Gotti Tedeschi intervista la storia. Anteprima su Telelibertà

Ettore Gotti Tedeschi Nicoletta Bracchi, direttore di
Telelibertà e Pietro Visconti, direttore di Libertà
Da San Michele arcangelo al filosofo contemporaneo Oderberg, passando per Aristotele, San Francesco, Maometto, Mussolini e Picasso: oltre 200 interviste immaginarie sono state ideate dall’economista Ettore Gotti Tedeschi e raccolte nel suo ultimo libro: “Colloqui minimi. L’arte maieutica della polemica”. L’illustre piacentino presenterà in anteprima il volume a Telelibertà nell’intervista in onda stasera, giovedì 14 febbraio alle 20.30, di cui anticipiamo alcuni passaggi. “L’idea dei colloqui con i personaggi che mi
intrigavano è nata 30 anni fa per i miei figli e nipoti per riflettere su cosa è verità. Oggi si assiste a uno scontro tra pensiero politicamente corretto e scorretto, il primo è una frode. Io rivolgo domande provocatorie e interpreto le risposte sulla base del pensiero degli intervistati”.
Clicca per info e acquisti
Tra i protagonisti c’è anche papa Ratzinger, a lui niente domande ma un’aperta manifestazione di stima. Inevitabile tornare sulla turbolenta presidenza dello Ior (Istituto opere di religione), “sono stato cacciato e perseguitato – ricorda – ma finché ci sarà in vita papa Ratzinger per rispetto non parlerò”. Da tempo Gotti Tedeschi indica nel crollo della natalità un freno alla crescita dell’economia. L’immigrazione può rappresentare la svolta? “Solo a lungo termine e se prima si risolvono una serie di problemi”. Anche la fede è in crisi ma non a Borgotrebbia, come riferito da Libertà di recente. “Conosco don Cesena, suggerisco a molti sacerdoti di andare da lui per capire cosa è bene fare”. Gotti Tedeschi a Telelibertà parla anche di banche ed economia locale.

Nessun commento: