I racconti del piffero di Rino Cammilleri

 

di Fiorenza Cirillo

È tutto così semplice e chiaro, da vertigine.

Quando ci si deve lasciare andare, quando ci si deve affidare, bisogna fare un salto fuori da sé. Un minuscolo e potentissimo salto che ci cambia la vita e le dà significato.

Il leitmotiv dei racconti di Cammilleri è tanto enigmatico quanto limpido, a seconda della prospettiva da cui li si legge. Con sapienza e originalità, l’autore ci fa dare un’occhiata da vicino alle storie degli uomini dei tempi passati, presenti e futuri.

Ogni racconto sembra farsi da sé e ci sorprende con direzioni inaspettate che ci indicano su quale aspetto focalizzare l’attenzione e la nostra intelligenza viene sempre interrogata dallo scorrere degli eventi, dalle azioni e dalle parole dei protagonisti. Ogni storia ci regala qualcosa di utile. Tobia Nicodemi spara al Papa, pur di raggiungere la notorietà; l’investigatore Rocco Caldani si trova a raccogliere i timori di una ragazza lesbica tradita e a suggerirle di accogliere l’amante o di interrogare la Chiesa. Riccardo, uomo pio, vorrebbe che la preghiera fosse solo una semplice domanda fatta con il cuore, ma il suo tic, che lo porta a bestemmiare, non lo aiuta. Silvia è bella come l’acqua del mare, è mobile, imprevedibile, fa innamorare e perdere. G. Gambino è un ragazzo abbandonato che cresce appigliandosi a quel che trova, incompreso dagli altri e da se stesso. Vuole quello che ha imparato a vedere e lo vuole a tutti i costi.

Ogni personaggio vive fino in fondo la sua realtà; a volte soccombe tragicamente, a volte rinasce sorprendentemente, ma sempre a costo di vedere i propri progetti infrangersi sugli imprevisti della vita. È come se la melodia suonata dalle circostanze fosse crudelmente stonata e priva di senso quando la si ascolta secondo i propri parametri e acquisti finalmente compiutezza solo nel momento in cui ci si affida a Dio. Ed è in quel darsi che i nostri talenti possono davvero fiorire.

Pierfrancesco T. non sa stare con gli altri e, frustrato, va su un monte per disturbare Dio con un piffero che non sa suonare e lo interroga: “Perché i talenti che mi hai dato sono assolutamente inutili, quando non negativi?” Dio, sorprendentemente, risponde: “[…] tu scrutati bene, vedrai che anche tu hai dei talenti, anche se non sono quelli che vorresti. Nessuno nasce senza”.

nicolaporro.it

Commenti

Post popolari in questo blog

Il Granellino di Padre Lorenzo Montecalvo

Aborti su commissione per realizzare i vaccini

Il significato della fratellanza universale