La cattiveria quotidiana 615

dei coniugi Biagini
“O Virgilio, chi son quei peccatori che senza tregua inchiavardati stanno a poltrone di ferro arroventate?” “O Dante, ecco i teorici marxisti che con sussiego ognora erano pronti a citar sacri testi, ma caduto che fu il famoso muro ad altre sette s’accodaron belanti: ambientalismo, e veganismo, e generi e quant’altro, onde giustificare le poltrone, cui eran dolcemente affezionati. Quelle poltrone mai lasciar potranno. Così s’osserva in lor lo contrappasso.”

Nessun commento: