L'ideologia delle 5 stelle è ideologia della morte

Clicca per info
di Domenico di Iasio
Si tratta, a mio avviso, di un libro utile oggi in un mare così tempestoso provocato dalla follia di Casaleggio. Mi chiedo: se un pensiero del genere, pura e semplice ideologia della morte, riesce a far breccia in settori consistenti di società civile, vuol dire che c'è un serio problema nella società italiana in particolare, dove tale ideologia è penetrata in misura maggiore rispetto alle altre zone del pianeta. Da dove cominciare per ricostruire un sistema di pensiero di contrasto che faccia leva sulla vita e non sulla
morte? Non si può che ripartire dalla formazione generale e cioè dalla scuola. La società italiana deve ricomprendere che la scuola è il motore propulsivo di una nuova società. I docenti, i ricercatori, gli studiosi in genere, non possono essere messi alla stregua degli altri impiegati statali. I concorsi devono essere più selettivi e seri, come lo era negli anni sessanta-settanta del secolo scorso. Poi tutto si è interrotto. La formazione si è degradata soprattutto a seguito dell'irruzione delle famiglie nel sistema scolastico e della scarsa considerazione della docenza da parte dei governi che si sono succeduti fino ad oggi. Il nuovo governo rimette al centro delle sue politiche la scuola. Siamo fiduciosi. Tuttavia l'idea che la formazione è il motore propulsivo di una nuova civiltà deve circolare anche in rete e conquistare quelle masse che sono state travolte in buona fede dall'ideologia deleteria del movimento delle 5 stelle.

Domenico di Iasio
filosofo Univ. di Foggia
recensione su Amazon.it

8 commenti:

Anonimo ha detto...

Il movimento 5 stelle rappresenta un opportunita', una splendida opportunita' per cambiare una classe dirigente meschina e corrotta. I giovani votano per la maggior parte questo partito che non e' il primo in italia solo perche' l'Italia e' un paese di vecchi ed infatti gli ultrasessantenni sono quasi la meta' dei votanti. Dispiace leggere queste cose di un partito che fa dell'onesta' e della trasparenza i propri ideali.

Emilio Biagini ha detto...

Riguardo al commentatore precedente:
Fai bene a restare anonimo.

Daniele Volpe ha detto...

Emilio Biagini non so se ti sei risentito in quanto vecchio o in quanto votante i due partiti (pd e forza italia) pieni di pregiudicati ed inquisiti che si apprestano ahime' a riscrivere la costituzione. Io comunque sono Daniele Volpe, contento?
Adesso, se sei in grado, prova a confutare quello che ho scritto.

Daniele Volpe ha detto...

Ciao Emilio Biagini sono l'anonimo di prima mi chiamo Daniele Volpe adesso dimmi cosa non va nel mio scritto precedente

Daniele Volpe ha detto...

Emilio Biagini se non sei in grado di formulare un pensiero facevi bene a non scrivere niente!
Stanno violentando la Costituzione riscrivendola insieme a pluripregiudicati ed il problema e' Grillo che alza i toni. E' come se davanti ad un omicidio il colpevole non e' l'omicida ma chi lo chiama stronzo. Il ribaltamento della realta' ecco cosa si ottiene pubblicando libri come questo.

Emilio Biagini ha detto...

Ciao Daniele Volpe, è evidente che non hai letto il libro di Dal Bosco, quindi è piuttosto difficile discutere.

Emilio Biagini ha detto...

Ciao Volpe,
voglio precisare che la risposta ai tuoi rilievi, che risulta datata 4 agosto, era già stata spedita per ben tre volte parecchi giorni prima, ma non pubblicata per motivi indipendenti dalla mia volontà. E' stata pubblicata solo all'ultimo tentativo, appunto del 4 agosto.
La tua ulteriore insistenza richiede una nuova risposta:
1) che i partiti attuali siano un disastro è ovvio;
2) che il comico urlante da sotto il cespuglio di capelli sia la soluzione o abbia una qualche soluzione è estremamente dubbio, specie considerando le idee (o le non-idee) che vi stanno dietro;
3) leader populisti che le sparavano grosse raccogliendo molti voti di protesta se ne sono visti in passato e sono tutti finiti nel nulla;
4) evidentemente non hai letto il libro di Dal Bosco, visto che continui a smaniare senza portare un solo argomento a confutazione di quanto l'autore ha scritto;
5) conosco personalmente il Dott. Dal Bosco, che è un giovane e brillante saggista controcorrente che ha pubblicato anche altri ottimi libri con l'Editrice Fede & Cultura di Verona, con la quale pubblico anch'io;
6) data l'inconsistenza delle tue argomentazioni, in tutto quanto hai scritto non c'è nulla da confutare;
7) se vuoi dimostrare che le tue argomentazioni non sono inconsistenti non hai che da comprare il libro e provare a confutare quanto, con prove documentate, l'autore afferma, portando a tua volta opportune prove in contrario.
Ciao.

Daniele Volpe ha detto...

Ok hai ragione per scrivere in questo spazio bisogna informarsi su quanto scritto nel libro ed io mi riprometto di leggerlo. La mia veemenza nasce dal fatto che il movimento 5 stelle mi ha ridato la gioia di riandare a votare perche' mi sono sentito parte attiva di un progetto che mi coinvolgeva come cittadino proprio perche' partiva dal basso. Me ne scuso e come ripeto leggero' il libro. Saluti