La cattiveria quotidiana 1933

dei coniugi Biagini
“Dimmi, Fulgenzio, lo sapevi che si può, anzi di deve, bestemmiare, perché al Signore piace?” “E chi è l’autore di questa bestialità?” “E chi vuoi che sia?” “Speriamo solo che abbia lunga vita, perché ne potrebbe venire un altro anche peggio; al peggio non c’è mai limite, Terenzio.”

Commenti