Risorgimento anticattolico

In apertura delle celebrazioni per i 150 anni dell’Unità d’Italia, il presidente Napolitano ha detto “basta alle volgarità sulla Storia del Risorgimento”. Detta da un non cattolico, l’accusa ha una sua ragion d’essere. Peccato che da una prospettiva cattolica il processo storico di unificazione dal 1848 al '61 si svolse in una vera e propria guerra di religione anticattolica condotta nel Parlamento di Torino dai liberali e dai massoni. Benché sui testi di storia scolastici (scritti dai vincitori) non se ne trovi traccia, va ricordato che i liberali abolirono tutti gli ordini religiosi della Chiesa di Stato, spogliarono di ogni avere le 57.492 persone che li componevano, soppressero le 24.166 opere pie, lasciarono più di 100 diocesi senza vescovo, imposero al clero l'obbligo di cantare il Te Deum per l'ordine morale raggiunto, vietarono la pubblicazione delle encicliche pontificie, pretesero fossero loro somministrati i sacramenti nonostante la scomunica, e, come se nulla fosse, si proclamarono cattolici. E allora, diciamola una volta per tutte: Il Risorgimento fu il più grande e spietato attacco al cattolicesimo e alla società cristiana mai avvenuto nel corso della storia italiana. I fatti che non si vogliono ricordare di una vicenda tutta da riscrivere. Altro che volgarità!
Gianni Toffali

Caro Gianni Toffali,
Lei ha ragione da vendere. Per fortuna dopo oltre sessantanni di monopolio della cultura da parte della sinistra si può cominciare a scoprire la verità grazie a pubblicazioni che, pur essendo semiclandestine, si diffondono di mano in mano, come il testo della coraggiosa Angela Pellicciari "Risorgimento ed Europa" che consiglio a tutti per far chiarezza su quello scempio che fu il risorgimento. Come al solito i nemici di Cristo e della Chiesa - e perciò dell'umanità - usano una parola per dire l'esatto contrario, l'inverso. Risorgimento per dire la demolizione dell'Italia cattolica, cioè l'unica che c'era. L'unico Risorgimento possibile è tornare a Cristo, alla Sua regalità riconosciuta da tutti senza mezze misure e in tutti i campi.

Prof. Giovanni Zenone Ph.D.

Direttore
Fede & Cultura

12 commenti:

Anonimo ha detto...

Ah, che bei tempi!
Fa bene a ricordarceli, proprio ora che qualche genio vorrebbe mettere in crisi e tornare ad un nuovo oscurantismo.

Anonimo ha detto...

E per fortuna che cè stato il risorgimento !!!

Micio

gianni toffali ha detto...

MICIO...sei fortunato che il buon vecchio don Camillo se ne sia andato in pensione, altrimenti sai che tirata d'orecchi ti avrebbe fatto per aver parlato bene dell'obbrobbioso risorgimento massonico?

Anonimo ha detto...

Io credo che bisognerebbe riconoscere il valore dell'Impero Romano e finalmente recuperare il valore attuale dell'epoca dei cesari.

αθεόί ha detto...

tornando ai vecchi discorsi di quando c'era il prete

perchè se volete tanto ridare la terra ai legittimi proprietari volete fermarvi ai papi nell'indietreggiare nel tempo e non volete continuare fino ai romani, agli etruschi etc etc (non parlo di ominidi anteriori all'homo sapiens dato che a quanto ho capito qui vige il creazionismo)?

Anonimo ha detto...

Io credo che bisognerebbe riscoprire le eroiche gesta degli uomini dell'età del bronzo .

Quando l'omo era omo e la donna donna .
Di questi tempi invece , donne con i pantaloni e uomini con la gonna ... Mah !


Micio

gianni toffali ha detto...

caro ateo, un po di rispetto per i tuoi antenati! non puoi chiamarli ominidi!!! se vai avanti cosi...farai rigirare nella tomba tuo nonna cita e tuo nonno orangotango!!!

Benedetto Genuflesso Pregadio Contrito ha detto...

Adesso ho capito il significato di questo articolo: la terra agli animali, i diritti degli abitanti del pianeta sono uguali, il resto sono sovrastrutture. Fantastico.
Bravissimi, segnalerò ai siti ecologisti il vostro intervento storicistico-evoluzionista come segno che ci sono anche dei siti cattolici ragionevoli.
Continuate così, e come dice l'amico Giannino, forza cita, vai orango, dei vostri diritti ci occupiamo noi, vostri discendenti!

αθεόί ha detto...

toffali sempre il solito forbito umorismo e la solita innata capacità di svicolare... rispondi

p.s. siete voi quelli col culto dei morti, io me ne fotto abbastanza...

gianni toffali ha detto...

Perchè fermarsi ai papi cattolici? semplice, nella cattolicità sta la Verità! nelle altre istituzioni, culture, e chicchessia, menzogne, bugie e fanfaluche per fessi creduloni.

Anonimo ha detto...

Questa è comicità pura! Bravissimi!

Anonimo ha detto...

meno male che nella chiesa qualcuno si ricorda che il risorgimento non è stato fatto per unire l'italia, ma per eliminare la chiesa!