La cattiveria quotidiana 236

dei coniugi Biagini
In tribunale. Prima causa: uxoricidio. Il giudice: “Ordino la scarcerazione dell’imputato, che avendo ormai ammazzato la moglie non può reiterare il reato.” Seconda causa: razzismo contro i “ghei”, l’imputato ha detto che sono malati che si possono guarire. Il giudice: “Ah no, questo è gravissimo. Dieci anni di soggiorno rieducativo in una comunità ghei sadomaso.”

Nessun commento: