La cattiveria quotidiana 117

dei coniugi Biagini
“Reverendissimo Abate, il frate che abbiamo spedito nelle paludi di Talimbàdia è morto di febbri malariche.” “Urrah!”

Nessun commento: