La cattiveria quotidiana 271

dei coniugi Biagini
“A Pasquì, quann’è che se svejeno ‘sti preti?” “Ott’ore dopo c’ha cantato er gallo, Romolé.”

Nessun commento: