A che serve una nuova legge elettorale

di Danilo Quinto
La Dichiarazione del Presidente del Senato - "Ce la sto mettendo tutta e ce la facciamo, altrimenti Grillo dal 30 va all'80 per cento. Io credo che il mio ottimismo si trasformerà a breve in certezza. Vedo notevoli margini che ci lasciano
pensare che a breve si arrivi a un'ampia intesa tra le forze politiche" – la dice lunga sugli intenti della politica di cambiamento della legge elettorale. Nessuna volontà di riaffidare ai cittadini il diritto di eleggere i loro rappresentanti con libertà. Solo il pervicace proposito di arginare il “fenomeno Grillo” – che la politica stessa ha legittimato e creato – in base ad una legge elettorale che assicuri una diversa percentuale per garantirsi il premio di maggioranza. In altri termini, una rozza e funambolica messa in scena.

Nessun commento: