Il multiculturalismo

Clicca qui per info e acquisti
"Quale è il gioco in questione? Quello degli apprendisti stregoni dell'Unione Europea. A Bruxelles hanno deciso di riprogrammare la storia e la natura dell'Europa. Di cristianesimo non si vuole più sentir parlare. Per giocare a questa partita, per rifare gli europei a immagine, di un diciamo così, 'ideale' anticristiano, ci si serve di tutto. Perché, si sa, se si vuole che i progetti riescano bisogna essere precisi, metodici. E prepararsi, anche, a fare a tappeto un'opera di persuasione occulta. Non è bastato
negare l'evidenza. Non è bastato fare quadrato intorno all'ammissione di un fatto. Non è bastato annullare l'anima cristiana dell'Europa nei trattati. Quando si è trattato di scrivere una costituzione europea, come matrice unificante del continente sono stati in un primo momento evocati i 'Lumi' (programmaticamente anticristiani), poi ci si è spinti fino ad accennare a una generica dimensione religiosa evitando accuratamente di scrivere e pronunciare la parola da bandire: cristianesimo. Con la stessa logica, passando alla programmazione dei dettagli, è stata promossa una massiccia diffusione di meravigliose agende multiculturali. E siccome la Commissione europea fa sempre le cose in grande, sono state stampate e distribuite 3 milioni di copie in 21.000 scuole in tutti i Paesi dell'Unione. Il costo? Una bazzeccola: 5 milioni di euro. Queste agende svelano il vero volto, la missione profonda, del cosiddetto multiculturalismo: farla finita col cristianesimo. Ai ragazzi delle 21.000 scuole vengono segnalate tutte ma proprio tutte le festività religiose delle varie religioni. Tutte meno quelle cristiane: di Pasqua e di Natale neanche l'ombra. Normalmente queste operazioni di immagine filano lisce. Questa volta però qualcuno se ne è accorto. Sono stati, guarda caso, i vescovi inglesi. Quegli eurofobi degli inglesi. Hanno protestato e a quel punto è esplosa, come ovvio, la questione. Questo sarebbe il multiculturalismo? La Commissione risponde prontamente: è stato un errore. Da questo errore si può trarre un'utile lezione: la sinistra di matrice gnostica, italiana come europea, ricorre a ogni mezzo pur di eliminare il cristianesimo".

Nessun commento: