La cattiveria quotidiana 62

dei coniugi Biagini
Il prete guida un gruppo di pellegrini in Terra Santa: “E in questo punto del Giordano, cari fratelli, ci fu il ‘barattolo’ di Gesù.”

La cattiveria quotidiana 61

dei coniugi Biagini
Recenti ricerche mediche hanno accertato che l’intelligenza è una malattia del cervello. Possiamo attestare senza ombra di dubbio che Beppe Grillo gode di ottima salute.

L'impegno primario

di san Massimiliano Maria Kolbe
La gloria di Dio risplende soprattutto nella salvezza delle anime che Cristo ha redento con il suo sangue. Ne deriva che l’impegno primario della nostra missione apostolica sarà quello di procurare la salvezza e la santificazione del maggior numero di anime. 

Mutare se stessi

di Beato Guignone
Tu non devi desiderare per te che il mutamento di te stesso: cioè della tua conoscenza e della tua volontà. Quanto al mutamento o riforma delle altre cose, tu puoi accontentarti di desiderarle, e se sarà il caso. Qualsiasi altro male, estraneo a te stesso, può giovarti, qualora ti governi bene con la conoscenza e la volontà.
(da Frontespizio, aprile 1936, p. 5)

La cattiveria quotidiana 60

dei coniugi Biagini
Lungomare di Rapallo, 1964: pochi cani, tanti bambini. 2014: tanti cani, pochi bambini. In mezzo (blandamente contrastate da chiacchiere dal clero): leggi del divorzio (1970) e dell’aborto (1978).

Tutti scontati del 50%!

Clicca e scegli!
Per alcuni giorni di agosto a partire da oggi tutti i nostri eBook Fede & Cultura sono scontati al 50%. Credo che sia una buona occasione per avere Buona Stampa a un prezzo super conveniente. Gli eBook si possono leggere con programmi scaricabili gratis da internet con estrema facilità, sia col computer che col il cellulare che con gli appositi eReader. Non perdete l'occasione per completare la vostra libreria Fede & Cultura in formato digitale!

La cattiveria quotidiana 59

dei coniugi Biagini
Volevo solo vendere un po’ di caramelle. Mi hanno sequestrato tutto, mi hanno diffidato e multato. Mancava poco che mi arrestassero. La prossima volta mi tingo di nero, così niente tasse, niente biglietto sui treni, nessun bisogno di licenze.

Saper vedere

di Camille Pissarro
Felici coloro che scorgono la bellezza nei luoghi modesti dove altri non vedono nulla. Tutto è bello, il vero segreto consiste nel sapere come interpretarlo.
(Camille Pissarro in Irving Stone, Vortici di gloria p. 646-647)

La cattiveria quotidiana 58

dei coniugi Biagini
“Papà, a cosa servono le tasse?” “Pierino, smettila, non vedi che sto mangiando?”

In esclusiva per Fede & Cultura Associazione

Cari amici di Fede & Cultura, vi offriamo per pochi giorni l'occasione di leggere un importante libro di Angela Pellicciari in edizione esclusiva fuori commercio per la nostra Associazione e i nostri sostenitori. Con una donazione di 13 euro avrete questo piacevole e interessantissimo libro orientativo. Il volume vi sarà spedito a partire dal 2 settembre. La donazione va fatta con carta di credito o paypal schiacciando il bottone sottostante o con bollettino di conto corrente postale sul c/c 1013008808 intestato a Fede & Cultura Associazione specificando nella causale "Donazione Buona Stampa Gnosi al potere" oppure con bonifico bancario sul conto Banco Posta IBAN: IT57V0760111700001013008808 specificando nella causale "Donazione Buona Stampa Gnosi al potere" e mettendo sempre il vostro indirizzo postale per la consegna altrimenti non riusciamo a spedire.
Leggilo fra un minuto in Amazon Kindle.

Questo libro parla di gnosi, cioè del tentativo di alcuni, che si ritengono migliori degli altri, di imporre la propria volontà a tutti, e in modo particolare ai cattolici, a cominciare dal momento in cui i liberal-massoni si impadroniscono dell’Italia e di Roma. Attraverso questa e altre vicende italiane, il potere della gnosi si è perpetuato fino ai nostri giorni, inserito nel contesto europeo e mondiale. Un problema quanto mai attuale, in un’Europa che pretende di realizzarsi negando le radici cristiane e di dare vita a un uomo di tipo nuovo, costruito a partire dalle false libertà della tecnoscienza.

La cattiveria quotidiana 57

dei coniugi Biagini
“Papà, che differenza c’è tra il governo e la tata?” “Che la tata almeno si può licenziare”.

Un esordio a tinte plumbee...

da Libertà e Persona 7 agosto 2014
Un esordio a tinte plumbee quello di Roberto Marchesini, che debutta nella narrativa con un poliziesco ambientato nella grigia e gelata Milano di fine anni Settanta (gli anni della strategia della tensione, degli anni di piombo, del terrorismo politico): Nebbia di piombo (Edizioni Gondolin, 12 €) parte dal ritrovamento del cadavere di un giudice, proprio davanti alla sua porta di casa. L’omicidio è chiaramente opera di un professionista (ovviamente senza volto e senza nome, che ha bloccato la strada con un’automobile e ha fatto
fuoco mirando direttamente al cuore) e tutto sembra collegare il delitto all’escalation di violenza di quegli anni, soprattutto alla luce delle simpatie di sinistra del (continua su Libertà e Persona)

Riverenza e sacrificio

di san Giovanni Paolo II
"Il Popolo di Dio ha bisogno di vedere nei sacerdoti e nei diaconi un comportamento pieno di riverenza e di dignità, capace di aiutarlo a penetrare le cose invisibili, anche senza tante parole e spiegazioni. Nel Messale Romano, detto di san Pio V, come in diverse Liturgie orientali, vi sono bellissime preghiere con le quali il sacerdote esprime il più profondo senso di umiltà e di riverenza di fronte ai santi misteri: esse rivelano la sostanza stessa di qualsiasi Liturgia.
La celebrazione liturgica presieduta dal sacerdote è un’assemblea orante, radunata nella fede e attenta alla Parola di Dio. Essa ha come scopo primario quello di presentare alla divina Maestà il Sacrificio vivo, puro e

La cattiveria quotidiana 56

dei coniugi Biagini
“Papà, chi sono i buoni?” “Quelli che hanno vinto la guerra.” “E i cattivi?” “Quelli che l’hanno persa”.

Santo patrono

San Marone.
Il santo patrono degli uomini sposati o dei fedeli che partecipano alle messe show dei preti moderni?


La cattiveria quotidiana 55

dei coniugi Biagini
“Papà, cos’è la famiglia naturale?” “Taci, Pierino, che ci arrestano”.

C'è un galantuomo in Vaticano?

L'ultimo libro di Gotti Tedeschi
di Rino Cammilleri
Si usa dire che il tempo è galantuomo, ma spesso non è vero. Le poche volte in cui lo è, magari l’interessato è defunto da un pezzo. Non è il caso di Ettore Gotti Tedeschi, che, una a una, sta avendo la ventura di veder cadere tutte le teste che lo cacciarono in malo modo dalla presidenza dello Ior appena due anni fa. Nel febbraio di quest’anno è stato assolto a pieni voti dalla magistratura italiana, che ha invece messo sotto processo quelli che lo avversarono. A fine luglio si è chiusa con un proscioglimento generale l’indagine su Finmeccanica che ha avuto come unico bel risultato la perdita di un  lucroso contratto internazionale a tutto svantaggio di quest’ultima. Gotti Tedeschi, che si era visto sequestrare le relative carte in suo possesso (con tanto di perquisizione all’alba), ne è uscito pulitissimo.
L’ultima soddisfazione gli è venuta il 31 luglio dall’Ordine dei Medici di Roma, che ha sanzionato con la «censura» lo psichiatra Pietro Lasalvia, come riferisce il vaticanista de L’Espresso Sandro Magister nel suo blog «Settimo cielo». Lasalvia, che assisteva i dipendenti dello Ior, durante un rinfresco in occasione dello scambio degli auguri per il Natale del 2011, aveva “analizzato”, a distanza e a insaputa del “paziente”, Gotti Tedeschi. Poi, nel marzo dell’anno dopo, questa diagnosi era finita, su carta intestata dello

Nebbia di piombo

Clicca per info e acquisti
Un'ottima lettura estiva, un giallo appassionante che crea un clima coinvolgente. Un libro da non perdere. Lo puoi leggere fra un minuto con Amazon Kindle o Mac iBooks oppure puoi ordinarlo in formato cartaceo.
Leggine la recensione di Rino Cammilleri su La Nuova Bussola Quotidiana.(la recensione è stata rimossa da La Nuova Bussola Quotidiana nel pomeriggio stesso del 5 agosto).

La cattiveria quotidiana 54

dei coniugi Biagini
Mondiali di calcio: Benedetto batte Francesco 1-0.

La cattiveria quotidiana 53

dei coniugi Biagini
Al confessionale. “Padre, sono andato di nuovo in una casa di appuntamenti.” “Male, male, figliolo. A che indirizzo?”.

Quella cara vecchia pipa

Clicca per info e acquisti
di Omar Ebrahime
La collana de “I libri del ritorno all'ordine” diretta da Mario Palmaro (1968-2014) e Alessandro Gnocchi per l'editore Fede & Cultura di Verona manda in queste settimane in libreria l'ultimo lavoro: lo firma Fabio Trevisan e ha per oggetto la visione del mondo oltre che, più specificamente, di critica alla modernità di uno dei geni letterari più brillanti di tutti i tempi, lo scrittore londinese Gilbert Keith Chesterton (cfr. F. Trevisan, Quella cara vecchia pipa. Le piccole cose, le canzoni, le favole, la tradizione in Gilbert Keith Chesterton, Fede & Cultura, Verona 2014, Pp. 186, Euro 16,00). Trevisan, che di Chesterton è studioso dotto e appassionato da anni essendo stato fondatore dei “Gruppi Chestertoniani Veronesi” e avendogli già dedicato in passato lavori di qualità (come le riduzioni teatrali Uomo vivo con due gambe (2005) e Il pazzo e il re (2006) usciti sempre per le edizioni dirette dal professor Giovanni Zenone), offre qui in undici gustosi capitoli tematici tutti da leggere e

Vangelo e morale

di Giovanni Cavalcoli
Possono a tutta prima sorprendere le parole del Card. Reinhald Marx, nuovo Presidente della Conferenza Episcopale Tedesca, recentemente pronunciate e riportate nell’edizione di Vatican Insider del 14 marzo 2014. Egli infatti mette in rapporto la morale col Vangelo così da dar l’impressione che il Vangelo non insegni una morale o non s’interessi di morale.
 Il Card. Marx nega infatti che “la morale sia l’essenza del cristianesimo, come se Gesù avesse soprattutto pensato a cementare la nostra società con la morale. Non riesco proprio

La cattiveria quotidiana 52

dei coniugi Biagini
“Pierino, domani devi venire accompagnato dal tuo genitore uno.” “Non posso, signora maestra.” “E perché?” “Perché i miei genitori stanno litigando su chi dev’essere il numero uno”.

La cattiveria quotidiana 51

dei coniugi Biagini
Sillogismo dell’Alto Prelato: “La Chiesa ha da essere povera. Giustizia impone che si prenda ai ricchi per dare ai poveri. Ergo: a me i soldi”.