Assassinio della Cattedrale

Venerdì 11 novembre a Reggio Emilia è stato presentato il volume della nostra Biblioteca Rosmini "Assassinio della Cattedrale" dell'Arch. Stefano Maccarini Foscolo. Era presente l'Autore, il giornalista Andrea Zambrano e il nostro Direttore Prof. Giovanni Zenone Ph.D. La bellissima sala del Capitano finemente affrescata dell'Hotel Posta era stracolma di persone. Il prof. Zenone ha messo in evidenza come la crescente protestantizzazione della Chiesa Cattolica ha portato al paradosso che si scarti a priori il Magistero del Papa in favore delle mode umorali di teologi, vescovi o preti in odor di eresia e che hanno fatto del loro pulpito il megafono del dissenso contro il Papa, il "dolce Cristo in terra", come lo chiamava Santa Caterina da Siena. Persone ecclesiastiche che preferiscono la Costituzione italiana alla nostra vera
Costituzione Cristiana, i Dieci Comandamenti. Il prof. Zenone ha ricordato che confutare questi abusi è non solo un diritto dei cattolici fedeli alla Chiesa e perciò stesso al Papa, ma un dovere morale. Pur nella coscienza che - al contrario rispetto ad una volta - si verrà perseguitati per questo amore e integrale fedeltà al Papa e alla Chiesa. E i persecutori più feroci non sono tanto i nemici esterni, ma quegli stessi "sommi sacerdoti", "farisei" e "dottori della legge" (Vescovi, preti, cattolici adulti e teologi) che oggi non bruciano più come una volta gli eretici, ma i cattolici ortodossi, e lo fanno con l'emarginazione, la destituzione dall'insegnamento, la riduzione dello stipendio...
Ma la certezza che il nostro destino è la vita eterna, e che ce la giochiamo qui ed ora, col rischio di finire all'inferno (negletto ormai nell'insegnamento di tanti farisei alla moda ecclesiastica) spinge i veri fedeli alla battaglia per la Verità.
L'Autore del volume Stefano Maccarini Foscolo ha messo in evidenza i disastri architettonici, ma che hanno ragioni di matrice protestantica, che hanno portato al cosiddetto "adeguamento" della Cattedrale di Reggio Emilia, trasformata da Chiesa in "aula polivalente" in stile luterano.
Il dibattito che da giorni divampa su questa questione così calda ha portato i giornalisti seguaci del sessantottardo "La fantasia al potere" a diffamare tutti i convenuti semplicisticamente definiti tradizionalisti o lefebvriani, accusa rivolta con particolare livore (e falsità) al nostro Direttore Prof. Giovanni Zenone. Come se, per un cattolico, essere tradizionalista fosse una colpa e non invece un merito! Come ha sempre insegnato la Chiesa e come ha ribadito - incredibile dictu - lo stesso Concilio Vaticano II.

Alleghiamo alcuni articoli sulla querelle, compresi della parte avversa e quelli offensivi nei nostri confronti.

Nessun commento: