La cattiveria quotidiana 635

dei coniugi Biagini
“A Pasquì, ma se n’ordine de frati nun fa gnente de male, come fanno a perseguitallo?” “Semplicissimo, Romolé. L’ha insegnato Voltaire: ‘Calunniate, calunniate, quarche cosa resterà’.”

Tradurre Malachi Martin

Qualcuno è disposto a tradurre gratuitamente in italiano i libri di padre Malachi Martin, gesuita americano morto nel 1999 in vista della loro pubblicazione in Italia? Scrivere a giovanni.zenone chiocciola fedecultura.com

Breviarium Romanum (tradizionale)

clicca per acquisti
Per la prima volta dal 1962 la nuova edizione del Breviarium Romanum, il tradizionale Libro d'Ore della Chiesa Cattolica in latino. Pubblicato per la prima volta nel 1962 in obbedienza al Motu Proprio Rubricarum Instructum nel luglio 1960 del Papa Giovanni XXIII. Imprimatur di S.E. Mons. Gregor Maria Hanke OSB. La nuova edizione utilizza la classica traduzione latina dei Salmi della Vulgata.
Edizione pregiata di altissima qualità editoriale con taglio oro, immagini tradizionali, carta india.
"Chi prega in latino prega due volte" (Zenone da Verona)

La cattiveria quotidiana 634

dei coniugi Biagini
“A Pasquì, ma come se fa a capì se n’ordine de frati è bono?” “Se vede subito, Romolé: quelli boni so’ perseguitati da l’antri.”

La cattiveria quotidiana 633

dei coniugi Biagini
“Ecco una nuova grandiosa età per la teologia! Un’età paragonabile all’epoca di san Gerolamo e sant’Atanasio! La nostra felice epoca è stata illuminata da Karl Ranocchio e Hans Fungo, i nuovi luminari ispirati dal Cielo!” “Si calmi, AAPP. Adesso viene l’infermiera per l’iniezione di bromuro.”

La cattiveria quotidiana 632

dei coniugi Biagini
“Oh qual meraviglia! La pace regnerà sulla terra, purché sappiamo perdonare per essere perdonati! La pace bene supremo, la pace a tutti i costi! Basta crociate! Basta steccati e divisioni! Siamo tutti fratelli!” “Si calmi, AAPP. Guardi che bella camicia di forza nuova le abbiamo messo.”

La cattiveria quotidiana 631

dei coniugi Biagini
“Finalmente la pastorale della comprensione misericordiosa che distingue l’errore dall’errante! L’errante dev’essere la nostra prima cura, perché così andiamo errando insieme e fraternamente nell’errore troveremo la verità!” “Si calmi, AAPP. Ora arriva il medico e le dirà cosa deve fare.”

Come sopravvivere ad un papa disastroso e rimanere cattolici

Ripresentiamo a distanza di un anno e mezzo questo articolo che ogni giorno e ogni ora dimostra sempre di più la sua drammatica attualità. Le ormai insanabili e gravissime perplessità di fronte a esternazioni improvvisate ma - soprattutto - a documenti che sono formalmente magisteriali di Papa Francesco spaccano la coscienza del buon cattolico che è costituzionalmente papista, ma è anche costituzionalmente ragionevole e razionale e non può né deve mai andare contro ragione e contro coscienza. Queste lacerazioni dolorose della coscienza e della ragione devono trovare una medicina e noi la troviamo, su di un piano razionale, in questo scritto chiaro ed equilibrato.

di Francisco José Soler Gil
Clicca per leggere
Può un cattolico pensare che un papa sia disastroso? Certo che sì. Può un buon cattolico credere che dietro la scelta del papa ci sia lo Spirito Santo? Evidentemente no.

Sarebbe sufficiente ricordare la risposta, al riguardo, che l’allora cardinale Ratzinger diede al suo intervistatore, il prof. August Everding, in una famosa intervista del 1997. Il prof. Everding chiese all’allora “custode della fede” se fosse veramente lo Spirito Santo il responsabile diretto dell’elezione del papa.

La risposta di Ratzinger fu, come sempre, semplice ed illuminante:

«Non direi così, nel senso che sia lo Spirito Santo a sceglierlo. Direi che lo Spirito Santo non prende esattamente il controllo della questione, ma piuttosto da quel buon

La cattiveria quotidiana 630

dei coniugi Biagini
“Ecco l’età dell’oro! Non ascoltate i profeti di sventure! La Chiesa non ha più nemici! Occorre la medicina della misericordia, non l’arma della severità!” “Si calmi, AAPP. Il medico ha detto che agitarsi le fa male. C’è l’ambulanza qui fuori e adesso la portiamo in un bel posto dove potrà riposare le stanche meningi.”

La cattiveria quotidiana 629

dei coniugi Biagini
“O Virgilio, che son l’anime triste che torno torno corron miserandi in sabbione rovente sanza tregua?” “O Dante, qui tu vedi i polemisti che sempre litigavan su ogni punto ed in partiti dividean lo Corpo.”