Terrore rosso in Vaticano

di Don Elia
Il terrore è palpabile negli uffici della Curia Romana. Cellulari e caselle di posta elettronica dei suoi funzionari sono tenuti sotto controllo. I membri di interi dicasteri sono stati rinnovati in senso progressista, i loro titolari – se rimasti al loro posto – completamente esautorati. I vescovi del mondo vivono con l’incubo di una rimozione infamante per “negligenza” nel trattamento dei casi di abusi. I professori delle facoltà teologiche vengono sorvegliati e le loro lezioni passate al vaglio per verificare che siano in linea con il “nuovo corso”. Chierici e religiosi sono segnalati ai superiori, se parlano anche solo un po’ troppo del Papa; chi lo attacca pubblicamente (cosa che sotto Giovanni Paolo II e Benedetto XVI era all’ordine del giorno) è prontamente fatto a pezzi. Dal colle vaticano, dove regna un clima di sospetto e
paura, alle estreme “periferie” della Chiesa Cattolica, dove può sparire chi non è omologato, ci si sente prigionieri di un vero e proprio regime totalitario. Non c’è che dire: è proprio la “chiesa della misericordia”…

Il Vaticano assomiglia sempre più a uno Stato occupato da una potenza avversa, l’inimica vis di Leone XIII. Questo potere estraneo, abusivo e menzognero è riuscito a impiantare nel cuore della cattolicità una sorta di Stato di polizia in cui non è ammesso il benché minimo dissenso. Un regime fondato sulla falsità, d’altronde, non può mantenersi se non spegnendo tutte le voci della verità: anche una sola può metterlo in crisi mostrando semplicemente l’assurdità e l’inconsistenza delle sue ragioni, che invece la massa, stordita da un’immensa macchina propagandistica, inghiotte come la cosa più naturale al mondo. Chi non può essere messo a tacere viene denigrato, diffamato, insultato con un astio impressionante, magari per mezzo di terzi (giornalisti e commedianti); chi continua a parlare nonostante le sanzioni è svergognato dall’apparato mediatico, anche con mezzi illeciti: la liceità degli atti è funzionale al potere e al suo mantenimento.

Il capo del partito non ha bisogno di esporsi più di tanto: usa i suoi tirapiedi per colpire oppositori e persone sgradite, a meno che la propaganda non li abbia resi così odiosi al pubblico da far apparire la purga come un giusto e doveroso intervento, il quale non fa altro che accrescere la sua popolarità indiscussa. I veri corrotti – sodomiti, faccendieri e maneggioni – restano “inspiegabilmente” ai loro posti (come il pervertito notorio scelto come prelato dello IOR), mentre il cardinal Pell, incaricato di rimettere ordine nelle finanze vaticane, è stato completamente screditato con scandali di pedofilia risalenti a trent’anni prima in cui non era affatto implicato. Chi invece ha realmente coperto abusi su minori è protetto dal capo o diventa addirittura vescovo, come avvenuto a Osorno, in Cile, nonostante le violente proteste di piazza. Chi poi ha esaltato senza ritegno un intimo amico defunto, pederasta incallito e promotore per decenni di aborto, droga, sodomia, eutanasia e quant’altro, sta e rimane alla testa di una Pontificia Accademia per la Vita ridefinita negli scopi e ricostituita con un ricambio totale. Sarà un caso che si sia fatto ritrarre nella sua ex-cattedrale in un affresco a tinte palesemente omoerotiche?

Strani criteri per una riforma… Ma in ogni regime che si rispetti è proibito sollevare questioni e finanche pensare. Se quanto dicono e fanno in alto ti sembra strano, sei o pazzo o reazionario: in una parola, non hai speranza. Se non ti eliminano fisicamente, ti annichiliscono moralmente: è come se non fossi mai esistito. Uno che l’ha sperimentato di persona ha paragonato l’odierno clima ecclesiale a quello della vecchia Unione Sovietica. Figlio di deportati in campo di lavoro, monsignor Schneider sa bene di che parla. Alla base, evidentemente, ci sono le stesse idee perverse miranti a dissolvere l’ordine stabilito da Dio, non solo nella società, ma anche nella Chiesa, al fine di assoggettare l’umanità al dominio di Satana. Quest’ultimo ubriaca le sue pedine con l’ebbrezza del potere e della popolarità mediatica, ma le tiene in pugno con le perversioni sessuali, in cui le fa sprofondare per renderle facilmente ricattabili, dopo averle attirate come mosche al suo proverbiale sterco, mammona. È proprio per mezzo di esso che distoglie dal servizio di Dio anche coloro che gli si sono votati per assoggettarli al proprio e danneggiare il più possibile, attraverso di loro, il sacro Tempio.

A Burke teso un  tranello

L’inaudita aggressione alla sovranità dell’Ordine di Malta, da parte di colui che è stato giustamente definito leader della sinistra mondiale (ossia della massonicapolitical correctness), non mirava semplicemente alla reintegrazione di un “missionario” della contraccezione nei Paesi poveri (la quale rappresenta già di per sé un gigantesco business), ma ha probabilmente ben altre ambizioni: che la “Chiesa povera per i poveri” voglia metter le mani sull’enorme patrimonio gestito dai Cavalieri? Con un bilancio annuale di due miliardi di dollari, cadon di tavola briciole milionarie… Al pellegrinaggio internazionale a Lourdes, testè conclusosi, il delegato pontificio ha calorosamente perorato l’incremento del carattere religioso dell’Ordine come soluzione a tutti i problemi. Di fatto, però, la pesantissima intrusione della Santa Sede nel suo governo, in sostanza azzerato, ha dato ragione alla corrente tedesca, che lo vorrebbe laicizzare trasformandolo in ONG. Su cinque membri della commissione papale incaricata di indagare sul conflitto tra Festing e Böselager, quattro sono amici del secondo e tre di essi (fra cui l’arcivescovo Tomasi) sono coinvolti in una fantomatica società finanziaria che gestisce un lascito di centoventi milioni di euro di provenienza ignota. La denuncia di Festing contro la fiduciaria, dopo le sue dimissioni forzate, è stata – guarda caso – ritirata da Böselager, che ha con solerzia negoziato un accordo. Conflitto d’interessi? No di certo, se si lavora per i diseredati…

Chi ci ha perso la faccia, in questa squallida vicenda di squali, è stato il Cardinal patrono, che è a quanto pare caduto in un terribile tranello, tesogli proprio dal feroce dittatore. In un colloquio a quattr’occhi – come conferma in termini più diplomatici una lettera ufficiale – quest’ultimo si era mostrato sconcertato per l’immondo traffico di preservativi portato avanti da un’organizzazione cattolica in totale violazione del Magistero, chiedendogli anche di darsi da fare per purgare l’Ordine dai massoni. Da persona retta qual è, il buon Burke aveva evidentemente creduto alla sincerità dell’uomo biancovestito e si era mosso nel senso indicato, facendo involontariamente deflagrare il conflitto che ha fornito a quest’ultimo il pretesto per intervenire con un’ingiustificabile ingerenza, assolutamente illegittima e senza precedenti. La linearità di un cattolico non riesce nemmeno ad immaginare fino a che punto arrivi la slealtà e la perfidia di chi ha una mentalità marxista (e di quei giudei da cui il marxismo ha avuto origine).

Puzza  di sterco (del diavolo).

Tutto questo non è certo un fatto isolato. Dove c’è puzza di sterco (del diavolo), c’è di mezzo l’alta finanza internazionale (ebraica pure quella), che tiene in pugno i governi occidentali e ora controlla anche la Chiesa Cattolica. La posta in gioco è altissima, la situazione umanamente disperata: non esistono, sulla terra, mezzi adeguati per debellare il nemico e vincere la guerra; soltanto con mezzi soprannaturali la possiamo spuntare. Sarà un’idea folle, ma in questo centenario di Fatima sembra che la Madonna ci suggerisca un’impresa da valorosi: penetrare nel campo avversario con un manipolo di arditi per compiervi un atto esplosivo. L’anno scorso, in più di un centinaio, ci siamo consacrati a Lei sulla tomba di san Pietro per riprendere simbolicamente possesso del cuore della cristianità. Quest’anno dobbiamo osare ben di più: consacrare il Vaticano stesso al Suo Cuore immacolato perché faccia crollare il regime abusivo che vi si è insediato, così da minare alla base la centrale della contro-chiesa, cooperando con il Cielo alla liberazione della Chiesa vera.
Don Elia

6 comments:

Anonymous said...

E dopo i post contro migranti, omosessuali e in generale contro tutto ciò che non è conforme all'integralismo cattolico, da oggi abbiamo anche un nuovo nemico: gli ebrei!
State cadendo sempre più in basso... Ma i moderatori dove sono?

La Voce di don Camillo said...

Caro anonimo, perchè non ospita un giovane migrante ventenne a casa sua, nella camera accanto a sua figlia di 16 anni e li lascia soli in casa? Perchè non manda il suo bambino di nove anni dal maestro di ginnastica omosessuale per una lezione a tu per tu? Perchè non cede il suo lavoro o almeno una parte del suo stipendio a un povero migrante islamico che ne ha tanto bisogno? Perchè non chiede che invece di 35 euro al giorno spesi per i migranti non ne spendano 45, il tutto togliendo risorse per lo studio, la formazione dei giovani italiani fra cui suo figlio laureato e al momento disoccupato (con prospettive di disoccupazione di lungo corso)? Legga "Amare Dio e fare soldi" di Ettore Gotti Tedeschi http://shop.fedecultura.com/Amare-Dio-e-fare-soldi-p62551397 e venga giù dal pero!

Anonymous said...

"Amare Dio e fare soldi", proprio un bel titolo : mi dica, il libro contiene altre interessanti perle come quella della finanza ebraica che controllebbe la Chiesa o si limita a ripetere le solite banalità che affollano le menti dei (pochi, per fortuna) cattotebani ?

La Voce di don Camillo said...

Lo legga invece di scrivere cazzate.

Anonymous said...

Se vi danno fastidio le ca**te, potreste controllare meglio gli articoli che pubblicate. Le ilazioni sugli ebrei padroni del mondo e diffusori del marxismo non le ho certo scritte io. I casi sono due: o si tratta di una svista, e allora c'è un problema di filtro dei contenuti, oppure credete davvero in ciò che è stato scritto, e allora il problema è molto, molto più serio.

Anonymous said...

Sarebbe interessante avere una vostra risposta in guisa di conclusione: approvate in toto il testo pubblicato, ivi comprese le frasi contro gli ebrei, o c'è la possibilità che in futuro facciate più attenzione a ciò che pubblicate, magari evitando fonti di informazione fasciste e antisemite come le pagine di Maurizio Blondet?
Così, giusto per chiarire una volta per tutte se siete affezionati solo al Trono e all'Altare, oppure a regimi molto più sinistri.