Gianfranco Amato a Verona 28 febbraio


Clicca per info
Oggi alle 17 presso Fede & Cultura in via Marconi 60a a Verona Gianfranco Amato presidente dei Giuristi per la Vita fa conferenza su indottrinamento gender nelle scuole italiane. I suoi due libri in collezione a 25 euro invece che 32.

La cattiveria quotidiana 223

dei coniugi Biagini
“A Pasquì, ched’è quer fumo?” “E ‘na chiesa che abbrucia.” “E perché?” “Perché er parroco s’è rifiutà de celebrà un certo matrimonio. Dice che così impareno a fà der bullismo omofobico e transfobico.”

La cattiveria quotidiana 223

dei coniugi Biagini
“Mi dica, buon uomo, questa bella chiesa così verde, a chi è dedicata?” “È la chiesa della verdura, dove si sposano i finocchi...” “E con chi si sposano?” “Con le rape, gli zucchini, le melanzane, i pomodori...”

Già disponibile!

Prima del previsto e a grande richiesta offriamo Mario Palmaro - Il buon seme fiorirà. Un libro memoria di una grande eroe della fede e della cultura. Due copie scontate su La Voce di don Camillo solo con carta di credito o paypal cliccando sul bottone qui sotto.

Quantità

La cattiveria quotidiana 222

dei coniugi Biagini
“AAPP, se ‘quelli’ ottengono il ‘matrimonio’ civile, poi pretenderanno mica di sposarsi anche in chiesa?” “E se fosse? Chi sono io per giudicare?”

Bullismo pig-gender in USA

di Laura Bencetti
Curioso che gli attivisti LGBT si lamentino sempre di essere vittime di bullismo, di intolleranza.
Perché è proprio il loro un atteggiamento intollerante, violento, nei confronti di chi si dimostra in disaccordo con le loro idee.
Fox News ci racconta un vero e proprio caso di “bullismo LGBT” avvenuto in una scuola californiana.
I rappresentanti della Queer Straight Alliance, un’organizzazione che raggruppa tutte le associazioni lgbt della California, sono andati all’Acalanes High School (Lafayette, CA) per tenere delle lezioni sulle istanze lgbt: durante le stesse, gli adolescenti che hanno manifestato il proprio disaccordo nei

La cattiveria quotidiana 221

dei coniugi Biagini
“AAPP, cosa diciamo agli insegnanti di religione all’inizio dell’anno scolastico?” “Di guardarsi dal bullismo omofobico e transfobico dei cattolici.”

La cattiveria quotidiana 220

dei coniugi Biagini
“AAPP, è urgente fare qualcosa per quell’accusa di bullismo omofobico e transfobico, e abbiamo finito la scorta di bandiere bianche. Cosa issiamo sul campanile?” “Ci sarebbero le mie mutande.”

La cattiveria quotidiana 219

dei coniugi Biagini
“Buu, buu, sigh.” “Che c’è, giovanotto?” “La Repubblica ha detto che ho il bullismo omofobico e transfobico dei cattolici, buu, buu, sigh, sob.”

La cattiveria quotidiana 218

dei coniugi Biagini
“Signor prevosto, di là c’è un tizio con una carota.” “Cosa vuole?” “Sposarsi.” “E con chi?” “Con la carota.” “Ma come?” “Dice che tra carote e finocchi è facilissimo...”    

La cattiveria quotidiana 217

dei coniugi Biagini
“Signor prevosto, di là ci sono altri due che vogliono sposarsi, ma sono un tizio e il suo cane.” “Va bene, li faccia passare, lo sa che dobbiamo adeguarci al mondo, e poi chi sono io per giudicare?”

La cattiveria quotidiana 216

dei coniugi Biagini
“Signor prevosto, di là ci sono due che vogliono sposarsi.” “Va bene, li faccia passare.” “Ma sono una tizia e il suo gatto.” “Li faccia passare lo stesso. Chi sono io per giudicare?”

La cattiveria quotidiana 215

dei coniugi Biagini
“A Pasquì, che ne fanno de li conventi voti dopo che li frati se ne so’ annati?” “Che ne so, Romolé? Forse ce metteno centri sociali o case d’appuntamenti pe’ preti soli.”

I soliti vigliacchi e stolti

di Giovanni Zenone
L'Ansa titola così: Gentiloni: 'No alle crociate. L'unica soluzione è politica'. Siamo alle solite comiche dei vigliacchi politici. Abbiamo il nemico tagliagole alla frontiera che ci sta invadendo anche coi migranti e questi ancora favoleggiano di "soluzioni politiche", come se non sapessimo tutti - loro compresi - che la politica non ha mai risolto nulla, ma ha solo aggravato e complicato le cose, aumentando i fiumi di sangue innocente sparsi mentre i politici vigliacchi stanno a chiacchierare. Con gli islamici jihadisti c'è una sola ed unica soluzione: il piombo. Quella che bene o male hanno sempre usato gli israeliani che di queste cose hanno  lunga esperienza. Quella che la Chiesa ha sempre insegnato: rispondere al nemico ingiusto con armi e mezzi proporzionali all'attacco. Altri insegnamenti sono solo una stupida e stolta imitazione - senza professionalità - dei già per nulla professionali politici.

Il demonio come essere personale

Clicca per info e acquisti
Votazione complessiva:
Livelli: imperdibile per chiunque è interessato al tema. Leggibilità: molto buona. Piacevolezza/scorrevolezza: buona. Voto complessivo: 8/10. Consiglio: senz’altro da leggere.
Una vera chicca questa fatica di Oliosi. Un argomento particolare, trattato in modo serio e articolato, senza alcuna enfasi spettacolare. Oliosi traccia un breve ma argomentato e completo profilo teologico, patristico, filosofico e biblico della figura del demonio dando ragione della posizione della Chiesa Cattolica. A questo libro non manca neppure di spiegare cosa sia l’esorcista e come la Chiesa lo prepara. Non si sottrae neppure al confronto con la

La cattiveria quotidiana 214

dei coniugi Biagini
“A Pasquì, ma perché er monno nun va d’accordo co li conventi?” “Sai com’è Romolé? È ‘na questione de diavolo contro acqua santa.”

Mario Palmaro: il buon seme fiorirà

Clicca per info e acquisti
Cari amici,
ho il piacere di annunciarvi che il 2 marzo 2015 uscirà l'atteso libro Mario Palmaro. Il buon seme fioriràpoco prima dell'anniversario della sua nascita al Cielo, scritto a cura di Alessandro Gnocchi e con contributi di amici ed estimatori di questo grande apologeta ed eroe della fede e della cultura. Potete già prenotare il volume per averlo in anteprima rispetto alle librerie acquistandolo con un click sulla copertina o con una mail a ordini@fedecultura.com.
Giovanni Zenone

La cattiveria quotidiana 213

dei coniugi Biagini
“A Pasquì, come mai li frati e le monache lasceno li conventi?” “Perché loro scappaveno dar monno, ma se er monno è entrato ner convento tanto vale annasse a fa’ mezzo litro fori der convento, Romolé.”

Luce dal sepolcro: presentazione

Presentazione del libro "Luce dal sepolcro" fatta giovedì 12 febbraio 2014 presso la sede di Fede & Cultura nella libreria l'isola del Tesoro. Introduzione del direttore di Fede & Cultura Prof. Giovanni Zenone, relazione della Prof.ssa Emanuela Marinelli e poi del Prof. Marco Fasol, coautori.

L'azione del Maligno

di Mons. Gino Oliosi

Azione ordinaria e straordinaria del Maligno

Clicca per info

Azione ordinaria

Quando gli apostoli hanno chiesto a Gesù: insegnaci a pregare, ha indicato sette domande. Noi questa sera nella prima mezz’ora ci fermeremo sulla sesta: “ non indurci, non abbandonarci alla tentazione” e questa è l’azione ordinaria del Maligno. Nella seconda mezz’ora, prima delle vostre domande, ci soffermeremo sulla settima: “liberaci dal Male, dal Maligno” è l’azione straordinaria. E mi rifaccio alla Lettera trimestrale n.61 pp.13-22 a cura dell’Associazione Internazionale Esorcisti.
Il Santo Padre Francesco nell’omelia della Solennità dell’Epifania ci descrive due tentazioni del diavolo. “Quando

La cattiveria quotidiana 212

dei coniugi Biagini
“A Pasquì, ma li vegani vengheno da’a stella Vega?” “No Romolé, so’ dei lunatici.”

La cattiveria quotidiana 211

dei coniugi Biagini
“A Pasquì, ma perché in Franza so’ stati a mobilita’ l’esercito co’ li cannoni?” “Pare che ce fussero da schiaccia’ tre moschini, Romolé.”

La cattiveria quotidiana 210

dei coniugi Biagini
“A Pasquì, ma cos’è sta’ fraternité?” “È il diritto che ciai de stà’ zitto dopo che t’hanno sbafato l’orto tuo, Romolé.”

Marinelli e Fasol a Verona

La serata del 12 febbraio con Emanuela Marinelli e Marco Fasol, autori di Luce dal sepolcro è stata seguita da 40 partecipanti. Presto metteremo online le relazioni in video. Qui di seguito inseriamo alcune foto dell'inizio.
Prima dell'inizio della conferenza

L'inizio della relazione Marinelli
Marinelli, Fasol e lo staff di Fede & Cultura


La cattiveria quotidiana 209

dei coniugi Biagini
“A Pasquì, ma cos’è sta’ egalité?” “È er diritto de veni’ a saccheggia’ l’orto tuo dopo che se so’ sbafati quello loro, Romolé.”

Malignità occasionale: Dal mondo della medicina: la sindrome CEE

di Emilio Biagini
Una nuova pericolosa sindrome si è insinuata nei laici: la CEE (Concordismo Entusiasta Esagitato). Il sintomo principale è un’esagerata tendenza di taluni laici a credere, senza previa autorizzazione superiore, che la Sacra Scrittura abbia qualcosa a che fare con la realtà. Il malato si addentra in ricerche che non gli competono e arriva perfino a rallegrarsi se paiono avere successo. La prognosi è generalmente infausta, soprattutto per l’amor proprio dei chierici indebitamente scavalcati. La terapia consigliata è smontare simili ricerche, ma sembra, da precedenti esperienze cliniche, che abbia scarso successo, perché la realtà e la verità della Sacra Scrittura continuano impudentemente a riemergere nonostante ogni tentativo dei chierici di oscurarle con discorsi nebbiosi e inconcludenti.

Mario Palmaro, a breve il libro!

Clicca per info
A breve su queste pagine troverete l'annuncio del libro sull'amico Mario Palmaro a un anno dalla morte. Un grande cattolico, un grande apologeta, un grande amico.
Prenota già ora il libro: http://www.lavocedidoncamillo.com/2015/02/mario-palmaro-il-buon-seme-fiorira.html

La cattiveria quotidiana 207

dei coniugi Biagini
“A Pasquì, che so’ quelli straccioni davanti a’a Basilica?” “So’ le nove guardie der papa, Romolé: so’ quelli da’a teologia da’a liberazione: tutti tupamaros e sandinisti.” “E le guardie svizzere?” “Eran roba da museo, Romolé, se ne so’ tornati alli pascoli alpini loro, o forse so’ annati a fa’ e’e comparse a holliwuddo.”

La cattiveria quotidiana 206

dei coniugi Biagini
“A Pasquì, te ce lo sai perché li cardinali so’ vestiti tutti rossi?” “Una volta voleva di’ che dovevano sta’ pronti a versa’ er sangue per la Fede, Romolé.” “E mo’?” “Mo’ vor dì che han da esse comunisti.”

Partecipa alla guerra contro i corruttori dell'infanzia!

Noi di Fede & Cultura con Gianfranco Amato Presidente dei Giuristi per la vita abbiamo cominciato la difesa nei confronti di coloro che stanno corrompendo i nostri figli nelle scuole - in particolare statali - con il totalitarismo ideologico gender. Partecipa anche tu alla Resistenza contro gli orchi che vogliono violare l'innocenza dei nostri bambini! Leggi e diffondi i libri "Omofobia o eterofobia?" e "Gender (d)Istruzione"!

La cattiveria quotidiana 204

dei coniugi Biagini
“Papà, cos’è l’omofobia? “È quando uno non sopporta la sua immagine allo specchio.”

Una conferenza d'eccezione di Fede & Cultura a Verona!

Clicca per info
Giovedì 12 febbraio alle ore 18 Emanuela Marinelli, la più grande sindonologa italiana, e Marco Fasol, storico dei Vangeli, presenteranno presso la sede di Fede & Cultura a Verona in via Marconi 60a - 37122 il loro libro scritto a quattro mani Luce dal sepolcro. Non mancare! Drink.

La cattiveria quotidiana 203

dei coniugi Biagini
“Pvonto, AAPP, guavdi bene di sostefeve la nostva campagna contvo l’omofobia, fe no mettiamo in piazza le sue... abitudini.” “Ma no, cova dici, cavo, io fono sempve stato dalla vostva pavte.”

La cattiveria quotidiana 202

dei coniugi Biagini
Pensierino della sera dell’AAPP: “Speriamo che crepino tutti quei negracci che hanno fatto ostruzionismo alla nostra lotta all’omofobia”.

La cattiveria quotidiana 201

dei coniugi Biagini
Pensierino della sera dell’AAPP: “Speriamo che la campagna degli Arci-indecisi contro l’omofobia abbia successo. Così io e il mio cappellano coroneremo il nostro sogno d’amore”.

La cattiveria quotidiana 200

dei coniugi Biagini
“Mamma, cos’è la democrazia?” “È il permesso di pensare quello che gli Arci-indecisi dicono di pensare.”

Un vescovo e una donna

Clicca per info
Fresco di stampa Un vescovo e una donna, il nuovo libro della specialista in Storia del Monachesimo Maria Bianca Graziosi Autrice de Il Monachesimo primitivo. Il grande rapporto di amicizia tra San Giovanni Crisostomo e la diaconessa Olimpia alla luce dell’amore di Cristo e della comunione ecclesiale. Un rapporto di alta spiritualità fondato su una totale identità di vedute e sulla comunione ecclesiale, pur nella lontananza e nella persecuzione: questa fu la profonda amicizia tra San Giovanni Crisostomo e la diaconessa Olimpia nella Costantinopoli del IV secolo, caratterizzata da forti ferventi politici e da deleterie

Due o tre cose che il cristiano Adinolfi non sa

di Stefano Fontana
Anche se scritto in modo forse frettoloso, l’intervento di Mario Adinolfi su La Croce di domenica scorsa, merita una risposta organica, nella supposizione – avendo egli omessa l’indicazione del termine polemico – che intendesse rivolgersi a noi e a me in particolare. I cattolici democratici, sodalizio a cui è sempre appartenuto il nuovo Presidente della

La cattiveria quotidiana 199

dei coniugi Biagini
“Mamma, perché papà è tornato con un occhio nero e una benda intorno alla testa?” “Perché, partecipando alle Sentinelle in piedi, ha incontrato i democratici.”

La cattiveria quotidiana 198

dei coniugi Biagini
“Papà, perché quel prete ha detto che l’inferno è vuoto?” “Perché vuole starci comodo lui.”

Mattarella al Quirinale, per liquidare i cattolici

di Stefano Fontana
Qualche giorno fa La Nuova Bussola aveva pubblicato un articolo sulle elezioni presidenziali dal titolo: “Non un cattolico”. Invece è stato eletto proprio un cattolico, Sergio Mattarella. Abbiamo quindi perso? Certo, abbiamo perso, ma questo non significa aver sbagliato. Che un quotidiano come La Nuova Bussola chieda che al Colle non salga un cattolico è già di per sé strano e indicatore di un tempo di confusione. Che poi un Parlamento in cui i cattolici sono una sparuta e scomposta minoranza elegga proprio un cattolico è la cartina al tornasole di una anomalia ormai strutturale e fuori controllo.

Facciamo un semplice ragionamento. Stanno transitando in Parlamento molti disegni di legge che, se approvati, sconvolgerebbero in profondità – anzi capovolgerebbero – la

La cattiveria quotidiana 197

dei coniugi Biagini
“Papà, perché c’è il Sant’Uffizio?” “Perché qualcosa di santo devono pur averlo.”