Contro Budda: anticipazione de Il Foglio

Non tutto il male viene per nuocere, perfino la ripugnante pubblicità Benetton può servire a qualcosa. A fare chiarezza sul buddismo, ad esempio. La maldestra operazione Bacio-in-bocca, che lanciando liquame sul Papa ha finito, per l’improvviso mutare del vento, col farlo ricadere su maglioni che già avevano i loro problemi, secondo il comunicato dell’azienda origina da una frase del Sutta Pitaka, testo religioso buddista (Alessandro Benetton è uno dei tanti ricchi a cui piace rivestire il proprio desolante nichilismo occidentale con gli affascinanti panneggi del nichilismo orientale). Per saperne di più qualcuno sarebbe andato a guardare Wikipedia, io invece dispongo di un buddologo personale e mi sono rivolto a lui. Roberto Dal Bosco, che l’anno prossimo pubblicherà con Fede & Cultura un interessantissimo libro sulle
buddocrazie omicide, mi informa che il Sutta Pitaka è il testo ispiratore del buddismo Theravada, il buddismo dello Sri Lanka: l’isola in cui la ferocissima guerra civile fra singalesi buddisti e tamil induisti è stata aizzata dai monaci aranciovestiti. Mentre riempivano di cadaveri tamil le fosse comuni, i serafici seguaci del Budda cantavano un motivetto: “Il sangha è sempre pronto / al fronte / se la razza è minacciata”. Il sangha sarebbe la comunità buddista, l’insieme dei monaci che studiano appunto il Sutta Pitaka. Un’altra canzone di successo, sempre di ambito monastico, fa così: “Nazione, religione, razza sono la mia tripla gemma”. Più che United Colors sembra il “Mein Kampf” ma Alessandro Benetton che ne sa: lui conosce il buddismo più o meno come conosce l’arte di produrre bei maglioni.

Commenti

αθεόί ha detto…
chissà che non ci sia un santo sepolcro anche in Sri Lanka...

Post popolari in questo blog

Il Granellino di Padre Lorenzo Montecalvo

Grazie Benedetto XVI!!!

Crociata di preghiera per il Papa e la Chiesa