La cattiveria quotidiana 548

dei coniugi Biagini
“A Pasquì, ma che vor dì ‘relativismo’?” “Vor dì che tutto è relativo, Romolé.” “Ma come se fa a sapé che dire ‘tutto è relativo’ nun è relativo?” “Infatti nun se sa.” “Ma allora è com’er serpente che se morde la coda, Pasquì.” “Come tutti l’arzigogoli de li grandi filosofi, Romolé. Vié, namose a fa’ mezzo litro.”

Nessun commento: