La cattiveria quotidiana 1341

dei coniugi Biagini
“Dimmi, Fulgenzio, cosa sarei se tirassi un calcio a un gradito ospite extracomunitario?” “Uno sporco razzista, Terenzio. “E se il calcio lo appioppasse lui a me?” “Allora è tutta un’altra faccenda, Terenzio, bisogna valutare che lui ha un’altra cultura, che è un povero profugo anche se viene da un paese dove non c’è nessuna guerra, che ha subito il colonialismo anche se quando lui è nato il colonialismo era finito da un pezzo, e che ha la nonna orfana”.

Nessun commento: