La pedofilia è causata dall’eresia

Ovviamente qui parliamo di credenti e in particolare di sacerdoti, pensando al conturbante fenomeno che oggi sta sconvolgendo la Chiesa. È evidente infatti che la pedofilia di coloro che non sono cattolici non può esserecausata dall’eresia, in quanto è atto di corruzione della fede cattolica, già possedutaPotrà semmai esser causata da altri errori. Però è altrettanto chiaro che l’eresia è sorgente di vizi morali; il che non impedisce che possa essere pedofilo un prete ligio alla dottrina della fede. È possibile conoscere la verità e non metterla in pratica.

Il nostro problema tuttavia è il seguente: come è possibile che un ministro di Dio, chiamato ad una vita ascetica ed angelica, a rispecchiare la vita stessa di Cristo crocifisso, a trattare di quella Verità divina, che può esser gustata solo da coloro che sono puri di cuore e si fanno guidatre dallo Spirito, e vincendo i desideri della carne, sono pronti a farsi infiammare da quell’Amore casto che brucia ogni passione terrena, a trattare quotidianamente con le cose sante, a fare di tutta la sua vita un’aspirazione a Dio ed un impegno costante nell’opera della purificazione delle anime, nel far loro gustare la dolcezza del pane eucaristico; come è possibilche un uomo chiamato a unvita celeste, cadcosì in basso da lasciarsi invischiare in un vizio cosìturpe e contro natura, legato, oltre a ciò, ad un’abominevole violazione dell’innocenza di fanciulli, che, traditi nelllorfiducia, resteranno traumatizzatiper tuttlvita da una ferita così grave?

Che cosa di tanto potente, ingannevole e seducente ad un tempo ha potuto scuotere le sue convinzioni e lo ha portato a tradire le sue promesse sacerdotali, ha spento in lui l’amore di Dio e delle anime, nonché il rispetto del suo corpo consacrato, per esser stato indotto a sostituirlo col fuoco di una passione impura?

Un sacerdote conscio della sua dignità e della sua altissima missione, tutto assorbito dall’esercizio del suo ministero, in piena comunione con la Chiesa e col suo Vescovo, uso a cacciare le tentazioni del mondo, della carne e di Satana, gioioso per poter far fruttare i doni che Dio gli ha dato, pago di oneste amicizie umane, della sua affettuosa unione con Cristo e della mistica gioia dellacontemplazione, dell’adorazione e della liturgia, un sacerdote di tal fatta può forse pensare ad altro? Può forse trovare il tempo per vizi così abbietti? Può forse giungere a tanto grado di accecamento?

Un edificio dalle solide fondamenta potrà ricevere qualche danno dalle intemperie, potrà aver bisogno ogni tanto di restauri parziali: ma non può crollare così miseramente. Se ciò avviene vuol dire che lfondamenterano marce o erano state costruite malo sdun cattivo terreno. Ciò che può far cadere un sacerdote così in basso non può essere un’offesa a certe modalità o qualità superficiali, contingenti o accidentali del suo sacerdozio, ma dev’essere un insulto che lo distruggdallfondamenta o che dimostra che quel sacerdozio era   fasullo. 

E quale attacco, quale impulso diabolico può essere capace di avere la forzdi distruggere uvalordi fede così importante  come il sacerdozio, se non l’eresiachelo nega o lfalsificaEccoci dunque al punto centraldi questo articolo.

Ecco perchè Papa Francesco, giustamente addoloratperlsituazione, deve colpire il male alle radici. E queste consistono, come ho già detto in altre occasioni, nella falsa concezione del sacerdozio proposta da Karl Rahner, concezione che purtroppo da cinquant’anni ha formato generazioni di sacerdoti. Ma a questa concezione si congiunge in Rahner una dottrina morale lassista, situazionista e libertaria, non fondata sulla legge naturale, che per lui è una chimera. Oggi il marcio viene a galla. 

Il rimedio a questo male, dunque, è riconoscere, daifrutti amari che produce, che da tempo si sono fatti magni passus extra viam. Occorre tornare al verconcetto del sacerdozio insegnatoci dalla Scrittura, dalla Tradizione, dal dogma, dai Concili, da S.Tommaso, dai Santi e dai Papi del postconcilio.

Il Papa, nella surecente accorata Lettera alla Chiesasul problema della pedofilia, suggerisce certo buoni propositi; ma non colpisce il morbo alla radice. Parla del «clericalismo» come causa del fenomeno, in quanto, secondo lui, il sacerdote si sentirebbe un dominatore. Iodirei piuttosto che la vera causa è il secolarismo, piagadallqualsiamo afflitti da cinquant’anni, nella qualeRahner riveste un ruolo di primo piano, piaga più voltdenunciata dai Papi precedenti.  Non stratta dunque del sacerdote che abusdel suo sacerdozio, purconservandonungiusta concezione, mdstolti chnon sanno più cosa è il sacerdozio. Dovrebbero andare a scuola da Don Camillo e ricostruirebbero la loro spina dorsale.

P. Giovanni Cavalcoli

Varazze, 21 agosto 2018

Nessun commento: