Comunicazione

Questo sito offre un servizio culturale cattolico e non è un mezzo per sterili polemiche e informazioni personali - peraltro ricercabili con facilità su internet. I troll che insistono a postare commenti con richieste personali e private, oppure offensivi,  o semplicemente insensati, sappiano che non saranno pubblicati. Inoltre è buona norma firmarsi con nome e cognome se si desidera essere presi in cosiderazione con maggiore interesse.

Il Direttore di Fede & Cultura
Prof. Giovanni Zenone Ph.D.

10 commenti:

αθεόί ha detto...

devo sentirmi chiamato in causa per caso?

La Voce di don Camillo ha detto...

Solo a volte, quelle in cui non viene pubblicato.

Pietro Severo ha detto...

Per quanto io cerchi, non c'è traccia di un Prof. Zenone....

Anonimo ha detto...

Domanda allo spiritosone "Pietro Severo": e dove, di grazia, le avrebbe cercate queste "traccie" del Prof. Zenone?
Tommaso Pellegrino-Torino

Pietro Severo ha detto...

Gentile Signor Pellegrino, la ringrazio primariamente di aver notato lo spirito della mia, non è da tutti, e lei dimostra di essere uomo di spirito. Per rispondere alla sua, su google e yahoo, ma senza che risulti traccia alcuna di istituti nei quali il nostro onori alunni della diffusione del proprio sapere. Forse lei, se lo conosce, può chiederglielo, assieme alla corretta ortografia del plurale di "traccia".....

Tommaso Pellegrino ha detto...

Caro "superspiritosone" (a questo punto)Pietro Severo, che fa dello spirito sull'ortografia invece di badare alla sostanza ed è pure accecato o incapace di usare motori di ricerca. Digitando "Giovanni Zenone" su Google,infatti, non è che non esca proprio nessuna informazione sul medesimo.
Da lì si evince, tra tante altre cose, che esiste pure un suo blog, che è il direttore di Fede e Cultura nonchè un saggista con all'attivo diverse pubblicazioni.
Non vedo perchè, secondo lei, sarebbe stato preferibile rinvenire, anzichè un simile curriculum, la notizia che il nostro insegna, magari, in una scuoletta media di campagna. Me lo dica lei. Distinti saluti.
Tommaso Pellegrino-Torino
www.tommasopellegrino.blogspot.com

Pietro Severo ha detto...

Gentile Pellegrino,
lei è contraddittorio: mi invita a badare alla sostanza e non si cura che vi sia una sostanza dietro al titolo di "professore", poichè esso rimane pura forma se non suppportato dalla pratica abitudine della cattedra.
La ringrazio di avermi ricordato tale simile curriculum, ma come può capire io mi accontento di sapere quanto qualificativi siano i titoli con cui il nostro si appella.
Quanto poi alla "scuoletta media di campagna", è semplice: se l'ottimo vi insegnasse, sarebbe certo un professore. Per sua informazione, anche mio zio ha un blog e scrive saggi, come devo chiamarlo?
La sostanza, caro Pellegrino, è che Don Camillo ha la forza della Parola, non dei "titoli".
Ci pensi.
Tanto le dovevo.

Pietro Severo ha detto...

Il Pellegrino forse ha ripreso il suo cammino, o ha perso la lingua....

Tommaso Pellegrino ha detto...

Gentile Pietro Severo, mi scusi se la importuno un'ultima volta (le prometto che è veramente l'ultima: le confesso che, col tempo, lei mi è divenuto anche più simpatico mentre io, mi rendo conto, mi sono reso un po' noioso) onde aggiungere una piccola nota a conclusione del nostro disquisire sulla qualifica "professorale" o meno del professor (a questo punto possiamo dirlo) Zenone: il piccolo profilo biografico del nostro rinvenuto sul sito della rivista "Il Timone", alla quale lo stesso collabora, recita testualmente:
"E' professore di Religione Cattolica e visiting professor presso l'Istituto Filosofico e Teologico di Scutari (Albania)".
Se lei ritenesse ciò non sufficiente, dal suo punto di vista avrebbe ragione lei: il Zenone non sarebbe un professore, in quanto altre notizie di sue attività di "insegnamento" non ne ho effettivamente trovate, ma a questo non credo proprio...
La saluto simpaticamente.
Tommaso Pellegrino-Torino

Pietro Severo ha detto...

Gentile Signor Pellegrino,
ero preoccupato dal suo silenzio, tanto da averla voluta "stimolare".
La sua mi rincuora, così come lo spirito che ne emerge. La ringrazio delle informazioni e della gentilezza. Entrambe mi sono utili: la seconda per confidare nella speranza di un dialogo possibile e proficuo con chi ne ha effettiva voglia, le prime perchè....bhè, effettivamente si commentano da sole. Un caro saluto.