La cattiveria quotidiana 1372

dei coniugi Biagini 
“A Pasquì, ma se nun ricordo male, quarcuno ha detto che a-a Chiesa nun teneva più nemici?”, “Sì, Romolé”. “E a che è servito?”, “A falli entrà mejo ‘n casa, Romolé”.

La gnosi nella Chiesa

Clicca qui per info e acquisti
La gnosi è una forma di eresia antica. Contro molte sue forme, in particolare contro le teorie di Marcione che aveva inventato un modello di cristianesimo adattato alla gnosi, avevano combattuto i Padri della Chiesa e i concili dell'antichità
La gnosi non si rassegna ad accettare la realtà, l'ordine, la norma ... ma le vuole sovvertire e riplasmare, falsificando le cose, camuffando la realtà, senza dare nell'occhio.
Come spiega il docente e filosofo cattolico Stefano Fontana nella sua ultima e recente pubblicazione:
Chiesa gnositca e secolarizzazione una sintesi che si rivolge a tutti i fedeli con un linguaggio accessibile. Un libro che aiuta ad aprire gli occhi e a vagliare attentamente i segni dei tempi in cui viviamo!

La cattiveria quotidiana 1371


dei coniugi Biagini 

“A Pasquì, ho sognato n’immagine meravjosa, de bontà e de misericordia, che me guardava con tanta dorcezza”… “E poi?” “E poi è venuto ‘n refolo de vento, a-a maschera è caduta, e dietro c’era a-a faccia de Berzebù.” “Naturale, Romolé, più bella a-a maschera, più orrenda a-a faccia”.

La cattiveria quotidiana 1370

dei coniugi Biagini 
Un popolo imbecille rende felice il regime parassita, la sua insaziabile burocrazia e i burattinai globali che manovrano da New York.

Cristo è la bellezza che vi attrae


Diceva Papa san Giovanni Paolo II nella sua lettera agli artisti del 1999: "Facendosi uomo, infatti, il Figlio di Dio ha introdotto nella storia dell'umanità tutta la ricchezza evangelica della verità e del bene, e con essa ha svelato anche una nuova dimensione della bellezza: il messaggio evangelico ne è colmo fino all'orlo".

La cattiveria quotidiana 1369

dei coniugi Biagini 
Un popolo imbecille che pensa solo alla dieta, al calcio, alle canzonette, all’isola dei famosi, è il popolo ideale da menare per il naso.

La cattiveria quotidiana 1368


dei coniugi Biagini 
L’imbecillità del popolo favorisce a sua volta l’invadenza dello Stato e dei burattinai globali che lo manovrano.

I segreti del Rosario

Clicca qui per info e acquisti
Il beato Alano della Rupe, come dice lo stesso Cartagena, riferisce diverse apparizioni di Nostro Signore e della Santa Vergine a san Domenico per stimolarlo ed infervorarlo sempre più a predicare il santo Rosario per distruggere il peccato e convertire i peccatori e gli eretici. Ad un certo punto il Cartagena scrive: «Il beato Alano dice che la Santa Vergine gli rivelò come suo Figlio Gesù Cristo era apparso a san Domenico e gli aveva detto: "Domenico, io mi compiaccio nel constatare che non ti appoggi sulla tua sapienza, che lavori con umiltà alla salvezza delle anime e non cerchi di piacere agli uomini vani.

La cattiveria quotidiana 1367


dei coniugi Biagini 
L’invadenza dello Stato è il più forte fattore di imbecillimento del popolo.

La cattiveria quotidiana 1366

dei coniugi Biagini 
I lazzi dei guitti di regime sono potenti fattori di imbecillimento del popolo.

L'altra faccia della teoria gender

Clicca qui per info e acquisti
Riportiamo uno stralcio dell'intervista rilasciata dal Dott. Gilberto Gobbi (Psicologo-Psicoterapeuta – Sessuologo Clinico) pubblicato sulla rivista on-line LoSchermo.it, autore del volume Il bambino denudato (in cui spiega che l’ideologia gender esiste per davvero ed è diffusa dalle direttive dell’OMS per un’educazione sessuale nelle scuole).

Dott. Gobbi, Lei ha dichiarato che il gender è un’ideologia che “si è imposta con un nuovo linguaggio, nuove norme, così da invadere anche l’ambito educativo con la proposta/imposizione di nuovi contenuti, imponendosi con un successo impensabile in tutto il mondo, divenendo globalmente normativa, una imposizione dittatoriale”.

La cattiveria quotidiana 1365

dei coniugi Biagini 
I figli delle famiglie numerose dovevano essere svegli, competere, darsi da fare. Il figlio unico viziato e tenuto nella bambagia tende a impigrirsi e a dormire in piedi. La decadenza in quantità fa peggiorare anche la qualità.

La cattiveria quotidiana 1364

dei coniugi Biagini 
Come distinguere un ateo ipocrita da un ateo devoto? Bisogna chiedere a Ciccio Primero; lui di atei se ne intende: frequenta soltanto loro.

Il castello interiore


"Possiamo considerare la nostra anima come un castello fatto di un sol diamante o di un tersissimo cristallo, nel quale vi siano molte mansioni, come molte ve ne sono in cielo"...
Santa Teresa d'Avila, Il Castello interiore (disponibile in formato e-book) 
La vita è come un castello, un castello di nostra proprietà, al cui interno è la camera da letto dove il Signore, padrone del castello e nostro amante, ci attende.

La cattiveria quotidiana 1363

dei coniugi Biagini 
Meglio atei che cristiani ipocriti? Il guaio che ci sono troppi atei ipocriti.