La cattiveria quotidiana 1592

dei coniugi Biagini
“Dimmi, Fulgenzio, come mai i lacché hanno paura e noi no?” “Perché la nostra coscienza è pulita, Terenzio”. 

Nessun commento: