Non giudicare

Il non giudicare è un criterio per capire se l'ascesi ha condotto il monaco a Dio. Non serve a nulla che un monaco digiuni con tanto rigore e che lavori con tanta fatica se poi giudica gli altri. In questo caso l'ascesi non lo ha portato soltanto a sapersi elevare sugli altri. Gli è servita a soddisfare la sua superbia, a incrementare la consapevolezza del proprio valore. Ho incontrato se stesso nella propria ascesa, in chi ha resistito a rimanere nella cella  anche quando gli veniva voglia di allontanarsi, svanisce ogni giudizio verso gli altri.  Molte sentenze degli eremiti esortano quindi a restare in se stessi, a confrontarsi con la propria verità  e a non esprimere giudizi sugli altri. 
(Anselm Grün, Il cielo comincia in te, p. 75)

Nessun commento: