Don Gino Tedoldi: “Il grande problema non è la pedofilia ma la fede che scarseggia”

Clicca per info
Riportiamo la bella intervista di Bruno Volpe su La Fede Quotidiana a don Gino Tedoldi, nostro Autore di Non siamo conigliConigli alla riscossa. Don Gino, prete di fede e di cultura sconfinate, è sulla stessa linea del Card. Robert Sarah, che nel bellissimo volume Si fa sera e il giorno ormai volge al declino dice: "La crisi che vivono il clero, la Chiesa e il mondo è radicalmente una crisi spirituale, una crisi della fede" (p. 10); riportando poi un brano di Charles Peguy da Etica senza compromessi, lo stesso Cardinale scrive: "I preti non credono a nulla, non credono più a nulla... Tutta la scristianizzazione è stata causata dal clero" (p. 64).

La Fede Quotidiana ha intervistato il coraggioso parroco don Gino Tedoldi, della comunità Santa Maria Setteville a  Guidonia. Per Fede & Cultura ha pubblicato l’ ottimo Conigli alla riscossa, una specie di catechesi in pillole molto agevole e bella.

Don Gino, il titolo..
“Lo ha fatto l’ editore. Ma la parola conigli si riferisce alla situazione dei cattolici di oggi che hanno paura di esporsi e la Chiesa, spiace dirlo, è malata”.

Malata?
“Ci sono  periodi nei quali essa è malata nel corpo ed altri nella testa. Oggi è malata nella testa, regna tanta confusione. La Chiesa è sempre da riformare e questo è il momento della testa. Molti uomini della gerarchia, ed anche preti, sono con poca o senza fede. Manca inoltre un serio spessore
culturale. Però ho fiducia, il Signore non lascia affondare la sua barca, la salva”.

Che cosa sta accadendo?
“Il grande problema non è la pedofilia nel clero, che certamente è una offesa. Ma la fede che scarseggia. Parliamo a getto continuo di migranti, di politica, di ambiente. Insomma, mondanità, e ci dimentichiamo di Dio, il grande assente, della trascendenza,  del sacro e dunque della salvezza delle anime che è il vero scopo della Chiesa”.

Migranti…
“Non se ne può più. Un disco rotto terzomondista. Non è possibile accogliere tutti qui e non esiste un diritto a farsi invadere come sta accadendo, con una  invasione in atto. Anzi, esiste un diritto a difendere i confini lasciando da parte derive buoniste. Non è poi giusto e persino irrispettoso, paragonare i nostri immigrati a questi che arrivano. Loro andavano all’ estero educatamente, a lavorare e con i documenti. Chi arriva qui inoltre, non sempre scappa dalla fame e inoltre da noi spesso finiscono persino con lo stare peggio. Esiste prima di tutto un diritto  a non emigrare e a vivere dignitosamente in Patria. Stiamo favorendo gli scafisti con morti in mare e le multinazionali massoniche, il progetto dell’ avido Soros. Ecco perchè Salvini infastidisce, perchè si oppone a questo progetto massonico ed universalista”.

L’ Islam?
“Incompatibile con i valori occidentali. L’ islam moderato è una bugia, non esiste. Ci ha sempre voluto sottomettere  con la violenza, dialogo impossibile”.

Greta?
“Una gran cretinata. L’ ambiente e la sua difesa è sicuramente importante, ma evitiamo forme di paganesimo e di correre dietro a nuovi vitelli di oro ed idoli. La Chiesa pensi alla salvezza delle anime”.

Commenti

Post popolari in questo blog

Il Granellino di Padre Lorenzo Montecalvo

Grazie Benedetto XVI!!!

La truffa della Comunità di Bose