Ricevere

di Benedetto XVI
Il senso, ossia il terreno su cui la nostra esistenza nella sua interezza può stare salda e vivere, non può essere fatto, ma solo ricevuto.
(Al cuore della fede, 2013)

La cattiveria quotidiana 934

dei coniugi Biagini
Il Vangelo riveduto e scorretto dall’apposita commissione di gauchos della pampa per la misericordia universale: “Voce di uno che pigola nel deserto:
Razza di serpentelli! Chi vi ha suggerito di sottrarvi alla ramanzina imminente?”

L'eresia nel cuore della Chiesa. Lezione 3

Terza lezione del Prof. Giovanni Zenone Ph.D. su La nuova Chiesa di Karl Rahner di Stefano Fontana. Puoi ordinare il libro alla pagina http://shop.fedecultura.com/La-nuova-Chiesa-di-Karl-Rahner-p81906827

Parola, senso, amore

di Benedetto XVI
La persona, in effetti, non vive del solo pane del fattibile, ma vive anche da essere umano e, proprio in ciò che è specifico della sua umanità, vive di parola, di amore, di senso, della realtà. Il senso è il pane di cui l'uomo vive nel più profondo del suo essere uomo. Senza la parola, senza il senso, senza l'amore, egli perviene alla condizione di non-poter-più-vivere, quand'anche fosse circondato all'eccesso da tutti i confort terreni.
(Al cuore della fede, 2013)

La cattiveria quotidiana 933

dei coniugi Biagini
La Bibbia riveduta e scorretta dall’apposita commissione di gauchos della pampa per la misericordia universale: “Il Signore fece piovere dal cielo sopra Sodoma e Gomorra dolcetti e confetti.”

L'eresia nel cuore della Chiesa. Lezione 2


Seconda lezione del Prof. Giovanni Zenone Ph.D. su La nuova Chiesa di Karl Rahner di Stefano Fontana. Puoi ordinare il libro alla pagina http://shop.fedecultura.com/La-nuova-Chiesa-di-Karl-Rahner-p81906827

Dar senso

di Benedetto XVI
La fede è la forma, non riducibile a scienza e incommensurabile ai suoi parametri, con cui l'uomo coglie in modo stabile il tutto della realtà, è il suo dar senso senza il quale la totalità dell'uomo rimarrebbe utopia, senso che precede il calcolo e l'azione dell'uomo, senza il quale egli in definitiva non potrebbe né calcolare né agire.  
(Al cuore della fede, 2013)

La cattiveria quotidiana 932

dei coniugi Biagini
La Bibbia riveduta e scorretta dall’apposita commissione di gauchos della pampa per la misericordia universale: “Così fu innaffiato ogni essere che era sulla terra: con gli uomini, gli animali domestici, i rettili e gli uccelli del cielo; essi furono bagnati e si beccarono l’influenza e rimase solo Noè che si era vaccinato.”

La cattiveria quotidiana 931

dei coniugi Biagini
La Bibbia riveduta e scorretta dall’apposita commissione di gauchos della pampa per la misericordia universale: “Pressappoco maschio e femmina Dio li creò.”

La cattiveria quotidiana 930

dei coniugi Biagini
Flash di agenzia. I perfidi Biagini augurano un lungo pontificato a papa Bergoglio. Altrimenti perderebbero un’eccellente fonte di ispirazione.

L'eresia nel cuore della Chiesa. Lezione 1

Prima lezione del Prof. Giovanni Zenone Ph.D. su La nuova Chiesa di Karl Rahner di Stefano Fontana. Puoi ordinare il libro alla pagina http://shop.fedecultura.com/La-nuova-Chiesa-di-Karl-Rahner-p81906827

Lutero era più cattolico di certi preti d'oggi

di Padre Giovanni Cavalcoli
C’è più contrasto fra Rahner e San Tommaso d’Aquino che non tra Lutero e San Tommaso d’Aquino. Per Lutero Dio è creatore, per Teilhard de Chardin Dio è organizzatore della materia. Per Lutero l’ateo è nell’errore, invece per Rahner l’ateo è un credente inconsapevole. Per Lutero Dio è onnipotente, per David Maria Turoldo è debole. Per Lutero Dio è un Tu davanti all’Io, per Marco Vannini l’Io è il «soggetto assoluto». Lutero ammetteva l’immutabilità del dogma, Walter Kasper la nega. Lutero condannava l’ateismo, il Cardinale Carlo Maria Martini diceva che nella coscienza del credente c’è sempre un ateo. Per Lutero la fede è

In qualche modo

di Benedetto XVI
Esiste una zona che non permette altra risposta fuorché quella di una fede, sicché nessuna persona può sottrarvisi completamente. Ogni essere umano deve in qualche modo credere.
(Al cuore della fede, 2013)