Islam religione di pace?

Clicca per info e acquisti
di Vittorio Porta Frigieri
I soliti "islamofobi" saranno pronti a criticare i fastosi festeggiamenti turchi in ricordo del trionfo dell'islam con la presa di Costantinopoli. 
Farebbero invece bene ad apprezzare come l'islam, con grande signorilità, "non infierisca sul cadavere", evitando di ricordare e celebrare anche  l'anniversario del saccheggio di Roma e delle sue basiliche nell'846... 
Probabilmente pero', gli islamici ritengono che sollevare questo "insignificante episodio", tra l'altro sottoposto a rigida autocensura europea, potrebbe richiamare l'attenzione dell'Occidente distratto sulla

La cattiveria quotidiana 636

dei coniugi Biagini
“A Pasquì, ma allora li frati so’ cattivi?” “Tutti no, Romolé, tutti no, ma quanto basta.”

La cattiveria quotidiana 635

dei coniugi Biagini
“A Pasquì, ma se n’ordine de frati nun fa gnente de male, come fanno a perseguitallo?” “Semplicissimo, Romolé. L’ha insegnato Voltaire: ‘Calunniate, calunniate, quarche cosa resterà’.”

Tradurre Malachi Martin

Qualcuno è disposto a tradurre gratuitamente in italiano i libri di padre Malachi Martin, gesuita americano morto nel 1999 in vista della loro pubblicazione in Italia? Scrivere a giovanni.zenone chiocciola fedecultura.com

Breviarium Romanum (tradizionale)

clicca per acquisti
Per la prima volta dal 1962 la nuova edizione del Breviarium Romanum, il tradizionale Libro d'Ore della Chiesa Cattolica in latino. Pubblicato per la prima volta nel 1962 in obbedienza al Motu Proprio Rubricarum Instructum nel luglio 1960 del Papa Giovanni XXIII. Imprimatur di S.E. Mons. Gregor Maria Hanke OSB. La nuova edizione utilizza la classica traduzione latina dei Salmi della Vulgata.
Edizione pregiata di altissima qualità editoriale con taglio oro, immagini tradizionali, carta india.
"Chi prega in latino prega due volte" (Zenone da Verona)

La cattiveria quotidiana 634

dei coniugi Biagini
“A Pasquì, ma come se fa a capì se n’ordine de frati è bono?” “Se vede subito, Romolé: quelli boni so’ perseguitati da l’antri.”

La cattiveria quotidiana 633

dei coniugi Biagini
“Ecco una nuova grandiosa età per la teologia! Un’età paragonabile all’epoca di san Gerolamo e sant’Atanasio! La nostra felice epoca è stata illuminata da Karl Ranocchio e Hans Fungo, i nuovi luminari ispirati dal Cielo!” “Si calmi, AAPP. Adesso viene l’infermiera per l’iniezione di bromuro.”

La cattiveria quotidiana 632

dei coniugi Biagini
“Oh qual meraviglia! La pace regnerà sulla terra, purché sappiamo perdonare per essere perdonati! La pace bene supremo, la pace a tutti i costi! Basta crociate! Basta steccati e divisioni! Siamo tutti fratelli!” “Si calmi, AAPP. Guardi che bella camicia di forza nuova le abbiamo messo.”

La cattiveria quotidiana 631

dei coniugi Biagini
“Finalmente la pastorale della comprensione misericordiosa che distingue l’errore dall’errante! L’errante dev’essere la nostra prima cura, perché così andiamo errando insieme e fraternamente nell’errore troveremo la verità!” “Si calmi, AAPP. Ora arriva il medico e le dirà cosa deve fare.”

Come sopravvivere ad un papa disastroso e rimanere cattolici

Ripresentiamo a distanza di un anno e mezzo questo articolo che ogni giorno e ogni ora dimostra sempre di più la sua drammatica attualità. Le ormai insanabili e gravissime perplessità di fronte a esternazioni improvvisate ma - soprattutto - a documenti che sono formalmente magisteriali di Papa Francesco spaccano la coscienza del buon cattolico che è costituzionalmente papista, ma è anche costituzionalmente ragionevole e razionale e non può né deve mai andare contro ragione e contro coscienza. Queste lacerazioni dolorose della coscienza e della ragione devono trovare una medicina e noi la troviamo, su di un piano razionale, in questo scritto chiaro ed equilibrato.

di Francisco José Soler Gil
Clicca per leggere
Può un cattolico pensare che un papa sia disastroso? Certo che sì. Può un buon cattolico credere che dietro la scelta del papa ci sia lo Spirito Santo? Evidentemente no.

Sarebbe sufficiente ricordare la risposta, al riguardo, che l’allora cardinale Ratzinger diede al suo intervistatore, il prof. August Everding, in una famosa intervista del 1997. Il prof. Everding chiese all’allora “custode della fede” se fosse veramente lo Spirito Santo il responsabile diretto dell’elezione del papa.

La risposta di Ratzinger fu, come sempre, semplice ed illuminante:

«Non direi così, nel senso che sia lo Spirito Santo a sceglierlo. Direi che lo Spirito Santo non prende esattamente il controllo della questione, ma piuttosto da quel buon

La cattiveria quotidiana 630

dei coniugi Biagini
“Ecco l’età dell’oro! Non ascoltate i profeti di sventure! La Chiesa non ha più nemici! Occorre la medicina della misericordia, non l’arma della severità!” “Si calmi, AAPP. Il medico ha detto che agitarsi le fa male. C’è l’ambulanza qui fuori e adesso la portiamo in un bel posto dove potrà riposare le stanche meningi.”

La cattiveria quotidiana 629

dei coniugi Biagini
“O Virgilio, che son l’anime triste che torno torno corron miserandi in sabbione rovente sanza tregua?” “O Dante, qui tu vedi i polemisti che sempre litigavan su ogni punto ed in partiti dividean lo Corpo.”

La cattiveria quotidiana 628

dei coniugi Biagini
“O Virgilio, he son que’ disgraziati chiusi in tombe di ghiaccio e rivestite di acute punte e congelata ortica?” “O Dante, eccoti i duri partigiani di tradizione steril sanza luce, che alla lettera sol ponevan mente, ed a voce di Spirto erano sordi.”

Chi era davvero Pannella?

Pannella è morto. Chi era? Quali erano davvero le sue battaglie? Leggi il libro di chi lo ha conosciuto e ha lavorato per lui per anni.

La cattiveria quotidiana 627

dei coniugi Biagini
“O Virgilio, he son quelli tapini che chiusi stanno in tombe arroventate?” “O Dante, li eresiarchi quivi stanno, che traducendo la Scrittura sacra e tagliuzzando il testo a loro capriccio, credean di farsi una diversa chiesa a lor uso e consumo modellata.”

La cattiveria quotidiana 626

dei coniugi Biagini
“O Virgilio, chi sono quei dannati con la lingua di fori e tagliuzzata continuamente con roventi lame?” “O Dante, bene guarda e prendi nota: qui castigati son li blateronti che s’erano spacciati per sapienti e blaterando andavan per lo mondo filosofando e confondendo l’acque.”

Lecito e anzi doveroso criticare il Papa: parola di Benedetto XVI!

Clicca per acquistarlo
Benedetto XVI: possibile e necessaria la critica a pronunciamenti papali senza copertura nella Scrittura e nel Credo.
«La fede si norma sui dati oggettivi della Scrittura e del dogma, che in tempi oscuri possono anche spaventosamente scomparire dalla coscienza della (statisticamente) maggior parte della cristianità, senza perdere peraltro in nulla il loro carattere impegnante e vincolante.
In questo caso la parola del papa può e deve senz’altro porsi contro la statistica e contro la potenza di un’opinione, che pretende fortemente di essere la sola valida; e ciò dovrà avvenire con tanta più decisione quanto più chiara sarà (come nel caso ipotizzato) la testimonianza della tradizione.
Al contrario, sarà possibile e necessaria una critica a pronunciamenti papali, nella misura in cui manca a essi la

La cattiveria quotidiana 625

dei coniugi Biagini
“O Virgilio, che son hodesti ceffi ch’angui furenti con l’agute scane dilacerando vanno brano a brano?” “O Dante, sono l’arrivisti ladri che rubarono posti e sinecure lasciando a terra quei ch’avevan merito: onorati e temuti sulla terra, dove ebber la loro ricompensa, quivi invece richiusi stan pagando un debito che mai saldar potranno.”

Re Artù, la storia, la leggenda, il mistero a Verona 19 maggio

Clicca
Giovedì 19 maggio dalle ore 17 grande evento con Paolo Gulisano con intermezzi musicali di arpa medievale di Anima Keltia presso la libreria L'Isola del Tesoro di Fede & Cultura a Verona in via Marconi 60A. Presentazione del libro Re Artù - La storia, la leggenda, il mistero
Aperitivo a fine evento per tutti i convenuti!
Re Artù, Mago Merlino, la spada Excalibur, la corte di Camelot, i Cavalieri della Tavola Rotonda, Lancillotto e Ginevra, il Santo Graal, l'isola di Avalon: non esiste mito più affascinante e diffuso, capace di generare un'infinità di leggende, romanzi e poemi in cui si intrecciano sacro e profano, simbologia ed esoterismo. Partendo dalla narrazione di quanto realmente accadde nelle isole britanniche 1.500 anni fa, Paolo Gulisano esplora una leggenda medievale che continua a vivere anche ai giorni nostri in nuove e spettacolari versioni. Non si tratta di una semplice evasione dalla realtà per rifugiarsi nella fantasia, ma dell'occasione per volgere lo sguardo verso cose grandi, verso il nostro desiderio di Bellezza che solo i simboli e le tradizioni sanno alimentare: è quello che aveva capito J.R.R. Tolkien, grande creatore di miti e autore di La caduta di Artù, a cui è dedicata l’appendice del libro.

La cattiveria quotidiana 624

dei coniugi Biagini
“O Virgilio, che son hodesti ceffi che torno torno corron, flagellati con le roventi sferze dai demoni?” “O Dante, son li austeri educatori che della gioventù fecero strame, lor in-cul-cando vomito di fogna, relativismo e teoria de li generi.”

La cattiveria quotidiana 623

dei coniugi Biagini
“O Virgilio, che sono hodesti ceffi con lunghe barbe in reti di rovente metallo imprigionati che ululando e lamentando vanno la lor sorte?” “O Dante, dei saper che questi sono li tonsurati che in maligne reti di calunnie innocenti confratelli avvolsero, isolar, perseguitaro, ed or s’osserva in lor lo contrappasso.”

La cattiveria quotidiana 622

dei coniugi Biagini
“O Virgilio, che son hodesti infami ch’ebber gloria ed onore nella vita, ed or nella rovente melma, urlando ‘Brucia! Brucia! Ahimé brucia!’ van saltando?” “O Dante, son li altissimi prelati che mandaro a sbaraglio tra le belve di religione i miseri insegnanti, e mai diedero lor fioco sostegno se da belve laiciste eran sbranati, e s’alcuno ve n’era pien di zelo, e dottrina e sapienza e intelligenza lo ridussero a fare lo bidello.”

Operation Storm Heaven

Il cardinal Burke ha indetto la campagna per del Rosario per lo Splendore della Verità (Veritatis Splendor) nella Chiesa, l’8 dicembre scorso, festa dell’Immacolata. Il male che sembra travolgere l’America e il mondo, ha scritto in un comunicato, lascia molti fedeli scoraggiati. E “la prima tentazione di Satana per spezzarci è lo scoraggiamento. Questa tentazione è solo un’illusione, perché Cristo vivo in noi ci dà sempre coraggio, anche nei tempi delle prove più gravi. In tali tempi, come oggi, dobbiamo

La cattiveria quotidiana 621

dei coniugi Biagini
“O Virgilio, che son hodesti miseri, quest’anime infelici che la pompa immensa assorbe, succhia, sbrana e schiaccia, fra urla di dolore ed alti lai?” “O Dante, quelle son femmine triste che per disfarsi delle lor creature e massacrarle usarono la pompa.”

Gilberto Gobbi con Fede & Cultura

Conferenza di Gilberto e Pier Paolo Gobbi il 29 aprile 2016
a Verona presso Fede & Cultura
Per saperne di più:

Sposarsi o convivere oggi http://www.fedecultura.com/p/vetrina_...

Satire clericali!

I chierici sono stati spesso bersaglio di satira, a volte immeritatamente, da parte dei nemici, ma il sale insipido è purtroppo una distesa enorme come il Sahara e una minaccia gravissima di morte per le anime. Vi sono i tiepidi, i vigliacchi, quelli che contraddicono il Vicario di Cristo e lavorano sotto la chiglia della navicella di Pietro come teredini per sovvertire la verità. Contro costoro, i cattolici hanno non il diritto, ma il dovere di prendere posizione. E poi vi sono quelli che credono di difendere la Tradizione combattendo e minimizzando le rivelazioni private, imponendo silenzio allo stesso Dio: che diamine, ha parlato una volta per tutte e loro sono gli unici custodi autorizzati della Parola. Atteggiamento pericolosissimo, perché facendo di ogni erba un fascio si toglie credibilità ai messaggi autentici e non si colpiscono abbastanza quelli falsi.

La cattiveria quotidiana 620


dei coniugi Biagini
“O Virgilio, che son codesti preti che van girando intorno sanza meta con le mani amputate sanguinando?” “Tu dei saper, o Dante, ei sono que’ preti ch’avean mission de pascere l’agnelli ma preferivan far moine ai lupi.”

La cattiveria quotidiana 619

dei coniugi Biagini
“O Virgilio, chi sono quei ciccioni mangiatori di würstel e sankraut che grufolando vanno nella melma, sospinti dalli demoni a frustate, quasi occulto tesoro ricercando?” “O Dante, son que’ chierici allemanni che si spacciavan per roman cattolici, e ai confusi fedeli consigliaron di legger l’arcieretico Lutero, il grano e il loglio così mescolando, buona spiga con segale cornuta.”

Per conoscere la Massoneria

L'Autore, da anni studioso di Libera Muratoria (Massoneria), analizza l'"essere" ("filosofia", ritualità, esoterismo...) e l' "operare" (nella società) della "fratellanza" massonica. Questo testo può aiutare a comprendere meglio l'incompatibilità tra Chiesa Cattolica e Massoneria. Le fonti di questo Manuale (specialmente nella prima e nella seconda parte) sono prevalentemente di parte massonica. L'Autore presenta la Massoneria compresa e vissuta da Massoni.

La cattiveria quotidiana 618

dei coniugi Biagini
“O Virgilio, chi son quegli infelici che i diavoli tormentan con aguzze lame infocate nei dolenti orecchi?” “O Dante, qui tu vedi ben punita la durezza di core e l’arroganza de li chierici che, senz’ascoltarle, respinsero le voci che dall’alto scendevan sulla terra ammonitrici. Al Padre, al Figlio ed allo Spirto Santo imposero silenzio; essi soltanto favellare poteano, per lunghi studi e per sofferte ascese, salendo sulla scala delli onori. Or sulle orecchie che restaron chiuse si abbatte sacrosanta punizione che durerà finché lo ’nferno duri.”

La cattiveria quotidiana 620

dei coniugi Biagini
“O Virgilio, che è l’oscura nube che s’addensa in tempesta furibonda sopra quel cosiddetto Nuovo Mondo, orgoglioso di tante sue conquiste?” “O Dante, son le vittime cadute sotto la furia della “libertà” portata sulla punta delle spade: a Dresda, ad Hiroshima, a Nagasaki, e mille e mille ancora atrocità che attendono di esser vendicate, e da lo ‘nferno la vendetta sale.”

Il potere terapeutico del perdono - Alberto D'Auria

Evento del 6 maggio 2016 presso Fede & Cultura

La cattiveria quotidiana 617

dei coniugi Biagini
“O Virgilio, chi son que’ tormentati che saltellando vanno su bilance incandescenti sotto una gran pioggia d’acido divorante e puzzolente?” “O Dante, ecco qui vedi lo castigo delli giudici cui nulla importava di legge e di giustizia, ma soltanto promuover l’interesse del partito, che poi li compensava con un seggio nel tempio delle chiacchiere bavose.”

Dalla parte di don Andrea Brugnoli!

Fede & Cultura sta con don Andrea Brugnoli!
Davanti all'infame, vile, pretesco curiale attacco a don Andrea Brugnoli, Fede & Cultura sta dalla sua parte con fierezza. La chiesa deve evangelizzare, non fare sporchi affari e vivere nella assoluta autoreferenzialità o nell'imbelle ricerca della pace col mondo. Fuori i don Abbondio, i pedofili, affaristi e arraffoni dalla Chiesa, quelli che perseguitano i santi e che se ne fregano del bene delle anime, dell'evangelizzazione, del rispetto e amore dovuti a nostro Signore!
Clicca per info e acquisti
Preghiamo per don Andrea e diffondiamo il suo libro che tanto prurito ha fatto venire agli affaristi e corrotti di curia.
‪#‎donandreabrugnoli‬ ‪#‎sentinelledelmattino‬ ‪#‎cafeteologico‬ ‪#‎fedecultura‬ ‪#‎giovannizenone‬

La cattiveria quotidiana 616

dei coniugi Biagini
“O Virgilio, chi sono quei tapini che nuotando sen vanno e lamentando in mare d’oro fuso e ribollente?” “O Dante, vedi qui lo contrappasso de’ banchieri usurai che devastaro e fede e vita di nazioni intere per gonfiarsi d’orgoglio e di potere.” 

Qualche suggerimento anche per la santificazione...

Buona domenica !
Mi permetto di segnalarle qualche titolo che ci può aiutare per la santificazione in un momento in cui la fede a volte traballa. Non voglio essere lungo, metto solo autore e titolo che lei potrà scoprire se le interessa cliccando.

Le chiedo una preghiera per il nostro apostolato che - se Dio vuole - a settembre partirà anche negli USA.

Ci salverà il monachesimo - Beniamino Lucis
Parrocchie da incubo - Andrea Brugnoli
Rapporto sulla fede - J. Ratzinger e V. Messori

L'anno liturgico - Dom Prosper Gueranger
6 romanzi di Robert Hugh Benson a 50 euro invece di 91,50

Re Artù - Paolo Gulisano
Gender questo sconosciuto - Aldo Rocco Vitale
Il male più grande - Ugo Borghello
La Chiesa ribaltata - Enrico Maria Radaelli

e per distrarsi con un buon romanzo:
L'armata del Reno - Alexandre Dumas
Ron Roy - Walter Scott
La pioggia di fuoco - E.e M.A. Biagini
Nonna non raccontava le favole - Maria Antonietta Biagini


Le ricordo che per chi non avesse ancora usufruito dello sconto di benvenuto sul nuovo sito www.fedecultura.com è ancora valido il coupon di sconto del 15% valido solo se inserito nel carrello in fase di acquisto (il codice coupon è 0ET079X5J3H5). Se ha difficoltà sul nostro sito ci chiami o ci mandi una mail che la richiameremo noi!


Prof. Giovanni Zenone Ph.D.
Direttore di Fede & Cultura
tel. 045-941851

La cattiveria quotidiana 615

dei coniugi Biagini
“O Virgilio, chi son quei peccatori che senza tregua inchiavardati stanno a poltrone di ferro arroventate?” “O Dante, ecco i teorici marxisti che con sussiego ognora erano pronti a citar sacri testi, ma caduto che fu il famoso muro ad altre sette s’accodaron belanti: ambientalismo, e veganismo, e generi e quant’altro, onde giustificare le poltrone, cui eran dolcemente affezionati. Quelle poltrone mai lasciar potranno. Così s’osserva in lor lo contrappasso.”

Continuità

Leggilo in eBook ora!
di Lorenzo Penotti
Mi hanno chiesto questa mattina se ci fosse continuità fra Benedetto XVI e Francesco. Ho risposto di sì. Il mio interlocutore è rimasto di sasso, non se l'aspettava. Allora mi sono spiegato meglio. La continuità sta nel fatto che l'eresia si definisce in base alla retta dottrina e ne scaturisce come ciò contro cui si oppone. In questo sta la continuità fra l'uno e l'altro.

La cattiveria quotidiana 614

dei coniugi Biagini
“O Virgilio, chi sono quei mostricchi, che in palude di cacca bersagliati di arroventate frecce dai demoni, con alti lai si vanno contorcendo?” “O Dante, qui tu vedi li antropologi, specialisti di chiacchiere sui generi, ed or cattedra loro è la palude.”

La cattiveria quotidiana 613

dei coniugi Biagini
“O Virgilio, chi sono que’ disgraziati che fatti paion d’angoli e di punte, e di cerchi e di quadrati e di cateti, che son pompati sotto vuoto spinto, disintegrati e poi ricostituiti perché lo gioco dee ricominciare?” “O Dante, quelli son li economisti, modelli matematici del nulla, che rubavan così ghiotto stipendio.”

La cattiveria quotidiana 612

dei coniugi Biagini
“O Virgilio, chi son quei miserandi sotto la pioggia di rovente zolfo, e sembra che di legno abbiano fatta quella specie di palla ch’hanno al posto dove li umani tengono la testa?” “O Dante, quelli sono li arguti storici che della storia fecero lor dio, ed il progresso eressero a feticcio. Ora la testa lor di legno avvampa sotto la pioggia che giammai non resta.”

Il Profeta del Vento

La copertina come avrebbe dovuto essere
Recensione di Leggere-facile.it
Questo libro si presenta come un piccolo manuale tascabile da tirar fuori all’occorrenza.
I pensieri e le riflessioni riportate sono numerose e variegate, l’autore si esprime infatti su varie tematiche fondamentali che riempiono le vite di tutti noi.
Il protagonista è un suonatore di flauto, un ragazzo come tanti, che casualmente si imbatte in un soffio di Vento speciale: questo, infatti, inizia a comunicare con lui, regalandogli parole, verità e saggezza in grado di cambiargli per sempre l’esistenza.
Essere a contatto con il soffio vitale del mondo permette a Natan, questo il nome del giovane, di sentire pienamente il

La cattiveria quotidiana 611

dei coniugi Biagini
“O Virgilio, che sono quei macachi che vanno schiamazzando e saltellando smorfie facendo e lazzi e gesti osceni?” “O Dante, qui tu vedi gli sviati che credettero far bella carriera turlupinando pubblico e studenti con la bufala bolsa darwinista.”

Emanuela Marinelli a Domegliara VR mercoledì 4 maggio


La Luce dal Sepolcro incontro con Emanuela Marinelli
Emanuela Marinelli, sindonologa, racconta il volto di Cristo e la Sindone Dove?
Parrocchia Sacro Cuore di Gesù, via Chiesa Nuova 310, Domegliara
Quando?
Mercoledì 4 maggio 2016, ore 21.00
Perché?
Per ascoltare dalla voce di una delle massime esperte internazionali la verità sui misteri della Sacra Sindone
L’incontro sarà preceduto alle 19.00 dalla S. Messa nella memoria liturgica della Sindone 

Buonanotte

Dopo l'ineffabile "Buonasera" è arrivata - puntualmente - la notte, ma non una "buona notte". Poi arriverà tuttavia anche l'alba, non temiamo. "La notte è avanzata, il giorno è vicino. Gettiamo via perciò le opere delle tenebre e indossiamo le armi della luce" (Rm 13,12).
Giovanni Zenone

Ti aspetto a Verona venerdì

Caro amico, vieni da Fede & Cultura a un evento speciale: venerdì 6 maggio alle ore 18,30 presso la nostra sede di via Marconi 60A - Libreria l'isola del Tesoro a Verona incontriamo Alberto D'Auria. Il potere terapeutico del perdono. Da un cattolico che sa distinguere le cose, un grande intervento sul perdono, così necessario in questi tempi di abusi sistematici, evitando il complice perdonismo e misericordismo.

Alla fine della conferenza prenderemo un aperitivo insieme offerto da Fede & Cultura.

Ti aspetto!
Giovanni Zenone - Direttore di Fede & Cultura

La cattiveria quotidiana 610

dei coniugi Biagini
“A Pasquì, ma cos’è er bullismo omofobico e transfobico?” “È quanno te cominci a pensà co’a testa tua, Romolé, invece de fatte infinocchià da li blateronti der regime.”

Il miracolo della vita

Cosa è la vita? Come mai essa appare così rara, nell’universo sino ad ora esplorato, e così sovrabbondante e varia sulla Terra?
Essa è frutto del caso o di un progetto? Esiste per fortunate coincidenze, o per volere di Qualcuno?
Come può derivare la vita, dalla non vita, la materia organica, dalla materia inorganica? Vi è una differenza ontologica, incolmabile, di qualità, tra ciò che è (continua qui)

Medicina e preghiera: la parola al premio Nobel Alexis Carrel

Alexis Carrel
L’interazione tra anima e corpo, analizzata per secoli dalla filosofia, è sempre più indagata anche a livello medico.
Oggi svariati studi provano che la dimensione spirituale interagisce profondamente con quella fisica.
Il mensile Le Scienze del gennaio 2015, riporta indagini secondo le quali grazie alla meditazione
“avvengono cambiamenti fisiologici… e effetti psicologici benefici”, scientificamente rilevabili.
Scrivono gli autori dell’articolo: “Quindici anni di (continua qui)

Amoris laetitia?

Gesù Cristo è lo stesso ieri, oggi e sempre! Non lasciatevi sviare da dottrine varie e peregrine.
(Cor 13,9)

La cattiveria quotidiana 609

dei coniugi Biagini
“A Pasquì, ma chi crede solo a quer che vede, nun è na persona intelligente e scientifica?” “A Romolé, te l’hai mai visto n’elettrone?” “Io no.” “E allora che stai a dì?”

La cattiveria quotidiana 608

dei coniugi Biagini
“A Pasquì, ma e’e banche quarcosa de bono o’o fanno pure, e danno li finanziamenti a chi ne chiede, e stimolano (hic!) er sistema ‘conomico.” “A Romolé, te oggi se’ già ar terzo litro. Ce lo sai che te fa male ar cervello.”