Il vero povero è colui che sente il bisogno di Dio


dei coniugi Biagini Il 17 dicembre 2017 la diocesi di Milano ha avviato il processo di beatificazione di Fratel Ettore.
Francesco Rocca, uno dei suoi più intimi amici e collaboratori, ne testimonia e racconta vari frammenti della sua santità e le sfaccettature della sua anima nel libro
Fratel Ettore - Il prediletto di Maria

il religioso camilliano che accudiva poveri, senzatetto e anziani non autosufficienti vivendo con radicalità il Vangelo. Nel 1978 ha fondato la casa Betania delle beatitudini a Seveso, dove oggi è sepolto. Questa casa è la sede principale della sua Opera e da lì partono e tornano tutte le attività. Per tutta la sua vita si è occupato di portare aiuto spirituale e sostegno materiale ai senza tetto della città di Milano. I suoi rifugi, però, erano sempre aperti anche a emarginati sociali. Sul suo rapporto con lap preghiera diceva Fratel Ettore: "Non riesco a dormire più di due ore di seguito così recito il Rosario anche la notte. Per tutti, per le anime consacrate, per le famiglie, per i bambini non nati, per quella spaventosa voragine rappresentata dagli aborti: quale mondo ci aspetta se non rispettiamo i comandamenti?".

Nessun commento: