Metti un giorno tra amici nella fede…


di Omar Ebrahime
La realtà supera la fantasia, si dice spesso, con una frase fatta. Ieri, nel mio piccolo, ne ho avuto un’altra memorabile dimostrazione in una libreria di Roma. L’oggetto della conversazione era la novità cattolica dell’anno: Sposati e sii sottomessa della mitica Costanza Miriano, mamma, sposa e apologeta, decine di migliaia di copie vendute e quattro ristampe in pochi mesi. La conversazione, a suo modo indicativa dell’aria che si respira nel luogo, si è svolta così:
Commesso A: Ho quasi finito quel libro…ma è pesante, è
proprio pesante, non pensavo!
Commesso B: In effetti non volevo dirtelo quando l’hai preso ma guarda che lei è una bacchettona, è proprio retrò, trova sempre da ridire…
Commesso A: Altroché, non pensavo a questi livelli, ma lo è proprio!
Commesso B: Sì, sì, vuol farci credere che è una simpatica, si costruisce questa figura da amicona del cuore ma se stessimo a dare retta veramente a quelle cose che dice lei staremmo freschi…
Commesso A:  Pensavo fosse solo una provocazione!
Commesso B: Ma no, che provocazione, lei ci crede veramente a quello che scrive!
Commesso A: Mamma mia che roba…
Commesso B: Pensa se uno le desse retta veramente! E c’è pure gente che lo compra! ma chi lo accetta dai…
  
Dove si è svolto questo dialogo sopraffino secondo voi? alla festa de L’Unità (il giornale fondato da Gramsci)? a una convention della UAAR? al circolo degli artisti di strada?
No, in via della Conciliazione, giusto davanti San Pietro, tra due commessi di una grande libreria, che è anche una casa editrice, cattolica… 
P.s.: per chi non l’avesse capito, la ‘provocazione’ del libro della Miriano è ovviamente una celebre citazione dal Nuovo Testamento, Colossesi (3,18) ma anche Efesini (5,22). Eh, quel buontempone di San Paolo…

Nessun commento: