Nel ricordo di Mario Palmaro

Clicca per sostenere la sua famiglia
di Fabio Trevisan
Ho conosciuto Mario Palmaro una quindicina di anni fa, quando organizzai sul lago di Garda un convegno dedicato a Giovannino Guareschi. Fece da tramite Alessandro Gnocchi, che in precedenza avevo invitato per un convegno su Gilbert Keith Chesterton. Mario Palmaro e Alessandro Gnocchi costituivano per me un binomio cattolico e culturale indissolubile, non solo per i numerosi e apprezzati libri ma
per quell’affinità spirituale, umana e per quell’impegno culturale a tutto campo, dalla letteratura ai temi legati alla bioetica, dalla vita della Chiesa alla difesa della tradizione, che traspariva a contatto personale.

Ancora adesso, lo confesso, non riesco a pensare a Mario Palmaro senza accostarlo ad Alessandro Gnocchi ed i loro libri erano testimonianza di questa complementarietà, di questa straordinaria e feconda amicizia che li legava. Mario Palmaro e Alessandro Gnocchi sono stati pure da tramite per la mia comprensione di Guareschi e per il collegamento con Chesterton, tanto che avevamo abbozzato insieme un lavoro di confronto e di analisi congiunta sui due grandi scrittori. Di Palmaro ricordo il garbato sorriso, la sua umiltà e profondità intellettuale, il suo amore per la Verità tutta intera, testimoniata in tutti gli aspetti della sua breve ma intensa vita, sia come brillante conferenziere sia come marito e padre di famiglia. Facevamo parte della stessa Confraternita dei Sacri Cuori di Gesù e Maria, con Alessandro Gnocchi, riuniti nell’amicizia e nella fede, con la celebrazione della Santa Messa Vetus Ordo e nello scambio culturale e spirituale reciproco.

Ricordo i pranzi e le cene con Mario Palmaro, con la Confraternita o ai convegni e la sua cortese disponibilità a parlare, mai banalmente, dei problemi ecclesiali, politico, culturali che affliggevano le nostre coscienze. Ho avuto modo di realizzare un video con Mario Palmaro e con tanti altri amici (Alessandro Gnocchi, Paolo Gulisano, Roberto Prisco, Marco Sermarini) dal titolo: “Uomini d’allevamento”( Edizioni Fede & Cultura), un Dvd + libro ispirato al saggio Eugenetica e altri mali di Chesterton. Questo progetto mirava a consolidare un gruppo di cattolici che, attraverso lo studio di Chesterton e Guareschi, sapesse rispondere adeguatamente alle sfide del secolarismo. Ricordo le discussioni attorno a questi temi e la convergenza sostanziale sulle modalità di vivere cristianamente e umanamente il patrimonio della fede. Voglio ringraziare ancora Mario Palmaro e Alessandro Gnocchi per la sottolineatura di questi aspetti che riuscirono a fare attraverso le pagine del Foglio di Giuliano Ferrara.

Ricordo vivamente il premio che Fede & Cultura conferì, con grande merito e onore, a Mario Palmaro pochi mesi prima della sua prematura scomparsa. Eravamo tutti commossi, Giovanni Zenone ed io, nell’abbraccio a Mario e alla sua bella famiglia e ricordo, in quel corpo scavato dalla sofferenza fisica, i suoi occhi che riuscivano a stento a trattenere le lacrime e quella sua umile gratitudine che traspariva dal suo sguardo. A pochi metri l’amico Alessandro Gnocchi, lo rammento vivamente, compartecipava a quel dolore e a quella grande gioia. Caro Mario, non eri tu che dovevi ringraziare per quel premio ma eravamo noi ad essere grati a te per la tua amicizia, per la tua statura intellettuale ed umana. Con Giovanni Zenone ed Alessandro Gnocchi abbiamo pensato, appena dopo la tua morte, di istituire per te e per la tua famiglia, caro Mario, l’Associazione San Giuseppe. Volevamo esserti ancora vicino ed avvicinare a te e alla tua famiglia tanti tuoi sostenitori che avevano apprezzato i tuoi libri, le tue conferenze, la tua straordinaria umanità e la preziosa fede che custodivi e testimoniavi con cura.

Grazie ancora Mario per tutto quello che sei stato e che forse ho anche dimenticato.

Ti chiedo scusa di questo breve e frammentato ricordo personale e spero veramente, con la grazia di Dio, di riabbracciarti un giorno in cielo.

Nessun commento: