capo della città, a dover acquisire consapevolezza del suo ruolo messianico di salvezza per l'umanità facendosi mediatore tra capitale.  

Unioni civili: è cambiata la fede cattolica?

Immagine
  Un cattolico può approvare le cosiddette unioni civili o quelle omosessuali? La sua fede e morale cambiano col cambiare della cultura nel tempo? Può il papa cambiare la morale matrimoniale?