La Chiesa va amata "nonostante tutto"

Clicca qui per info e acquisti
"Non  è facile - oggi - aiutare la Chiesa. Vorrei premettere che non è mai stato facile aiutare la Chiesa, anzi è difficilino riuscire a farlo, come supporremo di saper fare. Ma attualmente è difficile perché il problema sembra essere più interno, piuttosto che esterno. Più facile è servire la Chiesa come lo fa un sacrestano, che so, raccogliendo elemosine, suonando le campane, ma non si provi mai a dare un suggerimento non richiesto a un prete. Rafforzare la Chiesa oggi significa praticamente solo pregare,
pregare e pregare per lei. Non è poco, ma non è quello che probabilmente ci si aspetta da parte di laici di fede che, fatemelo dire, possono amare la Chiesa più di tanti prelati. [...] La Chiesa va amata 'nonostante tutto'. Perché noi non possiamo fare a meno della Chiesa. Il grande pensatore cattolico Romano Guardini ha spiegato perché dobbiamo amarla a prescindere dai suoi membri, essa è di Cristo. Pertanto, aiutare la Chiesa significa fare di tutto per aiutare i sacerdoti. Chi aiuta in tal senso la Chiesa sono i santi, o coloro che lottano per diventarlo, pregando, adorando, riparando, testimoniando, evangelizzando".
(Ettore Gotti Tedeschi, Dio è meritocratico, p. 312-313)

Nessun commento: