Controcorrente

Clicca qui per info e acquisti
Che ci faceva il fratello (gesuita) di Nino Bixio nel bel mezzo della Guerra di Secessione? E, per restare in America, quali erano i rapporti tra l’italiana suor Blandina e il famigerato Billy the Kid? Oppure: che cosa aveva sognato esattamente la moglie di Pilato? Rino Cammilleri, uno dei più noti e apprezzati apologeti cattolici italiani, affronta questi temi, e altri, come questi, meno noti ed esplorati, in ogni numero del mensile Il Timone. Fin dal primo numero. Ogni tot puntate, a futura memoria, esce un volume che le raccoglie. E adesso è
uscito il quarto (tutti con editori diversi: i precedenti per Piemme, Sugarco, Gilgamesh), il cui titolo è tratto da una frase contenuta all’interno: Il Vangelo fa parte del paesaggio? Il Kattolico 4. Spunti e riflessioni per riscoprire la meraviglia. Vi si apprende, in dettaglio, come fu che la Francia non partecipò alla coalizione cristiana che sconfisse i turchi a Lepanto. Anzi, la Francia era addirittura alleata del Sultano in chiave anti-imperiale. Non solo, insomma, non aiutò la cristianità ma fece di tutto per, fattivamente, remare contro. E si trattava del «regno cristianissimo». Ogni puntata, come si vede, tratta un tema diverso, ma sempre dal punto di vista «kattolico» (all’autore, ex sessantottino d’anagrafe, è rimasto il vezzo delle «kappa» graffite sui muri dagli estremisti dei suoi tempi). Una puntata è dedicata agli scontri che l’armata polacca in Italia, a fine guerra, ebbe con i partigiani comunisti: a un certo punto il generale polacco Anders si mise a disposizione di Umberto II per regolare i conti una buona volta con i comunisti italiani, e fu la mitezza del «Re di maggio» a impedirlo. Poi c’è lo strano caso di Anneliese Michel, la ragazza tedesca che negli anni Sessanta venne posseduta dai demoni e fu al centro di un clamoroso caso di esorcismo, finito addirittura in tribunale e ripreso da ben due film (il più famoso, L’esorcismo di Emily Rose). Nel libro trovate anche la vera storia di Pasquino e delle sue pasquinate romane, che non erano affatto anti-papali, ma furono senz’altro antinapoleoniche. Ancora: perché l’intera Bibbia, Vangelo compreso, ha una particolare predilezione per i pastori? Poi, come mai la Madonna andò ad abitare ad Efeso? Ad Efeso c’era un’altra vergine-madre, Artemide, il cui simbolo era la falce di luna (quella stessa che, nell’iconografia, l’Immacolata tiene sotto ai piedi). E perché Pilato, che pur voleva liberare Gesù, rinuncia al suo umano proposito quando gli dicono che, se lo libera, «non è amico di Cesare»? Era all’amicizia dell’imperatore Tiberio che teneva o c’era sotto qualcosa di più drammatico? Avete mai sentito parlare di Gudridur Thorbjarnardottir? No? Eppure fu la prima donna (vichinga) a mettere piede in America e, dopo essersi fatta cristiana e aver visitato il Papa, morì in odore di santità. Ecco, questo è solo un assaggio degli spunti che troverete nell’appassionante raccolta di brevi saggi del Kattolico 4.
Tratto da: Luciano Garibaldi su Studi Cattolici p. 809

Nessun commento: