Napolitano fa campagna elettorale


di Danilo Quinto
Non s’era mai visto prima. Nessun Presidente della Repubblica della storia del nostro Paese ha mai fatto campagna elettorale per nessuno. Qualcuno magari è andato un po’ fuori le righe, ma nessuno – mai – aveva così
parteggiato come fa Giorgio Napolitano. “Siamo passati da una situazione d'emergenza – ha detto il Presidente della Repubblica nel corso della sua visita in Olanda - ad una fase di stabilizzazione. Il premier Monti ha avviato una profonda fase di risanamento dei conti pubblici e ha varato una serie impressionante di riforme". Sul dopo-Monti, Napolitano ha espresso “fiducia nella saggezza dei cittadini italiani”.
Costituzione alla mano, non è compito del Presidente della Repubblica esprimere giudizi sull’esecutivo e fare appelli evidenti alla saggezza degli italiani in direzione di un voto consono alle riforme avviate e alla strategia intrapresa. L’Italia è, in base alle norme scritte, una Repubblica parlamentare, che nell’ultimo anno, in modo strisciante, è divenuta una Repubblica presidenziale. Ne risulta così stravolto il ruolo del Presidente della Repubblica, quello del Parlamento e il dettato della Costituzione. Che pochi lo sottolineino è un segno dell’ignavia e dell’insipienza di coloro che sono soliti esprimere opinioni, che nella maggior parte dei casi non si basano sui fatti, ma solo sul servilismo nei confronti del potere.

Nessun commento: