La legge Cirinná? All'inferno chi la vuole

Non illudetevi, fratelli miei; coloro che corrompono le famiglie non erediteranno il regno di Dio (cfr. 1 Cor 6, 9-10). Se coloro che così fecero secondo la carne furono puniti con la morte, quanto più non dovrà essere punito colui che con perversa dottrina corrompe la
fede divina, per la quale Gesù Cristo è stato crocifisso? Un uomo macchiatosi di un tale delitto andrà nel fuoco inestinguibile, e così pure chi lo ascolta.

Dalla «Lettera agli Efesini» di sant'Ignazio di Antiochia, vescovo e martire

(Capp. 13 - 18, 1; Funk 1, 183-187)

Nessun commento: