7 ottobre a Verona: la Chiesa al bivio

Clicca per info e acquisti
Mercoledì 7 ottobre alle ore 19 presso la sede di Fede & Cultura nella sala L'isola del Tesoro a Verona in via Marconi n. 60a si terrà in anteprima la presentazione del volume "Matrimonio e famiglia, la Chiesa al bivio" di Stefano Fontana, direttore dell'Osservatorio Card. Van Thuan con la presenza dell'Autore stesso. A conclusione dell'incontro sarà offerto uno snack e un drink.

Non si era mai visto un Sinodo così. Così lungo. Così combattuto. Così decisivo. Il motivo sta nel metodo, ma soprattutto nei contenuti. Tutti sentono che ci sono in ballo cose grosse. Non solo la famiglia ma l'amore coniugale, la teologia del corpo, la morale,  il matrimonio, i sacramenti, la grazia, la tradizione.

La Chiesa sembra essere ad un bivio. Due visioni in lotta tra loro fin dal Vaticano II sembrano essersi date appuntamento a questo Sinodo. E le conseguenze andranno ben oltre questo appuntamento.

Questo libro informa, documenta, guida. Illustra i documenti del Sinodo, aiuta a mettere ordine nel dibattito, spiega l'origine teologica delle varie posizioni, esamina i temi più scottanti, mette in guardia dai pericoli.

Un vademecum indispensabile per seguire e comprendere il Sinodo ordinario sulla famiglia del prossimo ottobre. Ma anche per spiegare in modo chiaro e accessibile ciò che la Chiesa ha sempre insegnato su matrimonio e famiglia.

Dalla tutela delle minoranze al governo dei mentecatti

di Giovanni Zenone
Questa mattina al radiogiornale ho percepito con maggiore chiarezza i difetti di pronuncia dei giornalisti. Difetto grave in chi usa proprio la voce per comunicare, quasi come se un taxista fosse senza patente. Erre moscia, la gl pronunciata j (fijio invece che figlio), erre alla francese (da sinistri radical chic), per non parlare dei congiuntivi dimenticati in favore dell'indicativo... 
Questo piccolo fatto che testimonia la deriva sociale e lo svaccamento culturale e professionale, mi ha suscitato una riflessione più generale.
Ingannando i popoli le nuove dottrine sono partite dalla tutela delle

La cattiveria quotidiana 404

dei coniugi Biagini
“La fede nel progresso è la meridiana face che illumina le belle contrade d’Italia, finalmente liberata dall’opprimente tutela pretesca. Il mio viaggio a Nuova Yorke servirà a stabilire preziosi contatti con i fratelli di loggia e le loro benefiche banche per un rinsaldarsi, a comune vantaggio, dei fraterni legami commerciali e politici tra le due sponde dell’Atlantico, per la comprensione tra i popoli, la prosperità e la paaaaace.” Così annunciò alla stampa il Dott. Prosdocimo Savoietti, che si trovava a Southampton per imbarcarsi sul Titanic.

Chi fa il politico?

di Lorenzo Penotti
Chi è e che tipo di persona è colui che cerca di fare il politico? È colui che non avendo le capacità, l'intelligenza, la volontà di lavorare e di produrre col proprio lavoro un reddito, cerca - e in molti casi riesce - di vivere come un pascià alle spalle del lavoro degli altri. Con molta frequenza queste sono anche le attitudini del dipendente statale, che è la manovalanza della infame classe politica.

La cattiveria quotidiana 403

dei coniugi Biagini
Postilla alla Direttiva UE n. 6666: “Chi non assolverà prontamente ai propri doveri morali come insindacabilmente stabiliti dalla UE, sarà messo alla gogna, salvo maggiori pene ad arbitrio di Sua Eccellenza.”

Sul clima il Papa sbaglia

Questa è la lettera che lo scienziato Franco Battaglia   ha inviato a Papa Bergoglio dopo averne letto l’enciclica “ambientalista”.   Naturalmente, nessuna risposta.

Santissimo Padre, sono un cristiano, nel senso che credo che Gesù Cristo sia stato Dio fatto uomo. E qui finisce la mia fede, cioè quanto basta per essere io, e non solo per questo, un peccatore. Tanto peccatore che, avendo letto la Sua ultima Lettera Enciclica, mi sono fatto la convinzione che in qualche passaggio essa non sia stata ispirata dal Suo naturale ispiratore. Non sarebbe la prima volta che succede ad un Papa: chi ispirò Urbano VIII a costringere Galileo all’atto di abiura? Non certo Dio Onnisciente.

Lei, Santo Padre, s’appella al consenso scientifico per puntare l’indice contro il «preoccupante riscaldamento climatico… la maggior parte del quale… è dovuto alle attività umane». E sul problema si dilunga con argomentazioni ­ – come, per esempio, quella del «preoccupante innalzamento dei mari» – che tutti noi leggiamo da alcuni decenni nei più approssimativi documenti di associazioni ideologicamente precostituite. Temo, allora, che il diavolo si sia insinuato nei cuori di coloro che L’hanno consigliata.

Innanzitutto, mai ci si può appellare al consenso scientifico per sostenere l’attendibilità di

La cattiveria quotidiana 402

dei coniugi Biagini
Direttiva UE n. 6666. “È dovere morale di tutti gli stati membri rivedere con la massima cura i vocabolari delle lingue nazionali onde cancellarvi tutte le parole proibite, specie quelle attinenti al sesso, al matrimonio fra persone di genere diverso e alla cosiddetta ‘famiglia naturale’.”

La cattiveria quotidiana 401

dei coniugi Biagini
“=$=<@<><£$[@$<%<\§)<@*”. Il direttore della rivista : “Ma che cavolo mi avete mandato da pubblicare? Non si capisce niente.” Risposta dei due malignassi: “È un messaggio cifrato. Sai, coi tempi che corrono...”

Siamo a meno della metà

Questo mese le donazioni sono meno della metà del mensile che ci siamo moralmente impegnati a versare alla famiglia Palmaro. Chiediamo aiuto agli amici perché diffondano la richiesta di proseguire con questo atto di generosità per la famiglia di Mario che non ha più col papà la fonte di sostentamento.


Premiato Gianfranco Amato!


«Carissimi,

con particolare gioia vi comunico di aver ricevuto il Premio Internazionale all’Impegno Sociale 2015, intitolato alla memoria dei giudici martiri Livatino, Saetta, Costa. Si tratta di un particolare riconoscimento a coloro che si battono, con sacrificio e rischio personale, per un impegno sociale improntato ai valori della vita, della giustizia, della verità e della fede, in difesa

Sopravvivere all'alluvione

Clicca per info e acquisti
di Giovanni Zenone
All'alluvione di "misericordia" si scampa con piccole dosi quotidiane di vera Fede Cattolica. Il miglior libretto velocissimo, utile e fruibile da parte di tutti per resistere e sopravvivere è l'ottimo Qual è la vera fede cattolica? di Corrado Gnerre, ora in super-offerta. Non lo perdete, regalatelo a chi vive il dramma di coscienza di non riuscire più a trovare la Fede di sempre nell'ansia frenetica di incontro col mondo di una Chiesa in crisi di identità. Un testo che non entra in alcuna polemica ma che rassoda e conferma l'unica Fede che salva.

La cattiveria quotidiana 400

dei coniugi Biagini
“A Pasquì, ma dato che li preti africani tanta indulgenza co li “ghei” nun ce l’hanno proprio, se una coppia de quelli se presenta ar parroco nero pe farse sposà, che va a succede?” “A Romolé, te ci hai la mania de’e domande spinose. Namose a fa’ nu mezzo litro de li Castelli, che è mejo.”

La cattiveria quotidiana 399

dei coniugi Biagini
“A Pasquì, ma come mai ce so’ tanti preti stranieri a Roma? “Perché li vescovi d’Africa, dopo che li preti loro hanno seminato donne incinte in tutti li villaggi, li mandeno a ‘studià’ qui, indo una laurea in un’università pontificia nun se nega a nissuno e dove quelli possono raccattà soldi pe’ mandalli in Africa a li pupi loro.”

Unità e divisioni nella Chiesa

di Giovanni Cavalcoli
Possono esistere delle vere e proprie divisioni nella Chiesa? Possono far sì che la Chiesa sia divisa? Ecco la questione che vorrei qui affrontare. Che ci siano delle divisioni nella Chiesa non pare far problema. La cosa è evidente. Ma ciò non vuol dire ancora che la Chiesa in se stessa sia divisa, se non parlando alla buona secondo un linguaggio di tipo sociologico.
Infatti nel Simbolo della Fede noi diciamo credo unam Ecclesiam. La Chiesa è costituzionalmente una, una sola, unita dallo Spirito Santo. Ora, l'uno è proprio ciò che

La cattiveria quotidiana 398

dei coniugi Biagini
A Pasquì, ma quanno avranno votata l’Africa e tutti l’africani saranno qui, noi in dove annamo?” “A Romolé, che nun ce l’hai ‘na domanda de riserva?”

La cattiveria quotidiana 397

dei coniugi Biagini
“A Pasquì, ma perché tutti sti’ rifuggiati nun se li prenne er Vaticano, che così dà er bon esempio?” “Eh no, Romolé, nun ci hanno posto.” “E noi ci avemo posto?” “Par de sì, Romolé.” “E inte che posto cia’a metteno, Pasquì?” “Vie’, Romolé, namose a fa’ mezzo litro de li Castelli, che comincia a fa’ caldo.”

La cattiveria quotidiana 396

dei coniugi Biagini
“A Pasquì, ma che è nu razzista?” “Ner nostro speciale contesto, è uno che la pensa come a’a maggioranza e ci ha er coraggio de parlà.”

La cattiveria quotidiana 395

dei coniugi Biagini
“A Pasquì, ma er rifuggiato che se fa’ mantené co’ tutta a’a famiglia, se po’ dì ch’è un parassita?” “Eh no, Romolé, ca si no te dicheno pure che sei razzista.”

La cattiveria quotidiana 394

dei coniugi Biagini
“A Pasquì, che fa er rifuggiato, dopo essersi fatto mantené per i tre anni regolamentari in Italia co’ tutta a’a famiglia?” “Va a fa’ er rifugiato pe’ antri tre anni in Franza, co’ tutta a’a famiglia, che ner frattempo è pure cresciuta, perché così je danno più soldi, Romolé.” “E questo se po’ dì in pubblico, Pasquì?” “Eh, no, Romolé, ca si no te dicheno che chi semo noi pe’ giudicà.”

La cattiveria quotidiana 392

dei coniugi Biagini
Pensierino della sera: “Dicono che a volte il Papa è mal consigliato. Ma di prendersi certi consiglieri gliel’ha forse ordinato il medico?”

La cattiveria quotidiana 391

dei coniugi Biagini
Pensierino della sera: “L’umanità è malata, e per guarirla non serve parlare di compassione e sentimentalismi vari; ci vuole un’energica cura di Verità.”

La cattiveria quotidiana 390

dei coniugi Biagini
Epitaffio: “Qui giace Femminista Arrivista Atutticosti. Tirò calcioni a tutti e a tutto ciò che trovò sulla sua strada finché incontrò una bomba inesplosa.”

Malignità occasionale: la biscia

di Maria Antonietta Novara Biagini
Davanti a una scuola di un quartiere residenziale elegante della nobile città di Mezastrassa.
Atto primo.
UN BAMBINO – Mamma, mamma, hai visto, c’è un serpente!
LA MADRE – Ho visto, sarà una vipera.
ALTRA MADRE – Una vipera! State indietro.
TERZA MADRE – Ma no, è una biscia.
(Bambini schiamazzanti, invece di entrare nella scuola, accorrono a frotte a vedere l’animale, a stento

La cattiveria quotidiana 389

dei coniugi Biagini
Epitaffio: “In questa scatolina giace quanto di Animalonzo Bestiacchioni si poté recuperare. Entrò nella gabbia delle tigri a predicarvi il verbo della Liberazione Animale.”

Ridicolo?


A chi dà del ridicolo?
di Lorenzo Penotti
Parlando dei cosiddetti diritti gay questa specie di essere dalla forma vagamente umana ha definito ridicolo l'atteggiamento del presidente Putin nei riguardi degli invertiti. Le foto bastano per far capire chi sia ridicolo.
Ma sul serio?

La cattiveria quotidiana 388

dei coniugi Biagini
Pensierino del cristiano perseguitato: “Ma perché non sono nato alga o vermiciattolo, così il Vaticano si sarebbe mosso un po’ di più per me?

La cattiveria quotidiana 387

dei coniugi Biagini
Epitaffio: “In questa scatola giace il superstite osso di Ambientino Tremarella. Terrorizzato dal riscaldamento globale, si rifugiò nel congelatore di una macelleria e finì venduto per manzo dal macellaio che ci vedeva poco.”

La cattiveria quotidiana 386

dei coniugi Biagini
Strategie di cattolici tradizionalisti a confronto. “Noi abbiamo adottato quel detto: ‘Non importa il colore del gatto, purché acchiappi i topi’.” “Noi invece abbiamo un gatto magnifico che discende da un’antica tradizione di mici aristocratici, con un pedigree lungo un metro, e si muove con innata eleganza.” “E ne acchiappa topi?” “No, vuole solo Kitekat.”

Nullità di Matrimonio

di Giovanni Zenone
Voglio intervenire sulla questione della maggiore facilità nel procedimento per nullità di Matrimonio voluta da Papa Francesco I. C'è subito chi ha gridato allo scandalo, che così si riduce ancora di più la dimensione sacramentale del Matrimonio, si sminuisce il vincolo indissolubile etc. Credo che questo sia un rischio remoto. La vera questione è a monte. Il Matrimonio cattolico è una cosa seria, per volere la quale è necessaria e imprescindibile una fede cattolica d'acciaio. Non è opzionale, per sposarsi in Chiesa, volere ed essere capaci di

Malignità occasionale: Dal mondo della medicina: la sindrome dlc

di Emilio Biagini
Grave preoccupazione ha destato nei membri più avveduti ed aperti della gerarchia l’insorgere di una malattia di particolare virulenza: la DLC (Dio Li Creò, sottinteso “Maschio e Femmina”). Il sintomo principale è una violenta tendenza a carattere epidemico, diffusa tra l’imbecilgente laica, a pretendere perentoriamente che la famiglia sia esclusivamente formata da due strani esseri noti come uomo maschio e donna femmina, nonché dei piccoli mostriciattoli da essi generati ad aggravare la sovrappopolazione del

La cattiveria quotidiana 385

dei coniugi Biagini
Fraternità cristiana tradizionalista. “Cacchio, l’avessi organizzata io quella dimostrazione pro vita di un milione di persone! Ma dato che non l’ho organizzata io, ne scriverò peste e corna sul blog.”

Nonna non raccontava le favole

Il Giornale, sabato 22 agosto 2015. Clicca per leggere

Un romanzo straordinario di Maria Antonietta Novara Biagini, Nonna non raccontava le favole. Uno di quei libri che ti ricreano l'anima e - senza rendertene conto - ti ritrovi cattolico. Un esempio di come si possa divertire ed edificare il prossimo nello stesso tempo. Quando la bellezza, la storia e la verità camminano insieme. 

Massimiliano Lussana, Il Giornale, sabato 22 agosto 2015
Ci sono libri che restano, persino aldilà del contenuto, della storia raccontata della trama. Perché sono libri e opere che raccontano anche un'epoca, un mondo, un contesto, aldilà del testo. Sono spesso i libri di ambientazione siciliana, dai Viceré di Federico de Roberto, al Gattopardo di Giuseppe Tomasi di Lampedusa. Ma, anche a modo loro, I malavoglia di Giovanni Verga o - per cambiare latitudine o arte - passando dalla letteratura al cinema, film come La meglio gioventù di Marco Tullio Giordana o Novecento di Bernardo Bertolucci. O, per venire alle canzoni, Belle Epoque di Francesco de Gregori, che è un omaggio a Dino Campana e ai suoi Canti Orfici, ma racconta anche e soprattutto l'ultima notte del Novecento.
Ecco, Nonna  non raccontava le favole, l'ultimo libro di Maria Antonietta Novara Biagini, è un libro di quella razza. Un grande romanzo storico che è sì un affresco che racconta la famiglia dell’autrice. Ma, allo stesso modo, è un viaggio in un

Clandestini? No grazie!

C'è almeno un Comune civile in Italia!

La cattiveria quotidiana 384

dei coniugi Biagini
Monsignore Galantina / e con lui fra’ Vaselina: / ma che bella coppiettina! / Stanno lì sera e mattina / a cavar dalla latrina / la morale ballerina.

La cattiveria quotidiana 383

dei coniugi Biagini
“Ma insomma, questi Biagini non rispettano neanche il Vangelo!” “Ma quello non è mica il Vangelo: è come lo deformano certi preti.” 

La cattiveria quotidiana 382

dei coniugi Biagini
Il Vangelo riveduto e scorretto. “In quel tempo disse Gesù: ‘Ecco le chiavi del Regno dei Cieli, ma non adoperatele, perché chi siamo noi per giudicare?’.”

La sintesi tomistica di Padre Réginald Garrigou-Lagrange

Clicca per info e acquisti
di Cristina Siccardi
In questo formidabile compendio ritroviamo l’insegnamento di San Tommaso d’Aquino e dei suoi discepoli. Un libro che consigliamo vivamente, così come sconsigliamo con decisione la lettura del saggio Chiesa cattolica. Essenza-Realtà-Missione di Walter Kasper.

Fede & Cultura ripropone un capolavoro del Novecento, con traduzione integrale, finemente curato e impreziosito da due nuove appendici. Si tratta de La sintesi tomistica, una delle opere più mature del grande teologo domenicano Padre Réginald Garrigou-Lagrange. In questo formidabile compendio  ritroviamo l’insegnamento di San Tommaso d’Aquino e dei suoi discepoli.

Tutta la realtà del creato è vista alla luce delle dottrine cattoliche della Trinità, del Creatore, dell’Incarnazione in

La cattiveria quotidiana 381

dei cnoiugi Biagini
Il Vangelo riveduto e scorretto. “In quel tempo disse Gesù: ‘Infelici voi quando vi perseguiteranno, cercate di scappare, e che nessuno si faccia male’.”

La cattiveria quotidiana 380

dei coniugi Biagini
Il Vangelo riveduto e scorretto. “In quel tempo disse Gesù: ‘Cercate anzitutto la pulizia dell’ambiente, e il resto vi sarà dato in sovrappiù’.”

La cattiveria quotidiana 379

dei coniugi Biagini
Il Vangelo riveduto e scorretto. “In quel tempo disse Gesù: ‘Se vi diranno che è sorto un altro Cristo, evitate le chiusure preconcette e poco caritatevoli. Andate ad ascoltarlo e verificate di persona’.”

La cattiveria quotidiana 378

dei coniugi Biagini
Il Vangelo riveduto e scorretto. “In quel tempo disse Gesù: ‘E soprattutto sia il vostro parlare ni-ni, so-so’. Tutto il resto viene dai malvagi tradizionalisti.” 

La vita eterna


Clicca per info e acquisto
Un breve riassunto della dottrina cattolica della certa Speranza della Vita eterna con la confutazione delle deviazioni ereticali sul tema. Un libro breve e necessario in questi tempi di scoraggiamento. Ora offerto a prezzo ribassato per poco.

La cattiveria quotidiana 377

dei coniugi Biagini
Il Vangelo riveduto e scorretto. “In quel tempo disse Gesù: ‘Fratelli, non è il caso di scaldarsi tanto. In fondo tutte le religioni sono buone.’.”

Gli Ebrei messianici

Clicca: di nuovo DISPONIBILE!
di Piero Vassallo
Fu Marx autore del paradosso secondo cui solamente l’apostasia dal monoteismo, cioè la soppressione dell’identità religiosa, poteva garantire agli ebrei della diaspora la pacifica convivenza e l’integrazione con gli alti popoli.
   Freud, avanzando nella direzione indicata da Marx e anticipando Simone Weil, arrivò al punto di affermare che il monoteismo ebbe origine dall’intrusione della teologia professata dall’egiziano Mosé nell’universo di un popolo di consolidata tradizione politeista.
    Al seguito di Freud, alcuni esponenti della più rovente eterodossia ebraica, Walter Benjamin, Ernst Bloch, Simone Weil, Herbert Marcuse, Jacob Taubes, facendosi interpreti

La cattiveria quotidiana 376

dei coniugi Biagini
Il Vangelo riveduto e scorretto. “In quel tempo disse Gesù: ‘Fratelli, vi esorto ad essere candidi come colombe e astuti come serpenti. Soprattutto astuti come serpenti’.”