Cosa pensa Lorenzo Fontana, ministro Famiglia e disabilità

Clicca qui per info e acquisti
Lorenzo Fontana, classe 1980, è vicesegretario della Lega, europarlamentare, ministro per la famiglia e la disabilità, ed autore di un recentissimo libro – scritto a quattro mani con Ettore Gotti Tedeschi – dal titolo: La culla vuota della civiltà. All’origine della crisi (edizioni Gondolin).
Riportiamo una breve intervista di Francesco Agnoli al ministro per la famiglia Fontana.
Quali sono le tesi sostenute nel testo?
“Più che una tesi è un’evidenza che, ahinoi, tanti analisti disconoscono: la crisi è stata causata dal calo delle nascite che ha generato un terribile effetto domino di calo della domanda compensato da una rincorsa sfrenata a moltiplicare i consumi individuali, abbassando i costi di produzione, e dalle conseguenti delocalizzazioni produttive.

L’incremento dopato dei consumi si traduce in consumismo sfrenato, in erosione dei risparmi, che sono la ‘materia prima’ del credito bancario, quindi del sostegno alle imprese. Parallelamente il calo delle nascite ha prodotto inevitabilmente un aumento incessante dell’età media, quindi dei necessari costi fissi: sanità e pensioni in primis”.
E i numeri?
“Le statistiche parlano chiaro: al ritmo attuale, nel 2050 ci saranno più over 60 che ragazzi sotto i 16 anni, cosa mai avvenuta prima nella storia: gli anziani saranno ben 21,8 milioni, ovvero il 34,3% della popolazione. Tornare a investire sulla famiglia, quindi, non è una questione legata a come la si pensa, ma è una necessità per tornare a crescere, un’urgenza anche economica. Per questo nel libro illustriamo un piano di rilancio che guardi alla famiglia e riprendiamo la proposta del Papa emerito Benedetto XVI di fare proprio della famiglia il 'patrimonio dell’umanità'“.
Tratto da: Francesco Agnoli su Libertà e Persona

Nessun commento: