La cattiveria quotidiana 113

dei coniugi Biagini
“Reverendissimo Abate, i tremilasettecento figli spirituali del frate che abbiamo spedito nelle paludi di Talimbàdia lo rivogliono indietro.” “Dite che è malato, e lo abbiamo mandato a curarsi nel posto più salubre che le nostre modeste risorse ci permettevano.”

Nessun commento: