Presto revoca dello status cattolico dell'Ist. Teologico san Zeno a Verona?

Con un decreto firmato lo scorso 11 luglio dal Segretario di Stato di Sua Santità, cardinale Tarcisio Bertone, la Santa Sede ha abrogato lo status canonico di cui si fregiava l'ormai ex-Pontificia Università Cattolica del Perù (PCUP). Il decreto proibisce formalmente questo ateneo di utilizzare, d'ora in poi, i titoli di "Pontificia" e di "Cattolica". Questo esito, doloroso quanto inevitabile, giunge dopo ben quaranta anni di
litigi, sia civili (per il possesso di beni legati a un testamento che prevede il lascito "a un'istituzione di carattere cattolico"); sia soprattutto canonici poiché, come università pontificia, la PUCP e sotto il Diritto Canonico, in particolare ai sensi della Costituzione Apostolica Ex corde Ecclesiae, di Giovanni Paolo II. Il decreto ha avuto ampia ripercussione sulla stampa italiana, non solo per l'importanza del fatto in sé, ma anche come possibile avvisaglia per taluni atenei "cattolici" nostrani, ... sui quali anche di recente è infuriata la polemica. "Una decisione storica (...) una mossa unica nel suo genere", commentava il vaticanista di La Stampa Andrés Beltramo. La perdita dell'identità cattolica dell'ormai ex-PUCP è in buona parte attribuibile all'influenza della Teologia della liberazione, elaborata dal sacerdote peruviano Gustavo Gutiérrez. (Brano tratto da da: bollettino mail 29/7/2012 ATFP.

Ora che si comincia a fare la pulizia nella Chiesa come auspicò l'allora Card. Ratzinger alla Via Crucis del 2005, pochi giorni prima di essere fatto Papa, si prevede che presto la Santa Sede revochi lo status di cattolico anche all'Istituto Teologico San Zeno a Verona. In questo istituto fra le molte altre cose gravissime che presto renderemo pubbliche si è pubblicamente buttato nel cestino della spazzatura il Catechismo della Chiesa Cattolica bollandolo come il "catechismo di Roma", si insegna l'eretica dottrina della transignificazione invece che della transustanziazione, si afferma che  la devozione della Madonna è deleteria per la Chiesa perché offusca Gesù. Si sbrighi chi ne ha il dovere a fare pulizia in casa, prima che debba farlo l'Autorità superiore.

Nessun commento: