Prepariamoci

di Giovanni Zenone
Il Vaticano appoggia il massone Monti, massone dei massimi livelli e perciò in stato di peccato grave cui è interdetta la santa comunione a norma della dichiarazione della Sacra Congregazione  per la Dottrina della Fede del 26 novembre 1983. È ormai chiara l'infiltrazione massonica e satanica fin dentro lo stato del Papa. Sta per comininciare la grande
battaglia, con la chiamata al martirio. I nostri carnefici saranno i complici clericali dell'anticristo. Compreso il piccolo anticristo - e gran massone - Monti. Come abbiamo visto col caso di don Corsi, i principali boja dei veri cattolici sono e saranno sempre più i fautori del compromesso col mondo, gli ecumenici. Prepariamoci ad andare altrove: in Italia non abbiamo più nemmeno l'appoggio del clero cattolico. È ora di emigrare. Come sia possibile che dal Vaticano venga un appoggio di uno dei supremi capi del massimo nemico storico della Chiesa non è dato a capirsi se non alla luce dell'occulto segreto di Fatima di cui si vocifera. Sarebbe l'apostasia dei massimi livelli della stessa Chiesa. Che è ormai evidentemente in atto.

Per approfondire l'inconciliabilità fra Monti e il proditorio appoggio riscosso da membri traditori interni alla Santa Sede stessa si legga il documento vaticano a questo link. 

4 commenti:

mdeledda ha detto...

Affari sporchi fra IOR e Goldman Sachs?

martina ha detto...

Premetto che Monti non mi è affatto simpatico politicamente parlando (e non solo!), da più parti ho letto che sia massone (mi ha lasciata basita la smentita più che la dichiarazione in merito di P. Gabriele Amorth )ma tale affermazione si può 'documentare' per poterne scrivere senza essere passibili di querela da parte dell'interessato? Scusatemi, ma nel mio blog non sono così coraggiosa come voi!

La Voce di don Camillo ha detto...

Legga l'articolo di Gainfranco Amato all'url http://culturacattolica.it/default.asp?id=17&ricerca=bilderberg&id_n=28990 e troverà la conferma. Due giorni dopo questo "scoop" di Amato lo stesso Monti si dimetteva da Presidente del Bilderberg. Ma dimettersi da una carica non significa perdere i diritti/doveri del sodalizio segreto, perdere le amicizia, le collusioni, i traffici.

Anonimo ha detto...

Dopo quanto accaduto venerdì sera nella chiesa di San Terenzo, dove si è levato l'urlo della bestia durante la Santa Comunione, attendiamo la ferma condanna da parte di qualche prelato. Io c'ero, e come me molti hanno cominciato a tremare, non per la paura, bensì per l'offesa arrecata a nostro Signore; quando però il canto dei fedeli si è levato al cielo sempre più forte fino a coprire le farneticazione degli invasati, ecco, in quel momento tutti noi fedeli abbiamo sentito forza, coraggio e consolazione. Forza, coraggio e consolazione anche a lei, caro don Piero: lo sappiamo che dà fastidio perché insegna la sana dottrina cattolica.