Tatuaggi? No grazie!

di Giovanni Zenone
Ormai non essere tatuato è un segno di trasgressione della moda dominante. Delfini azzurri che nel giro di pochi mesi diventano balene sformate e verdastre, sgorbi scuri che rendono orridi i corpi, immagini di bruttezza e malvagità su giovani pelli... Ma la domanda che ci possiamo fare è: è lecito per un cristiano farsi tatuare? La risposta è semplice e breve: no. Il libro del Levitico così recita: "Non vi farete incisioni sul corpo per un defunto, né vi farete segni di tatuaggio. Io sono il
Signore" (Lv 19,28). La proibizione dei tatuaggi e dei piercing (le incisioni di cui parla la Bibbia) non è decaduta né per gli Ebrei né per i Cristiani. San Paolo dice: "Non sapete che il vostro corpo è tempio dello Spirito Santo che è in voi e che avete da Dio, e che non appartenete a voi stessi? Infatti siete stati comprati a caro prezzo. Glorificate dunque Dio nel vostro corpo!" (1Cor 6,19-20). Il nostro corpo appartiene a Dio ed è fatto per essere il Tempio dello Spirito Santo, luogo dell'amore, non per essere marchiato con segni se non diabolici - come era ed è per i popoli primitivi - quanto meno assurdi, brutti, insensati, anche se fossero segni formalmente cristiani che Dio non ha mai prescritto fossero incisi sui corpi ma solo nel profondo del nostro cuore. I tatuaggi sono pericolosi non solo per la salute fisica, ma anche per quella spirituale, perché sono marchi di appartenenza. Quante volte si vedono simboli strani, teschi, immagini pornografiche, frasi o parole incomprensibili... Sappiamo che purtroppo in questo campo il satanismo o forme di deviazioni dannose dalla santità ha uno spazio di azione libero. Come ha un'efficacia portare la medaglietta miracolosa di rue Du Bac o il crocifisso al collo, non come un amuleto ma come segno e simbolo efficace della fede, così questi simboli di morte e del male  volutamente incisi in modo indelebile sul corpo hanno una  loro efficacia maligna. Noi portiamo l'immagine di Dio in noi stessi, e ad essa dobbiamo conformarci sempre di più. Il tatuaggio è segno di una cultura altra, altra dalla nostra e altra dalla civiltà giudeo-cristiana. Dal punto di vista psicologico sono poi forme di autolesionismo che andrebbero prevenute o curate. Per i genitori l'esortazione è quindi di mantenere una ferma proibizione di tutte queste cose. 

Commenti

Post popolari in questo blog

Il Granellino di Padre Lorenzo Montecalvo

Grazie Benedetto XVI!!!

Crociata di preghiera per il Papa e la Chiesa