La cattiveria quotidiana 277

dei coniugi Biagini
Godi lobby progressista: è aperta la caccia al cattolico. Armi consentite: pistole ad acqua di fogna, lupare lanciaveleno, spingarde spruzzafango.

La cattiveria quotidiana 276

dei coniugi Biagini
“A Pasquì, ma ‘sto San Francesco era proprio dialogante e pacifista?” “Sì, dint’a le capocce de li progressisti.”

La cattiveria quotidiana 275

dei coniugi Biagini
“A Pasquì, ma su ‘sta “terra de li fochi” chi cià guadagnato?” “Quello c’ha scatenato aa cagnara, Romolé.”

La cattiveria quotidiana 274

dei coniugi Biagini
“A Pasquì, ce lo sai che la mi’ comare Sofonisba riceve messaggi celesti e ‘na Voce dar cielo j’a detto che li prelati so’ quasi tutti giuda e puzzoni?” “A Romolé, ma che bisogno c’era de ‘na voce celeste pe’ sapé ‘sta cosa?”

La cattiveria quotidiana 273

dei coniugi Biagini
“A Pasquì, te che ce la sai l’istoria... Ma nun c’era uno che diceva che la Chiesa nun ci aveva più nemici?” “Che voi che te dica, Romolé, de matti è pieno er monno.”

La cattiveria quotidiana 272

dei coniugi Biagini
“A Pasquì, ched’è ‘sta lucetta là in fonno a’a chiesa che vacilla e se sta a spegne?” “È la Fede, Romolé.” “E perché se sta a spegne?” “Perché li preti se so’ venduti l’olio.”

Genocidio degli Armeni: solo per oggi a 2,99

Clicca
Cari Amici,
vi suggerisco di acquistare il bellissimo romanzo storico di Franz Werfel "I Quaranta giorni del Mussa Dagh" sul genocidio degli Armeni da parte del governo turco ottomano. La verità proclamata da Papa Francesco, subito coperto di contumelie da islamici e benpensanti di casa nostra è ormai storia ben conosciuta. Raccontata con dovizia di particolari ma con maestria formidabile dall'ebreo Franz Werfel, autore del perfetto "Il canto di Bernadette". Amazon vende ora "I Quaranta giorni del Mussa Dagh" a € 10,99 in formato Amazon Kindle.
Giovanni Zenone

Luce dal sepolcro: la Sindone parla

Clicca per info
Solo per gli amici di don Camillo il meraviglioso libro di Emanuela Marinelli (massima specialista della Sindone) e Marco Fasol (storico dei Vangeli) "Luce dal sepolcro" SUPER DISCOUNT a 12,4 invece che a 15,50. Solo con carta di credito o paypal al link sottostante. Non dimenticate di inserire il vostro indirizzo postale! Offerta valida solo fino a domenica. Clicca qui. https://www.paypal.com/cgi-bin/webscr?cmd=_s-xclick&hosted_button_id=BV98MFBJYN4PL
Offerta valida solo per l'Italia

La cattiveria quotidiana 271

dei coniugi Biagini
“A Pasquì, quann’è che se svejeno ‘sti preti?” “Ott’ore dopo c’ha cantato er gallo, Romolé.”

Parzialità e imparzialità nella vita ecclesiale

di Giovanni Cavalcoli
A tutti in fondo piace l'imparzialità, il giudice imparziale, super partes, l'arbitro imparziale; ma molti, o impressionati dalla propria fallibilità o per motivi di comodo o perché ingannati da false filosofie, la considerano impossibile, perciò, considerano che tanto varrebbe e sarebbe saggio rassegnarsi ad accettare tranquillamente questo fatto ed anzi erigere a sistema tale scetticismo come cosa normale e legge inevitabile del conoscere e del giudicare.
Ma cos’è l'imparzialità? È quella

La cattiveria quotidiana 270

dei coniugi Biagini
“A Pasquì, ma ‘sti preti nun doveveno pesca’ li omini pe’ portalli in paradiso.” “Ma Romolè, nun ce lo sai che chi dorme nun piglia pesci?”

1 maggio a Linarolo con Fede & Cultura

Venerdì 1 maggio 2015 presso la parrocchia di sant'Antonio abate in via Roma, 4 a lInarolo (PV) si terrà la terza giornata della Buona Stampa e il primo incontro nazionale della Lega cattolica per la preghiera di riparazione. Saremo presenti con uno stand dei nostri libri. Sarà disponibile in omaggio per tutti il segnalibri del volume "Mario Palmaro - il buon seme fiorirà", il catalogo e gli aggiornamenti del catalogo appena usciti. Non mancate! Clicca sulla locandina per ingrandirla.
Primo incontro nazionale della Lega cattolica per la preghiera di riparazione
Clicca per ingrandire

Malignità occasionale: non toccate i conigli

di Maria Antonietta Novara Biagini
In un paese della Toscana rossa, il sor Pancrazio incontra un amico e gli racconta:
“Andai dal beccaio a comprare un honiglio da mettere in hasserola, e sai hosa mi disse? Mi redarguì: ‘O grullo, o he tu vvoi? Il coniglio è animale d’affezione e han vietato di mascellarlo. Se voi ti do du’ bistecche di haprone.’ Me ne sono andato sahramentando. Ma tu guarda! La mi’ moje ha ammazzato du’ bimbi holl’aborto, hanno ammazzato mi padre in ospedale con la scusa dell’eutanasia, e io ‘un posso mangiarmi un honiglio?”.

La cattiveria quotidiana 269

dei coniugi Biagini
“A Pasquì, ma che vor dì: ‘Cristianesimo on the road?’” “Vor dì che l’hanno sbattuto sulla strada e nun ci ha più un posto dove annà.”

La cattiveria quotidiana 268

dei coniugi Biagini
“A Pasquì, ma che so’ sti preti de strada? Che so’ come ‘e mignotte?” “No, no, Romolé, quanno mai ‘e mignotte han detto così tante stronzate?”

La cattiveria quotidiana 267

dei coniugi Biagini
“A Pasquì, perché c’è tant’odio contro la caccia?” “E so’ li animalisti che cianno paura che ammazzeno li parenti loro.”

La cattiveria quotidiana 265

dei coniugi Biagini
“A Pasquì, cos’è ‘na transazione?” “È quando uno riconosce d’ave’ torto in una causa pe’ evità de perdella der tutto, Romolé.” “E se uno sa’a rimagna er giorno appresso?” “Vor dì che perde pure a’a faccia, Romolé.”

La cattiveria quotidiana 264

dei coniugi Biagini
Che differenza c’è fra un negozio e un seminario? Che il negozio si chiude quando ha troppo pochi clienti, mentre il seminario viene chiuso quando ha tanti seminaristi.

La cattiveria quotidiana 263

dei coniugi Biagini
“Nonno, cos’è la modernità? “È il vecchiume di domani.” “E il modernismo?” “È il vecchiume di oggi.”

La cattiveria quotidiana 262

dei coniugi Biagini
Nuovo catechismo. “Che fa la Chiesa?” “Soffre.” “E la chiesa modernista?” “S’offre.” (con l’apostrofo).

La cattiveria quotidiana 261

dei coniugi Biagini
“Ma come ti è saltato in testa di diventare islamico?” “Ti dirò: a forza di vedere i preti tentennanti su tutto mi è venuta voglia di una religione che non fa sconti.”

Vangeli e Sindone, una coincidenza straordinaria

di Francesco Agnoli (La Nuova Bussola Quotidiana 9 aprile 2015)
Professore di storia e filosofia in un prestigioso istituto veronese paritario, Marco Fasol studia da anni la questione dell’autenticità dei Vangeli canonici alla luce delle più moderne conoscenze filologiche e documentali. Un argomento di nicchia, che è esploso ai tempi de Il codice da Vinci di Dan Brown, quando milioni di persone hanno appreso, per la prima volta, dell’esistenza dei cosiddetti Vangeli apocrifi, e, con il gusto classico delle cose proibite, si sono fatti guidare da un narratore americano in un percorso romanzesco ed immaginifico che però non ha, con i fatti, alcun collegamento.
L’idea che i veri Vangeli siano quelli apocrifi (o qualcuno di essi), non era nuova: Dan Brown, notoriamente vicino ad ambienti esoterici, poteva trovarne traccia in altri passaggi della storia. Vari gerarchi nazisti, per esempio, erano convinti dell’esistenza di un Quinto Vangelo, nascosto dalla Chiesa, in cui erano contenute verità coerenti con l’ideologia nazional-socialista, e in conflitto, invece, con la dottrina cattolica. Proprio per fornire a molti lettori conoscenze scientifiche sui Vangeli canonici ed apocrifi, Fasol scrisse un libretto, Il codice svelato, che fu un autentico best seller. Oggi ritorna sull’argomento, in tutt’altro contesto: infatti il suo saggio sull’autenticità dei Vangeli, pubblicato da Fede & Cultura, esce insieme ad un saggio della scienziata Emanuela Marinelli, sulla Sindone. Il titolo: Luce dal sepolcro. Indagine sull’autenticità della Sindone e dei Vangeli. Fasol e Marinelli offrono ai lettori una (continua qui)

La cattiveria quotidiana 260

dei coniugi Biagini
“Ma come mai ti sei fatto buddista?” “Ti dirò: un prete mi ha riempito la testa di buonismo, un altro di assistenzialismo, un altro della città dei diritti, un altro di rispetto delle diversità, un altro di dialogo coi diversamente credenti... Io volevo solo chi mi parlasse di Dio.”

La cattiveria quotidiana 259

dei coniugi Biagini
I diversi. Vecchio decrepito = diversamente giovane. Paralitico = diversamente abile. Adultero = diversamente fedele. Progressista = diversamente intelligente.

Buona Pasqua!

A tutti i nostri lettori auguriamo una santa Pasqua di risurrezione! Ricordiamo che fino al 17 aprile non saranno effettuate spedizioni, neanche urgenti, per gli ordini a Fede & Cultura. Chi avesse bisogno dei nostri volumi può acquistarli presso la nostra sede in via Marconi 58c-60a - 37122 Verona.

La cattiveria quotidiana 256

dei coniugi Biagini
Testimonianze storiche. “Non esiste nessun complotto.” Firmato: Le Banche. “Non esiste la mafia.” Firmato: Totò Riina.

La cattiveria quotidiana 255

dei coniugi Biagini
“Monsignor Strisciante, nella chiesa di Tripallo le statue dei santi piangono.” “Chiudete la chiesa.” “Già fatto, ma le lacrime escono dalla porta.” “Allora vendetela agli islamici. Così ne fanno una moschea e ci diamo un taglio.”

La riforma ecclesiale in san Pio X e Papa Francesco

Clicca per info
di Marco Mancini
L’assioma Ecclesia semper reformanda ha assunto nel tempo la sua validità anche nel cattolicesimo. Al n. 43 di Gaudium et Spes, i padri conciliari hanno affermato che “benché la Chiesa, per la virtù dello Spirito Santo, sia rimasta sempre sposa fedele del suo Signore e non abbia mai cessato di essere segno di salvezza nel mondo, essa tuttavia non ignora affatto che tra i suoi membri, sia chierici che laici, nella

I preti peggiori

di don Ariel S. Levi di Gualdo
... i peggiori in assoluto sono sicuramente quelli che non sono riusciti nelle loro scalate e che finiti in seguito licenziati dalla curia romana o dal servizio diplomatico, una volta rimandati trombati&frustrati nelle loro diocesi di origine si sono rivelati per i loro vescovi ed i loro confratelli degli ingestibili concentrati dei peggiori veleni.
da L'Isola di Patmos, 2 aprile 2015

La cattiveria quotidiana 254

dei coniugi Biagini
I consigli di monsignor Strisciante: “Se i protestanti non si convertono, convertiamoci noi al protestantesimo. Così realizziamo l’unità ecumenica.”